Letture quotidiane nel cimitero di Dante 700 anni dopo la sua morte | divertimento

Ravenna, Italia – Come ogni sera da otto mesi, Giuliana Turatti apre la sua versione logora della “Divina Commedia” di Dante come l’ultima delle 13 campane della chiesa che risuonano intorno alla tomba del grande poeta italiano.

L’Italia onora Dante Alighieri – che morì in esilio da Firenze il 13 settembre 1321 – in innumerevoli modi nel 700 ° anniversario della sua morte. Questi includono nuove composizioni musicali, concerti, mostre e letture drammatiche su sfondi mozzafiato in ogni angolo del paese. Papa Francesco ha scritto una lettera apostolica, l’ultima delle quali è di un Papa che esamina il rapporto di Dante con la Chiesa cattolica romana.

Ma il tributo non è stato più intimo di quanto non fosse davanti alla sua tomba, restaurata nell’anniversario, mentre il crepuscolo cade ogni giorno a Ravenna, l’ex capitale bizantina.

Torati, residente a vita a Ravenna, viene ad ascoltare mentre i fan volontari di Dante recitano una canzone, seguendo la versione della “Divina Commedia” incisa con l’anno in cui studiò l’opera della poetessa a scuola: 1967.

C’è sempre qualcosa di nuovo, ha detto Torati. “Anche se l’hai letto e riletto, Dante ha sempre qualcosa di nuovo da raccontarci.”

La lettura quotidiana, parte della celebrazione annuale di Dante iniziata a settembre, mira a collegare la gente comune – residenti, turisti, studiosi e non iniziati – con la “divina commedia” come tributo dalla città che ha adottato durante l’esilio.

Ci sono versioni in 60 lingue della “Divina Commedia” nelle vicinanze e gli organizzatori prevedono che verrà letta anche dai turisti stranieri una volta che il viaggio riprenderà dopo la pandemia.

READ  Gli abbonati a Netflix si iscrivono per un nuovo orribile film horror

“Forse la lettura di Dante è l’apprezzamento più vero e profondo che possiamo dare”, ha detto Francesca Massie, Segretario Generale del Comitato Organizzatore di Dante 700 a Ravenna. “Ci vogliono tutti per fare uno sforzo per voltarsi verso Dante, mentre spesso chiediamo a Dante di venire verso di noi, magari allungarsi un po ‘senza capirlo, e sostenerlo. Invece questo modo formale di leggere, senza commenti, è rispettoso”.

Dante trascorse anni a comporre la “Divina Commedia” mentre era in esilio dalla nativa Firenze, patria del volgare che elevò a lingua letteraria attraverso la sua poesia.

Mentre Dante fu adottato come simbolo dell’Unità d’Italia nel 1861, Firenze e Ravenna continuarono a combattere per l’eredità di Dante. Le controversie su chi avesse il diritto di rivendicare i suoi resti scoppiarono ancora sui giornali sette secoli dopo la sua morte.

Firenze, a quanto pare, avrebbe abbandonato la sua richiesta di condannare Dante all’esilio e il suo ritorno sarebbe stato punito con la morte.

Il verdetto è stato scritto nel libro mastro di corte dal XIV secolo in mostra fino all’8 agosto nell’ambito di una mostra sul rapporto di Dante con Firenze al Museo Nazionale del Bargello. Il museo è ospitato in un palazzo medievale che Dante conosceva e visitò come sede del più alto magistrato, e dove fu condannato in contumacia nella stessa sala a volta che ora espone il famoso bronzo del David dello scultore rinascimentale Donatello.

Il museo contiene anche un murale di Dante, dipinto da Giotto contemporaneo dopo la morte del poeta, così come Lucifero, raffigurato con le immagini di Dante – tre teste e ali di pipistrello.

READ  I migliori giochi da tavolo fantasiosi da giocare mentre sei chiuso | Divertimento civiltà

“Sono molto importanti, perché significa che le icone introdotte da Dante sono state subito accolte a Firenze nelle arti grafiche”, ha detto Paula D’Agostino, direttrice del Museo Nazionale del Bargello.

Il direttore del museo Gianfranco Brunelli ha affermato che un’altra mostra al Museo San Domenico, vicino a Ravenna, a Forlì, riunisce 300 opere da tutto il mondo per raccontare la storia di Dante attraverso i secoli, dai pezzi che lo hanno influenzato a quelli che lo hanno influenzato.

La mostra, che si tiene insieme agli Uffizi di Firenze e che durerà fino al 4 luglio, comprende l’arte contemporanea di Dante, elaborati manoscritti delle sue opere, ritratti del poeta e pezzi ispirati al suo monumentale poema epico di artisti come Picasso, Goto, Tintoretto, e Michelangelo.

Brunelli ha detto che non sorprende che Dante continui a stupire le persone attraverso i secoli.

I soggetti di Dante sono quelli del Cielo e della Terra. Brunelli diceva: “Parla di salvezza e perdono, di cose fondamentali per la vita umana.” “Per questo l’arte può tornare a Dante e ai suoi sudditi solo un numero infinito di volte. “

Condannato a morte nel 1302, Dante trascorse la maggior parte della sua vita rimanente a Verona e poi a Ravenna, dove arrivò nel 1318 o 1319. Morì di malaria dopo una missione diplomatica nella Repubblica di Venezia, 100 chilometri (60 miglia) a nord .

A Ravenna Dante aveva visitato le antiche basiliche bizantine della città ei suoi famosi mosaici, e si ritiene che abbia ispirato alcuni passaggi del suo capolavoro. In un recente tour, Massy ha fatto riferimento alla “Processione delle Vergini” all’interno della Chiesa di Sant’Apollinare Novo, che si riflette in una casa del “Purgatorio”, la seconda sezione del suo capolavoro: “E vestivano di bianco, cioè in questo mondo non è mai stato. “

READ  Apre a Berkeley - East Bay Times la prima Spesicheria nella Bay Area

In occasione dell’anniversario, Ricardo Muti, un altro eminente cittadino di Ravenna, prevede di eseguire un nuovo brano orchestrale basato sul “Purgatorio” scritto dal compositore armeno Tigran Mansurian il 12 settembre, nell’ambito del Festival Ravenal dedicato a Dante. Seguiranno esibizioni a Firenze e Verona.

Le cerimonie di chiusura di settembre includeranno il pellegrinaggio annuale di funzionari di Firenze, che arrivano a Ravenna con un’esposizione di olio per mantenere accesa la fiamma sulla tomba della tomba di Dante per un altro anno.

“Dante ha trovato la sua pace in questa città”, ha detto Muti all’Associated Press, aggiungendo che ha trovato “conforto” per vivere a 200 metri (iarde) dal suo ultimo luogo di riposo per “questo spirito straordinario”.

Mutti ha detto: “Personalmente, sento questa vicinanza alle sue ossa come un privilegio, come se da quel cimitero emanasse un senso di onestà, rettitudine e buone notizie per il popolo italiano da Ravenna al mondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *