Le ricchezze si trovano sotto le acque artiche della Russia

SIl più grande degli Stati Uniti d’America La repubblica costituente è la Yakutia. Si estende bene nel Circolo Polare Artico ed ha le dimensioni di Germania, Francia, Gran Bretagna, Italia, Spagna, Svezia, Finlandia e Romania messe insieme, ma ha una popolazione di solo 1 milione di persone. Nell’ultimo decennio, il ritiro del ghiaccio marino ha aperto una nuova rotta marittima lungo la sua costa, la rotta del Mare del Nord (NSR). Questo è il passaggio più breve tra i porti dell’Asia orientale e dell’Europa occidentale, ma le sue acque ghiacciate offrono anche qualcosa di più prezioso: la generosità geologica, sotto forma di cobalto, stagno e minerali di terre rare, in profondità sotto la superficie.

Ascolta questa storia

Goditi più audio e podcast iOS o Android.

Il tempo ostile e altri ostacoli all’estrazione rendono la prospezione lungo NSR progetto arduo. Tuttavia, molti rami dello stato russo e investitori privati ​​hanno già messo gli occhi su questi minerali sottomarini, così come sul petrolio e il gas nella regione. Scoperte di depositi sul terreno fanno sperare in ulteriori ricompense all’estero. I noduli – minuscole palline di ossidi sparse sul fondo dell’oceano e identificate per la prima volta al largo della costa della Siberia – hanno una promessa speciale. Contengono minerali che possono essere utilizzati in tutto, dall’elettronica alle batterie ricaricabili.

ma c’è un problema. I noduli si formano quando l’acqua di mare penetra nelle camere magmatiche in profondità nel fondo del mare. Quest’acqua viene riscaldata a temperature estreme prima di risalire verso la superficie attraverso aperture simili a camini – in effetti, vulcani sommersi. Questo processo filtra i minerali dalla crosta terrestre e li deposita sul fondo del mare. Ma le bocche riscaldano anche le acque nelle loro vicinanze, preservando i meravigliosi ecosistemi dei fondali. Questi habitat sono poco conosciuti e ci vorrebbero decenni per studiarli a fondo. In assenza di adeguati controlli ambientali, biologi e oceanografi temono che l’estrazione di minerali attorno alle bocche possa distruggere habitat insostituibili.

“La valutazione dell’impatto è più facile sul campo”, afferma Javier Escartin del Laboratoire de Géologie, un’istituzione accademica di Parigi. “Non abbiamo dati per gli oceani, poiché gli ecosistemi sono spesso troppo fragili per riprendersi su scala temporale umana”. valutazione lungo NSR Potrebbero essere necessari robot sofisticati per raccogliere campioni e mappare il fondo del mare: sforzi che alcuni sostengono sarebbero troppo costosi per sfruttare le risorse sottomarine non praticabili.

Al momento, le compagnie minerarie russe sono sotto sorveglianza. Alrosa, il più grande produttore di diamanti della Russia, descrive la Yakutia come una “frontiera settentrionale per le prospezioni a breve termine”, sebbene la società non abbia fornito alcun dettaglio. Nornickel, un grande produttore di nichel al largo della penisola di Taimyr, sottolinea la necessità di standard di bioedilizia ma “non conduce attività minerarie in acque profonde e attualmente non ha intenzione di farlo”. Tuttavia, nel 2001 la Russia ha affermato di espandere la sua zona economica esclusiva da 200 miglia nautiche dalla costa più lontano, in alcuni luoghi, come l’Artico.

Le acque della Yakutia erano completamente confinate nel ghiaccio solo 20 anni fa, e ora sono navigabili da navi regolari per quattro mesi all’anno, ed è probabile che il riscaldamento globale allarghi questa finestra. Man mano che il passo diventa più affollato, molti vedono rischi preoccupanti: oltre agli studi sull’impatto ambientale, ci sono richieste di maggiore protezione per le popolazioni indigene, restrizioni al dragaggio e all’inquinamento e trasparenza riguardo alle operazioni minerarie. “La regolamentazione non è sufficiente, soprattutto ora che l’Artico è aperto al commercio”, afferma Malte Humbert, fondatore dell’Arctic Institute, un think tank statunitense. Il NSR, Sembra essere un punto critico emergente economico e ambientale, sopra e sotto l’acqua.

Questo articolo è apparso nella sezione Europa dell’edizione cartacea sotto il titolo “I gioielli di Poseidone”.

READ  L'italiana Eni vende la sua quota di attività al dettaglio alle energie rinnovabili mentre i profitti aumentano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *