L’Estonia celebra gli anniversari delle relazioni con Francia, Regno Unito, Belgio, Italia e Giappone

Cento anni fa, il 26 gennaio 1921, i governi dei membri del Consiglio supremo delle forze alleate – Francia, Regno Unito, Belgio, Italia e Giappone – riconobbero la Repubblica di Estonia.

Il 27 gennaio 1921, il quotidiano Postimees annunciò che “il riconoscimento finale – che è, dopotutto, ciò che significa riconoscere” lo stato di diritto “o” per legge “- da parte delle maggiori potenze occidentali apre completamente la strada per il popolo estone alla rispettabile famiglia di stati indipendenti A livello nazionale, sono stati rimossi ogni dubbio e incredulità sul fatto che la nazione estone, indipendentemente dalla sua sete di libertà e dalla coraggiosa lotta per l’indipendenza, possa preservare permanentemente la sua indipendenza con il riconoscimento finale tra i principali paesi occidentali poteri.

Il 27 gennaio 1921, il quotidiano Postimees annunciò che il riconoscimento finale da parte delle maggiori potenze occidentali aprì completamente la strada al popolo estone alla rispettata famiglia di stati nazionali indipendenti.

Il ministero degli Esteri estone ha affermato in una dichiarazione che il riconoscimento legale delle maggiori potenze ha aumentato la sicurezza politica e regionale e ha aperto la porta a successivi atti di riconoscimento, oltre a fornire l’opportunità di avviare relazioni amichevoli e aumentare la prosperità economica attraverso il commercio.

Il Giappone è uno dei partner commerciali più importanti dell’Estonia in Asia

Le relazioni amichevoli stabilite cento anni fa sono ancora forti oggi. L’Estonia ha ambasciate in Francia, [the] “Il Regno Unito, Belgio, Italia e Giappone, e abbiamo stretti contatti sia a livello bilaterale che nelle organizzazioni internazionali”, ha detto il ministero.

Il 26 gennaio, il sottosegretario agli affari politici del ministero degli Esteri estone, Rin Tamsar, e l’ambasciatore giapponese in Estonia, Hajime Kitaoka, si sono incontrati per celebrare il centenario delle relazioni ufficiali tra Estonia e Giappone.

“È molto gratificante notare che le relazioni tra Giappone ed Estonia, che sono state tradizionalmente buone, sono diventate più strette negli ultimi anni”, ha detto Tamsar. Miriamo a rafforzare i legami economici tra Estonia e Giappone e supportare le aziende estoni nell’esportazione di prodotti e servizi con un grande potenziale. Gli incontri di alto livello degli ultimi anni testimoniano i nostri ottimi rapporti “.

READ  Olivon France inizierà i lavori per l'apertura del Campionato Sei Nazioni in Italia
Il primo ministro estone Taavi Recivas incontra il suo omologo giapponese Shinzo Abe a Tokyo.  Credito: Tauno Tõhk, ufficio governativo dell'Estonia.
L’allora Primo Ministro dell’Estonia, Taavi Rõivas, incontrò la sua controparte giapponese dell’epoca, Shinzo Abe, a Tokyo nel 2016. Foto di Tono Tok.

Il Giappone è uno dei partner commerciali più importanti dell’Estonia in Asia. L’interesse per le attività dell’Estonia nello sviluppo dello stato elettronico e dei servizi digitali è cresciuto, mentre anche i legami culturali sono stretti. Gli esperti estoni parlano spesso in vari forum e comuni in Giappone, come confermato dal ministero degli Affari esteri.

Legami forti con la Francia

Dopo l’occupazione sovietica dell’Estonia, il 6 settembre 1991, il nuovo ambasciatore giapponese in Estonia, Hirokazu Arai, ha presentato il riconoscimento ufficiale dell’indipendenza dell’Estonia ai funzionari estoni. Le relazioni diplomatiche tra i due paesi furono ripristinate il 10 ottobre e il 1 gennaio 1993 il Giappone aprì la sua ambasciata a Tallinn. L’Estonia ha aperto la sua ambasciata a Tokyo il 4 marzo 1996.

Un altro importante partner dell’Estonia sulla scena internazionale è la Francia. La pietra angolare delle relazioni tra i due paesi è il riconoscimento da parte della Francia dello status giuridico della Repubblica di Estonia, che non ha mai riconosciuto l’occupazione dell’Estonia da parte dell’Unione Sovietica.

Le relazioni diplomatiche tra l’Estonia e la Francia furono ripristinate dopo l’occupazione sovietica il 30 agosto 1991. I due paesi godono di forti relazioni economiche e culturali. Nel campo della difesa, i due paesi cooperano strettamente a livello bilaterale e multilaterale.

La Francia è stata la prima grande potenza occidentale a riconoscere l'indipendenza di Estonia, Lettonia e Lituania.  Appena cinque giorni dopo il riconoscimento, il ministro degli Esteri francese Roland Dumas si è recato in visita in Estonia ed è stato ricevuto a Cadriorgue dal presidente del Consiglio supremo, Arnold Rutel, e dal ministro degli esteri Lennart Meri.  Foto di Peter Langovets dagli archivi del Dipartimento di Stato.
La Francia è stata la prima grande potenza occidentale a riconoscere l’indipendenza di Estonia, Lettonia e Lituania nel 1991. Dopo soli cinque giorni dal riconoscimento, il ministro degli esteri francese Roland Dumas ha visitato l’Estonia ed è stato ricevuto a Kadriorg dal presidente del Consiglio supremo, Arnold Rüttel, e il ministro degli Esteri Lennart Meri. Foto di Peter Langovets dagli archivi del Dipartimento di Stato.

Le principali aree di cooperazione in materia di difesa sono le operazioni internazionali e la difesa informatica. La Francia è anche uno dei principali sostenitori della missione di polizia aerea nella regione baltica, poiché vi partecipa dal 2007. La Francia ha partecipato a diversi progetti volti ad aiutare i paesi baltici nel campo della difesa e ha sostenuto la formazione in lingua francese in estone difesa. Forze.

READ  La banca centrale italiana chiede coesione per tagliare il debito

L’Italia è membro fondatore del NATO Center for Cyber ​​Defense

L’Italia fu un’altra grande potenza a riconoscere l’Estonia il 26 gennaio 1921. Il primo ambasciatore italiano in Estonia fu Agostino Depretis, che presentò le sue credenziali nel febbraio 1921. Nel giugno 1921, il primo rappresentante diplomatico dell’Estonia in Italia, Karl Robert Busta, residente a Parigi , ha introdotto le sue credenziali. Il primo ambasciatore estone a risiedere a Roma fu Karl Touffer, che presentò le sue credenziali nel 1927.

Prima della seconda guerra mondiale, l’Istituto Italiano di Cultura era attivo in Estonia. Lo ha presieduto lo storico Endro Montanelli, figura di spicco della stampa italiana.

L’Italia riconobbe l’Estonia il 27 agosto 1991 e ripristinò le relazioni diplomatiche tra i due paesi il 31 agosto dello stesso anno. Carlo Ciano è stato il primo ambasciatore d’Italia nella restaurata Repubblica d’Estonia. L’Ambasciata dell’Estonia a Roma ha ripreso i lavori nel settembre 1996.

Ambasciata dell’Estonia a Roma. Foto del ministero degli Esteri estone.

L’Estonia e l’Italia hanno forti legami di difesa con l’Italia dopo aver partecipato alla missione di polizia aerea nella regione baltica ed essere uno dei membri fondatori del Cyber ​​Defense Center della NATO con sede a Tallinn. L’Italia e l’Estonia hanno anche un accordo di cooperazione in materia di difesa, entrato in vigore nel 2001. Estoni e italiani hanno prestato servizio insieme in una missione di mantenimento della pace in Kosovo.

Anche il Regno Unito ha riconosciuto l’indipendenza dell’Estonia il 26 gennaio 1921. Il Regno Unito è sempre stato un forte sostenitore dell’indipendenza e dello sviluppo dell’Estonia. Questa relazione iniziò durante la guerra d’indipendenza estone, quando il Regno Unito inviò un distaccamento della Royal Navy per difendere le coste dell’Estonia.

READ  Hyundai recalls another 471,000 SUVs, and asks owners to park outside

Un webinar per celebrare le relazioni tra Estonia e Regno Unito

Negli anni ’20 e ’30 fiorirono le relazioni politiche e commerciali tra l’Estonia e il Regno Unito. Più del 30% delle esportazioni dell’Estonia andò al Regno Unito, che all’epoca era l’importante partner commerciale dell’Estonia.

Il Regno Unito non ha mai riconosciuto l’annessione dell’Estonia nel 1940 e ha ribadito il suo riconoscimento dell’indipendenza dell’Estonia il 27 agosto 1991 dopo che l’indipendenza de facto è stata ripristinata dopo l’occupazione sovietica.

Le relazioni diplomatiche tra i due paesi furono ripristinate il 5 settembre 1991, dopo di che riaprirono le ambasciate a Tallinn e Londra.

Ambasciata dell’Estonia a Londra. Foto del ministero degli Esteri estone.

In occasione dell’avvio delle relazioni diplomatiche tra l’Estonia e il Regno Unito, i due paesi hanno tenuto un webinar dal titolo “100 anni di relazioni diplomatiche: Estonia e Regno Unito”, organizzato dal Centro di geografia politica dell’Università di Cambridge e l’Università di Tartu, in collaborazione con l’Ambasciata dell’Estonia a Londra, l’Ambasciata britannica a Tallinn e il Ministero degli Affari Esteri estone. Estonian World ha trasmesso il seminario in diretta online e la sua registrazione è disponibile per essere guardata nuovamente.

Copertina: La Commissione provvisoria estone a Londra iniziò ad operare nella primavera del 1918. Nella foto è raffigurato il personale dell’ambasciata londinese nel 1920. Foto dall’archivio del ministero degli Esteri estone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *