Le infezioni si ripresentano dopo 6 settimane. Dieci aree rischiano di essere schiacciate

Oggi almeno la metà degli italiani può cambiare zona. Con le nuove e più restrittive regole stabilite dal governo per monitorare l’andamento del virus nelle regioni, almeno dieci realtà passeranno dal giallo all’arancio o al rosso. Inoltre, dopo sei settimane di nuove epidemie assistiamo al ripetersi di epidemie in tutto il Paese, aumentando di circa il 15% in sette giorni. Quindi, stiamo pensando di modificare le regole per l’invio di realtà locali nella zona rossa dove il virus è in larga circolazione, e stiamo pensando di estendere oltre il 15 gennaio. fine settimana.

Aree a rischio
Oggi la sala di controllo effettuerà un nuovo monitoraggio sulla base delle nuove regole di controllo decise nell’ordine del 5 gennaio. 1 Rt è sufficiente per diventare arancione ed entrare nella zona rossa 1,25. Inoltre, sulla base di una serie di 21 indicatori, quel valore non solo sarà combinato con il rischio, ma sarà indotto a cambiare non solo alto (come è stato finora) ma anche moderato. Quindi, la scorsa settimana dieci regioni hanno avuto un Rt superiore a 0,9, che si vedono peggiorare e probabilmente entreranno in arancione. Sono Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli, Liguria, Lombardia, Marche, Buglia, Sicilia, Veneto. Non solo, ma alcuni di questi potrebbero diventare direttamente rossi. Ieri abbiamo parlato di Veneto, Marche e Liguria, ma resta da vedere se i dati porteranno a quel cambiamento. Ci sono altri fatti che rendono Rt molto vicino a 0,9, come Molise e Umbria potrebbero ancora muoversi.

I dati si stanno deteriorando

Al di là del trend RT, è un dato di fatto che in Italia la circolazione del virus è nuovamente in aumento. Sei settimane dopo la caduta, ora c’è un aumento di nuovi casi. Non solo, ma tornano anche gli ospedali per vedere sempre più pazienti. In 11 regioni è stato superato il limite di allerta per gli occupanti in terapia intensiva, fissato al 30% dei posti letto totali, che segna il 6 gennaio, sulla base dei dati dell’Agenzia sanitaria regionale Agenas. Per i tirocini la soglia di sicurezza è fissata al 40%. È alto in 9 regioni.

READ  Isola di Lycosa - Costellapet, Italia

Ieri Giovanni Sebastiani, matematico per le applicazioni di calcolo “Moro Picon” del Cnr-Iac, ha rivelato un’analisi basata sui luoghi di terapia intensiva nei reparti di Govit-19. Negli ultimi sette-dieci giorni, 11 delle 11 regioni e province autonome che sono state gialle per almeno un periodo a novembre non hanno mostrato trend di crescita, 2 stagnazione e nessun calo.

Nuove attività
A DBCM il 15 novembre, il pattern giallo intenso accettato negli ultimi giorni potrebbe essere aggiornato. Anche in realtà locali di quel colore, è vietato viaggiare fuori regione e vedere parenti in più di due persone e una volta al giorno. Dopotutto, per il mese o due di validità dell’ordine, i fine settimana arancioni verranno ripetuti.
Intanto CDS sta pensando di utilizzare un nuovo indicatore per classificare le regioni, il numero di casi, ovvero il numero di casi ogni 100mila persone. Se questo è troppo alto, oltre il valore o il rischio RT, la regione termina direttamente nella zona rossa. Al momento in Italia il Veneto sta peggio da questo punto di vista, che ha molta più incidenza di altri fatti con dati negativi. Tuttavia, ad eccezione di agosto, nessuno ha raggiunto questa cifra, che è considerata la più promettente, ovvero 50 nuovi casi ogni 100.000mila a settimana. A livello nazionale, l’obiettivo a lunga distanza è di circa 30.000: più di 112.000 nell’ultima settimana, quattro volte di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *