L’esercito russo “perde un intero battaglione” cercando di attraversare il ponte dell’Ucraina

L’esercito russo ha subito pesanti perdite, inclusa la distruzione di una trentina di carri armati dopo che l’esercito ucraino ha fatto saltare in aria una boa sul fiume Seversky Donets nella regione di Luhansk, secondo i rapporti.

Le immagini satellitari raccolte dalla società di intelligence geospaziale BlackSky mostrano che un ponte di barche – utilizzato principalmente ma non sempre per scopi militari – è stato distrutto il 10 maggio dopo che l’artiglieria ucraina ha colpito il ponte e l’area circostante.

Le foto mostrano il fumo del ponte semiaffondato con veicoli blindati distrutti sulle rive del fiume Seversky Donets, che si estende da ovest a est tra le regioni di Donetsk e Luhansk sotto il controllo dei ribelli russi nell’Ucraina orientale.

Mercoledì, il ministero della Difesa ucraino ha pubblicato le stesse foto, affermando che le forze di terra ucraine e l’artiglieria della 17a brigata di carri armati “hanno aperto le festività natalizie per i russi”, riferendosi ai soldati russi.

“Alcuni hanno fatto il bagno nel fiume Seversky Donets e altri sono stati bruciati dal sole di maggio”, ha detto.

Serhiy Hayday, capo dell’amministrazione militare regionale di Luhansk, ha affermato che l’esercito russo aveva allestito un ponte per il trasporto di equipaggiamento e personale militare, ma tutti gli elicotteri sono stati distrutti insieme all’equipaggiamento e alle truppe.

“A Bilohorivka, dove il nemico ha cercato di creare un potente attraversamento e spostare equipaggiamento e personale dalla nostra parte, ha avuto un successo parziale, ma ora tutti gli attraversamenti galleggianti sono stati distrutti, tutto l’equipaggiamento è stato distrutto e il personale rimanente è stato ucciso o scappato nuotando dall’altra parte.

READ  Il chirurgo affronta una causa per aver tentato di vendere i raggi X alla vittima del Bataclan in nome di NFT | Francia

Resti di quello che sembra essere un ponte temporaneo attraverso i Siverskyi Donet

(Comando delle forze aviotrasportate ucraine tramite Reuters)

a discrezione Forbesl’artiglieria ucraina catturò circa 50 veicoli e fino a un migliaio di soldati e fu distrutta, spazzando via di fatto un intero battaglione, in quello che sarebbe stato un duro colpo per l’esercito russo.

Ha riferito che una trentina di carri armati e altri veicoli corazzati sono stati distrutti lungo il fiume dopo il riuscito sciopero dell’esercito ucraino.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha dichiarato martedì che i movimenti delle forze di terra russe nel Donbass sono stati “lenti e irregolari”.

Secondo l’intelligence dell’esercito britannico, è probabile che le forze russe, dopo aver compensato le perdite, si ridistribuiranno sulla sponda orientale del Siverskyi Donets.

Nel frattempo, mentre la guerra si trascinava, l’Ucraina fece la prima proposta del suo genere per portare avanti i negoziati sullo scambio di prigionieri. Ucraina Ha offerto il rilascio di prigionieri di guerra russi in cambio di combattenti gravemente feriti intrappolati all’interno dell’acciaieria Azovstal a Mariupol.

Veduta aerea di veicoli in fiamme e resti di quello che sembra essere un ponte temporaneo sul Siverskyi Donets

(Comando delle forze aviotrasportate ucraine tramite Reuters)

Il vice primo ministro Irina Vereshuk ha dichiarato mercoledì di aver preso in considerazione una serie di opzioni diverse ma “nessuna di esse è perfetta”, confermando che erano in corso trattative per uno scambio di prigionieri.

Si ritiene che circa 2.500 soldati ucraini, di cui 700 feriti, si nascondano ancora nell’acciaieria Azovstal, la maggior parte dei quali è stata bombardata e ridotta in macerie.

The Independent ha una storia orgogliosa di campagne per i diritti dei più vulnerabili e abbiamo lanciato per la prima volta la nostra campagna “Rifugiati benvenuti” durante la guerra in Siria nel 2015. Ora, mentre rinnoviamo la nostra campagna e lanciamo questa petizione sulla scia dell’Ucraina crisi. crisi, chiediamo al governo di andare avanti più rapidamente per garantire che venga fornita assistenza.

Per saperne di più sulla Campagna di Benvenuto per i Rifugiati, clicca qui. Firma della petizione clicca qui. Se vuoi donare, per favore clicca qui per la nostra pagina GoFundMe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *