L’ex addetta stampa Stephanie Grisham ha affermato che il “paranoico” di Trump è uscito dalle riunioni per mantenere i dettagli fuori dagli archivi.

Stephanie Grisham ha affermato che il “paranoico” Donald Trump ha tenuto diversi incontri “off-record” alla Casa Bianca per mantenere i dettagli fuori dagli Archivi Nazionali.

La signora Grisham, che è stata addetta stampa della Casa Bianca e capo dello staff della first lady Melania Trump durante l’amministrazione Trump, ha detto alla CNN che l’allora presidente ha tenuto “molte” riunioni a porte chiuse che sono state omesse dalla sua agenda pubblica.

Togliendo le riunioni dai libri mastri, ha detto, “tutto ciò che è scritto rischia di essere gettato nella spazzatura”.

La signora Grisham, che ha pubblicato un libro controverso, ha parlato del suo tempo con la famiglia Trump mentre l’ex presidente continua a cercare di bloccare il rilascio degli Archivi nazionali delle rivolte del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti.

Il comitato ristretto della Camera ha richiesto questi documenti il ​​6 gennaio come parte della sua indagine sulla violenta insurrezione dei sostenitori di Trump che ha lasciato cinque morti.

Ma, secondo Gresham, molte delle discussioni non sono state registrate.

“Molti incontri si svolgono nella residenza dove spero che vedano i registri delle chiamate, ma ho anche la sensazione che a volte le cose non vengano inserite nei registri delle chiamate”, ha detto.

La signora Gresham ha detto che lo scopo era duplice.

“Si sono tenuti così tanti incontri perché il presidente all’epoca era così paranoico riguardo alle fughe di notizie che così tanti incontri si sono svolti a casa”, ha detto.

“Un numero in modo che possa tenere traccia di chi è stato lì, e se c’è una perdita, può provare a capirlo.

READ  Ondate di caldo in Europa: la Spagna soffre quello che potrebbe essere il giorno più caldo di sempre | notizie dal mondo

“Ma in secondo luogo, è stato messo via da libri e documenti e tutto ciò che è stato scritto rischia di essere gettato nella spazzatura dove le persone non possono venire a recuperarlo per l’archiviazione”.

Ha aggiunto: “È successo un bel po’ e sono sicura che il comitato di selezione ne è consapevole e sta esaminando la cosa”.

La signora Grisham ha affermato che l’ex capo di gabinetto della Casa Bianca Mark Meadows è stato coinvolto nella pianificazione di alcuni di questi incontri.

“Mark Meadows era uno verso la fine che stava sicuramente aiutando a pianificare quegli incontri, quindi penso che dovresti parlare con Mark Meadows, penso che smetterà”, ha detto.

Il signor Meadows non si è presentato davanti al comitato ristretto della Camera venerdì mattina in una mossa che ora lo lascia a rischio di essere accusato penalmente di disprezzo del Congresso.

L’ex aiutante della Casa Bianca ha ricevuto un mandato di comparizione dal presidente del Comitato del Mississippi Penny Thompson per testimoniare davanti al comitato e consegnare i documenti relativi alle rivolte del Campidoglio.

La sua conformità alla citazione è stata estesa mentre tentava di negoziare i termini della sua conformità con la commissione.

Giovedì, tuttavia, è stato emesso un ordine di comparire la mattina successiva.

Thompson e il membro senior del panel Liz Cheney hanno confermato che Meadows non ha partecipato e hanno detto che stavano considerando di perseguire le accuse di oltraggio.

La sua mancata comparizione è avvenuta lo stesso giorno in cui il Dipartimento di Giustizia ha accusato Steve Bannon di disprezzo del Congresso dopo che anche lui si era rifiutato di conformarsi alle citazioni in giudizio del comitato.

READ  Trump afferma la sua autorità sui repubblicani mentre Liz Cheney affronta la cacciata | Repubblicani

Bannon, che è stato consigliere di Trump, è stato deferito al Dipartimento di Giustizia dopo un voto della Camera il mese scorso.

Tuttavia, il comitato ha avuto un successo venerdì dopo che una corte d’appello federale ha temporaneamente bloccato gli Archivi nazionali dalla consegna dei documenti al comitato.

Martedì, un giudice federale ha stabilito che i documenti devono essere rilasciati entro la scadenza del venerdì.

Ma la Corte d’Appello del Circuito di Washington ha emesso un’ingiunzione temporanea mentre Trump continua il suo appello contro il loro rilascio.

È stata fissata una data del 30 novembre per il team legale di Trump per presentare argomentazioni orali per il suo appello.

L’ex presidente ha affermato che il privilegio esecutivo significava che i record non dovevano essere rilasciati.

Il presidente Joe Biden non era d’accordo perché Trump non è più presidente e quindi non è più protetto dal privilegio esecutivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *