Le miniere sotterranee del Colosseo di Roma sono completamente aperte al pubblico Italia

Per la prima volta, i visitatori del Colosseo a Roma potranno esplorare a fondo le miniere sotterranee e le camere preparate per la guerra da gladiatori e animali selvatici.

Su una superficie di 15.000 metri quadrati, l’Ipogio del monumento bimillenario è stato aperto al pubblico a seguito del completamento di un progetto di restauro finanziato dalla casa di moda italiana Dots.

Sebbene le persone siano state in grado di atterrare sulla rete dell’Ipozio – che si trova sotto l’arena dell’Anfiteatro ed era invisibile ai visitatori nei tempi antichi – dal 2010, sono state in grado di entrare solo in una piccola area. Ora ci sono passerelle che consentono ai visitatori di esplorare i tunnel e le stanze.

Alfonsina Russo, direttrice del Colosseo, ha affermato che l’ipoglicemico, scavato originariamente nel XIX secolo, era il vero “palcoscenico” dell’anfiteatro.

“Oggi stiamo restituendo al pubblico un monumento all’interno di un monumento”, ha detto Russo. “Semplicemente ci è venuto in mente allora [from the project] L’ipocrisia ha una storia di 400 anni dall’apertura dell’Anfiteatro nell’80 d.C. alla rappresentazione finale nel 523. “

I 15 corridoi recuperati “descrivevano le tracce”, ha detto” [of history] Il resto nel tempo.”

Da più di 80 anni archeologi, architetti e ingegneri sono coinvolti in un programma biennale per “portare al centro dell’attenzione un monumento che tutto il mondo vuole”, ha affermato Dodge della Valle, presidente di Dots.

Molte critiche sono state sollevate quando il ministro della Cultura italiano Tario Francescini ha annunciato diversi partenariati pubblico-privato per rinnovare i monumenti di Roma. Il ripristino dell’ipossia è la seconda parte di un progetto in tre fasi al Colosseo iniziato otto anni fa, per il quale Tots ha pagato un totale di m 25 m (m 21 m).

READ  L'Inter è stata incoronata campione d'Italia per la prima volta in 11 anni

La prima fase si è concentrata sulla pulizia della facciata del Colosseo e la sezione finale, che dovrebbe essere completata nel 2024, includerà il ripristino delle gallerie e del sistema di illuminazione, oltre all’aggiunta di un nuovo centro visitatori.

“E’ giusto avere una piena collaborazione pubblico-privato”, ha detto Francescini. “Questo progetto è molto importante e dimostra come un’azienda italiana che esporta nel mondo stia investendo nel proprio Paese per preservare il proprio patrimonio artistico e culturale”.

Altri marchi italiani che hanno pagato per la ricostruzione di importanti monumenti sono Fendi, che ha restaurato la fontana di Trevi, e Bulgaria, che ha restaurato Piazza di Spagna.

Nel frattempo, il progetto per riportare il sito del Colosseo al suo antico splendore dovrebbe essere completato nel 2023. Nuove reti sotterranee ad alto livello tecnologico che possono ospitare eventi culturali possono essere rapidamente nascoste o rilevate, consentendo loro di essere protette dalla pioggia o trasmesse.

In epoca romana, le folle riempivano il Colosseo per vedere i gladiatori sconfiggere gli animali, tra cui orsi, tigri, elefanti e rinoceronti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *