Le forze statunitensi attaccano in Siria dopo attacchi aerei su gruppi armati | Notizie di conflitto

L’Osservatorio siriano per i diritti umani ha dichiarato oggi, lunedì, che i gruppi armati sostenuti dall’Iran hanno avuto uno scontro a fuoco con le forze della coalizione guidate dagli Stati Uniti nella Siria orientale, dopo i micidiali attacchi aerei degli Stati Uniti contro i gruppi in Iraq e Siria la notte prima.

Il portavoce della coalizione, il colonnello Wayne Maroto, ha affermato che le forze statunitensi sono state attaccate con più missili, senza causare vittime. Ha detto che le forze statunitensi “hanno sparato fuoco di artiglieria anti-batteria sui siti di lancio dei missili”.

L’Osservatorio siriano per i diritti umani ha affermato che gruppi armati sostenuti dall’Iran hanno sparato diversi proiettili contro una base statunitense nel giacimento petrolifero di Al-Omar nella Siria orientale, causando danni ma nessuna vittima. Al Jazeera non è stata in grado di verificare in modo indipendente queste informazioni.

L’agenzia di stampa ufficiale siriana (SANA) ha affermato che “i missili… hanno preso di mira una base militare delle forze di occupazione americane nel giacimento petrolifero di Al-Omar”, senza menzionare il responsabile.

I gruppi armati sostenuti dall’Iran avevano precedentemente promesso di rispondere dopo che gli Stati Uniti hanno lanciato domenica diversi attacchi aerei su gruppi in Iraq e Siria.

La Siria condanna la “violazione”

L’esercito americano ha affermato che gli attacchi aerei di domenica hanno preso di mira strutture operative e depositi di armi in due località in Siria e una in Iraq in risposta agli attacchi dei droni contro il personale e le strutture statunitensi in Iraq.

Lunedì, gli Stati Uniti hanno difeso gli attacchi contro i gruppi armati, affermando che gli attacchi miravano a ridurre il rischio di escalation.

READ  L'uomo porta la bilancia al ristorante per dimostrare che la bistecca è sottopeso e scopre che una porzione da 6 once è in realtà la metà

Il governo iracheno, temendo di essere coinvolto in un conflitto USA-Iran, ha condannato i raid sul suo territorio e ha affermato che studierà tutte le opzioni legali per prevenire il ripetersi di tale azione.

I media statali siriani, citando una dichiarazione del ministero degli Esteri, hanno affermato che la Siria ha descritto gli attacchi come una “flagrante violazione della santità dei territori siriani e iracheni”.

I gruppi armati iracheni alleati con l’Iran hanno riferito che quattro membri della fazione Kata’ib Sayyid al-Shuhada sono stati uccisi nell’attacco al confine siro-iracheno e hanno promesso vendetta.

Nel frattempo, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato che la Casa Bianca aveva informato i membri del Congresso appropriati prima degli scioperi ed era ancora in contatto con gli alleati regionali.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha affermato che gli attacchi avrebbero dovuto inviare un “messaggio deterrente”.

“Abbiamo adottato le azioni necessarie, appropriate e deliberate per ridurre il rischio di escalation, ma anche per inviare un messaggio di deterrenza chiaro e inequivocabile”, ha detto Blinken ai giornalisti a Roma.

Gli attacchi sono avvenuti sotto la direzione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, la seconda volta che ha ordinato attacchi di rappresaglia contro i combattenti sostenuti dall’Iran da quando ha preso il potere cinque mesi fa. Ha ordinato attacchi limitati in Siria a febbraio in risposta agli attacchi missilistici in Iraq.

Kimberly Halkett di Al Jazeera, riferendo da Washington, D.C., ha affermato che il messaggio generale dell’amministrazione Biden era che questo era “intrinsecamente difensivo”.

“In altre parole, questi obiettivi sono stati accuratamente selezionati e selezionati solo perché sono utilizzati per immagazzinare attrezzature che sono già state utilizzate in passato in più occasioni per attaccare il personale e gli interessi americani”, ha affermato Halkett.

READ  L'ex aiutante di Como dice che il governatore di New York l'ha accettata senza il suo consenso | Andrew Como

Tensioni USA-Iran

Anche l’esercito iracheno ha denunciato gli attacchi statunitensi, descrivendoli come una “flagrante e inaccettabile violazione della sovranità e della sicurezza nazionale dell’Iraq”. Ha chiesto di evitare l’escalation e ha respinto l’Iraq come “arena per regolare i conti” in riferimento agli Stati Uniti e all’Iran.

Rappresenta una rara condanna da parte dell’esercito iracheno degli attacchi aerei statunitensi. Le forze armate irachene e statunitensi stanno coordinando da vicino una battaglia separata in Iraq contro i resti dell’ISIS.

L’amministrazione Biden aveva adocchiato la prospettiva di rilanciare l’accordo nucleare del 2015 con l’Iran. Gli attacchi sottolineano come Biden miri a frammentare tali raid, mentre contemporaneamente impegna Teheran nella diplomazia.

I critici di Biden affermano che non ci si può fidare dell’Iran e indicano gli attacchi dei droni come ulteriore prova del fatto che l’Iran e i suoi delegati non accetteranno mai una presenza militare statunitense in Iraq o in Siria.

Nel frattempo, l’Iran ha invitato gli Stati Uniti a evitare di “creare una crisi” nella regione.

“È certo che ciò che gli Stati Uniti stanno facendo è destabilizzare la regione, e gli Stati Uniti saranno una vittima di questo disturbo”, ha detto lunedì il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Saeed Khatibzadeh.

Biden ha rifiutato di commentare gli scioperi subito dopo domenica. Ma lunedì ha incontrato il presidente uscente di Israele, Reuven Rivlin, alla Casa Bianca per un’ampia discussione che includerebbe l’Iran e gli sforzi degli Stati Uniti per rientrare nell’accordo sul nucleare iraniano. Questi sforzi hanno sollevato serie preoccupazioni in Israele, acerrimo nemico dell’Iran.

Domenica a Roma, il nuovo ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid ha detto a Blinken delle riserve di Israele sull’accordo sul nucleare iraniano stipulato a Vienna, promettendo di correggere gli “errori” commessi negli ultimi anni nelle relazioni tra Stati Uniti e Israele.

READ  Perù: il nuovo presidente nomina un marxista primo ministro | Perù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *