L'”escalation delle tensioni” potrebbe portare alla sospensione da parte dell’UE dell’embargo petrolifero russo

L’Ungheria è l’ultimo stallo nel tentativo del blocco di vietare le importazioni di petrolio russo entro la fine dell’anno.

Secondo i piani dell’agenzia, Unione Europea Smetterà gradualmente di fornire petrolio greggio entro sei mesi e prodotti raffinati entro la fine dell’anno.

Dopo importanti proteste, Ungheria e Slovacchia, che dipendono dalle spedizioni dalla Russia tramite gasdotti, sono state offerte fino alla fine del 2024 per effettuare la transizione, mentre alla Repubblica Ceca è stato concesso fino a giugno dello stesso anno per conformarsi.

Un’altra potenziale concessione allo studio è che Budapest abbia consegnato centinaia di milioni di euro dal budget del blocco per accelerare la transizione dal petrolio russo.

Bruxelles desiderosa di una soluzione rapida

Si dice che Bruxelles sia desiderosa di trovare una rapida soluzione alla sua opposizione per colpire un certo numero di amici di Vladimir Putin, piuttosto che lasciarli impuniti per la guerra mentre la disputa sul petrolio è risolta.

I funzionari hanno suggerito di colpire Alina Kabaeva, ex ginnasta ed ex fidanzata del presidente russo, come parte del pacchetto.

Ursula von der Leyen, capo della commissione, ha affermato che il blocco si sposterà anche per isolare Sberbank, la più grande della Russia, dalle divisioni dei pagamenti internazionali di Swift.

Ma senza un accordo tra gli Stati membri dell’UE sull’embargo petrolifero, queste proposte di sanzioni restano fuori discussione.

“Non ha senso”, ha detto al Telegraph un diplomatico dell’UE, commentando l’opposizione dell’Ungheria al divieto dei combustibili fossili.

READ  Chris Cuomo è stato licenziato dalla CNN per aver aiutato suo fratello Andrew a combattere le accuse di cattiva condotta sessuale | CNN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *