Le persone nell’età del ferro conservavano i ricordi dei loro cari defunti

archeologi da Università di York, nel nord-est dell’Inghilterra, si concentravano su quelli che chiamavano “oggetti problematici” – cose appartenenti al defunto che i vivi potrebbero non voler usare, ma di cui non si sentivano in grado di sbarazzarsi.

I ricercatori hanno trovato oggetti di uso quotidiano come cucchiai d’osso e pietre koiran, usati per macinare il grano, tra le pareti della Round House nell’insediamento scozzese di Helfort a Broxmouth, che risale al 640 a.C. al 210 d.C.

Credono che queste cose avrebbero potuto essere messe lì come promemoria dei morti, secondo uno studio pubblicato lunedì sulla rivista antichità.

L’incarnazione era comune nella Gran Bretagna dell’età del ferro, il che significava che i morti venivano lasciati agli elementi e non sepolti. In quanto tale, di solito non c’erano tombe per riporre oggetti oltre ai cadaveri. I ricercatori pensano che questo possa spiegare perché sono conservati all’interno delle mura di una casa rotonda.

Lo studio confronta questa pratica con il numero di persone che oggi conservano i vestiti e le scarpe dei propri cari dopo la loro morte.

Tali oggetti possono avere un “potere emotivo crudo” in tempi di lutto, ha detto in un comunicato stampa l’autore principale e archeologo della York University Lindsey Buster.

Ha aggiunto: “Il mio lavoro utilizza l’archeologia per aprire discussioni sulla morte, sul morire e sul lutto nella società contemporanea, dimostrando che anche i più comuni possono assumere un significato speciale se diventano un ricordo tangibile dei propri cari che non sono più fisicamente con noi. “

Poster ha detto alla CNN che tali “cose ​​normali” consentono al lutto di concentrarsi su “sentimenti di perdita e dolore e guardare la nostra morte”. Aggrapparsi a loro permette di “continuare i legami” con i morti.

Ha detto che l’esperienza di vita e di morte preistorica “era, in qualche modo, non molto diversa dalla nostra”.

READ  Total NH Solar Eclipse nel 2024: uno sguardo al futuro

Il confronto renderà il processo di lutto più facile per alcuni, ha detto Buster.

“Una delle mie speranze è che le persone non si sentano in colpa per aver messo queste scatole sotto il letto o in soffitta – ce l’abbiamo tutti. Non esiste un modo naturale per addolorarsi – è un complesso disordinato ed è qualcosa con cui abbiamo affrontato per migliaia di anni.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *