L’editorialista del New York Times Charles Blue chiede “il rovesciamento della Grande Migrazione”

Charles M. Blow, editorialista del New York Times, ha esortato i neri americani a lanciare una “grande migrazione inversa” e tornare nel sud per creare una maggioranza etnica negli stati da cui i loro antenati sono fuggiti due secoli fa.

Blow fa la sua proposta provocatoria nel suo nuovo libro, The Devil You Know: A Black Power Manifesto, che è stato mostrato alle biblioteche la scorsa settimana.

Nell’originale Great Migration, circa sei milioni di neri americani sono fuggiti dalla persecuzione nell’era Southern Jim Crow per diversi decenni nel 20 ° secolo in cerca di una vita migliore.

Guardando indietro attraverso una lente moderna, Blow afferma che “ i benefici iniziali di una grande immigrazione hanno lasciato il posto, in molti modi, a un fallimento pungente ”, citando la “ repressione permanente ” causata da discriminazione abitativa, brutalità della polizia e nazionalismo White e altri. Forze.

I neri fuggirono dagli orrori del sud razzista verso le cosiddette città liberali del nord e dell’ovest, scambiando il diavolo che conoscevano in cambio del diavolo che non conoscevano, solo per giungere alla dolorosa consapevolezza che Satana è il diavolo, lui scrive.

Se prendessero una pagina dai loro antenati e tornassero nel Sud in gran numero, Blow afferma che i neri americani possono affrontare direttamente “ Satana ” creando una “ banda contigua di potere nero che sconvolgerebbe i calcoli politici americani e aumenterebbe drasticamente il nero politici. ” Effetto’.

Scrive: “Il punto qui non è imporre una nuova gerarchia etnica, ma rimuovere una gerarchia esistente”.

“Dopo secoli di attesa che le maggioranze bianche rovesciano la supremazia dei bianchi, mi sembra che sia toccato ai neri farlo da soli”.

Nell'originale Great Migration, circa sei milioni di neri americani sono fuggiti dalla persecuzione nell'era Southern Jim Crow per diversi decenni nel 20 ° secolo in cerca di una vita migliore.  Nella foto: famiglie nere fiancheggiano le strade di New York per celebrare il rimpatrio della 369a divisione di fanteria dell'esercito nel 1919 durante la Grande Migrazione

Nell’originale Great Migration, circa sei milioni di neri americani sono fuggiti dalla persecuzione nell’era Southern Jim Crow per diversi decenni nel 20 ° secolo in cerca di una vita migliore. Nella foto: famiglie nere fiancheggiano le strade di New York per celebrare il rimpatrio della 369a divisione di fanteria dell’esercito nel 1919 durante la Grande Migrazione

In recenti interviste, Blue ha detto di essere stato ispirato a scrivere “The Devil You Know” dopo che le proteste di Black Lives Matter negli Stati Uniti sono scoppiate la scorsa estate dopo la morte di George Floyd, un uomo di colore morto dopo che un ufficiale di polizia bianco si è inginocchiato sulla sua collo durante un arresto a Minneapolis il 25 maggio.

Blow fa la sua proposta provocatoria nel suo nuovo libro, The Devil You Know: A Black Power Manifesto, che è stato mostrato alle biblioteche la scorsa settimana.

Blow fa la sua proposta provocatoria nel suo nuovo libro, The Devil You Know: A Black Power Manifesto, che è stato mostrato alle biblioteche la scorsa settimana.

Nel suo libro Blow sottovaluta il potere di quelle proteste, dicendo che sono alimentate dalla “ consapevolezza razziale della febbre da cabina ” durante la pandemia di coronavirus e sostenendo che non produrranno risultati significativi a lungo termine.

Afferma che il modo migliore per effettuare il cambiamento è sfruttare l’attuale sistema politico e concentrare il potere nero a livello statale.

Scrive: “ La missione inizia con gli stati, che sono i veri centri di potere in questo paese, e quindi controlla la parte del leone delle questioni che affliggono le vite dei neri: giustizia penale, processi giudiziari, istruzione, assistenza sanitaria, opportunità economiche e assistenza.

“In una società e in un sistema in cui la supremazia bianca è onnipresente e radicata, i neri hanno bisogno di feroci sostenitori per aiutare a ripristinare l’equilibrio in primo luogo”.

READ  Morrison vuole crogiolarsi nel bagliore post-pandemico. Elezioni previste quest'anno | Economia australiana

Blue ha riassunto il suo suggerimento dal libro in una colonna sul New York Times all’inizio di questo mese, descrivendo come ha effettivamente seguito il suo consiglio e si è trasferito da New York ad Atlanta.

Critica le città del nord come la sua ex città natale, affermando che le comunità nere “sono state abbandonate dall’élite nera e rifiutate dai progressisti bianchi” e sono diventate “campi profughi permanenti”.

Scrive: “I bianchi nelle città di destinazione sono vincolati dallo stesso controllo sul corpo nero a cui la legge è stata dedicata in questo paese sin dall’inizio, una strategia adottata dal nord moderno dal sud storico”.

Blow (nella foto) ha riassunto il suo suggerimento dal libro in una colonna del New York Times all'inizio di questo mese, descrivendo come ha effettivamente seguito il suo consiglio e si è trasferito da New York ad Atlanta.

Blow (nella foto) ha riassunto il suo suggerimento dal libro in una colonna del New York Times all’inizio di questo mese, descrivendo come ha effettivamente seguito il suo consiglio e si è trasferito da New York ad Atlanta.

Nel frattempo, Blue afferma che il sud ha fatto ulteriori progressi, diventando uno “stato nello stato”. . Nuova Africa in America “.

Afferma che il Sud comprende già 1.000 città e cittadine su 1.200 città e cittadine prevalentemente nere negli Stati Uniti, e chiede di costruire su quelle maggioranze in tutto lo stato.

Blow osserva anche che senza la Grande Migrazione nel XX secolo, molte nazioni avrebbero avuto la maggioranza dei neri al potere.

Scrive: “Se la Grande Migrazione non si verifica, i neri possono dominare o formare la maggioranza dei voti fino a novanta voti all’Electoral College, più di California e New York messi insieme”.

E se loro e altri gruppi avessero votato nello stesso modo in cui hanno fatto ora, potrebbero garantire che quasi tutti i presidenti degli ultimi 50 anni sarebbero stati democratici.

READ  Egitto: 11 morti e 98 feriti dopo un treno deragliato vicino al Cairo | Notizie dal Medio Oriente

Blow sostiene che la Grande Migrazione ha “ diviso culturalmente la comunità nera ”, tra coloro che sono rimasti e coloro che se ne sono andati, e sostiene che è giunto il momento di “ riunire e riconciliare queste due fazioni ” e “ ricordare che la storia del trauma non è la nostra storia completa. ”

Si riferisce alle elezioni presidenziali dello scorso anno in Georgia – dove Stacy Abrams ha contribuito a trasformare lo stato in blu compilando la registrazione degli elettori di quasi 800.000 residenti neri – come “prova del concetto” per la sua proposta.

Diversi revisori hanno criticato il fatto che la proposta sia più un’idea estesa che una road map, in quanto manca di dettagli su come ottenere la Grande Migrazione inversa.

In una recensione per il Washington Post, Carlos Lozada ha criticato la proposta di Blue in quanto “riflette un’interpretazione semplificata della storia” e si è chiesto se l’immaginazione dello sciopero di “correzione della rotta” avrebbe effettivamente dato i suoi frutti.

Nel suo libro Blow descrive la sua proposta come “monumentale” e “rivoluzionaria” – un chiaro riconoscimento dei suoi limiti pratici.

Ma spera che i lettori si uniscano a lui nel porre la domanda: ‘Cosa possono e devono fare i neri per ottenere e mantenere il potere economico e politico – per molti, non solo per pochi – che la Grande Migrazione non è riuscita a garantire? ”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *