Le ferrovie transiraniane sono nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO

Le Ferrovie Transiraniane sono state iscritte dal Comitato del Patrimonio Mondiale nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.
L’UNESCO ha scritto sul suo sito web che la decisione è stata presa durante la 44a sessione della commissione, che si è tenuta online e presieduta da Fuzhou (Cina) domenica.
Altre iscrizioni identificate durante la sessione di Quanzhou includevano: Emporium of the World in Song-Yuan China (Cina), Kakatiya Rudreshwara Temple (Ramappa), Telangana (India) e Paseo del Prado e Buen Retiro, Landscape of Arts and Sciences (Spagna) ).
La Ferrovia Transiraniana collega il Mar Caspio a nord-est con il Golfo Persico a sud-ovest, che attraversa due catene montuose, fiumi, altopiani, foreste, pianure e quattro diverse zone climatiche.
Iniziata nel 1927 e completata nel 1938, la ferrovia di 1.394 chilometri è stata progettata e realizzata in una proficua collaborazione tra il governo iraniano e 43 imprenditori edili di molti paesi.
La ferrovia si distingue per le sue grandi dimensioni e le opere di ingegneria necessarie per superare strade ripide e altre difficoltà.
La sua costruzione comprendeva ampi tagli montuosi in alcune zone, mentre in altre il terreno accidentato ha dettato la costruzione di 174 grandi ponti, 186 piccoli ponti e 224 gallerie, di cui 11 a spirale.
A differenza della maggior parte dei primi progetti ferroviari, la costruzione della ferrovia transiraniana è stata finanziata attraverso tasse nazionali per evitare e controllare gli investimenti stranieri.

Friske Bridge: un capolavoro di ingegneria

Nel 1933, il consorzio danese Kampsax, scelto dal governo iraniano come appaltatore generale delle Ferrovie Transiraniane, assegnò il lotto numero 8 nella sezione nord del progetto all’ingegnere italiano Guido Romeo Pizzagalli di Milano.
Nel novembre 1933 fonda l’Impresa GR Pizzagalli & C. con diversi ingegneri italiani, tra cui i tre fratelli Battista, Guido e Cesare Dellini di Biella.
La lunghezza totale del lotto è di 7.600 metri con un dislivello di 186 metri ed è composta da 10 gallerie e due ponti principali, uno lungo 52 metri e un arco di 25 metri e il secondo lungo 112 metri. e un arco di 60 metri di altezza, che oggi è considerato un capolavoro della Ferrovia Transiraniana e che era tra i ponti più lunghi del mondo al momento della costruzione.
Cesar Delaney era responsabile della costruzione del ponte. Il progetto è stato supervisionato da un gruppo di ingegneri di Campax.
I lavori del ponte iniziarono nell’agosto 1934. Il ponte e l’intero montaggio furono ultimati entro dicembre 1935 e consegnati all’appaltatore entro gennaio 1936. I lavori furono eseguiti sul lotto da 260 operai specializzati provenienti dall’Europa, in maggioranza italiani e circa 2.700 lavoratori non specializzati provenienti dall’Asia. Sono stati installati due cavi per il trasporto di lavoratori e materiali da costruzione per costruire il ponte.
L’altezza del ponte è di 110 metri sulla valle, la lunghezza del suo arco è di 66 metri e la lunghezza totale del ponte è di 112,40 metri.
Il ponte ferroviario Ferrisk collega Teheran e la regione del Mar Caspio. Si trova nel distretto Ferisk di Mazandaran nel distretto di Savadkuh, 85 chilometri a sud di Qaimshahr e collega due montagne nel distretto di Abbasabad. Il ponte è un capolavoro della società di ingegneria danese Kampsax, (composta da ingegneri danesi, tedeschi e austriaci come Ladislaus von Rabcewicz) e del settore delle costruzioni civili italiano che serve la rete ferroviaria trans-iraniana nel nord dell’Iran.

Posizione geografica unica

La posizione geografica dell’Iran offre potenziali percorsi di corridoio che potrebbero collegare il Golfo Persico e il Mare dell’Oman a sud agli stati dell’Asia centrale senza sbocco sul mare, Russia, Cina ed Europa.
Ecco perché la Cina sta dirigendo uno dei sei corridoi della proposta Belt and Road Initiative cinese, il cosiddetto “corridoio Cina-Asia centrale-Asia occidentale”, attraverso l’Iran. Gli interessi cinesi nello sviluppo del corridoio iraniano sono accompagnati da chiari investimenti nell’infrastruttura ferroviaria iraniana.
Secondo la Railway Technical Review (Eisenbahntechnische Rundschau), ciò che aggiunge importanza all’Iran per i corridoi BRI cinesi è il fatto che sono stati raggiunti limiti di capacità in diversi colli di bottiglia transfrontalieri sulle rotte settentrionali della BRI.
L’INSTC, la seconda arteria di trasporto emergente ad attraversare l’Iran, è il secondo punto focale per gli investimenti ferroviari iraniani. Si prevede che il previsto corridoio intermodale collegherà Mumbai via merci ai porti iraniani di Chabahar e Bandar Abbas. La parte settentrionale del corridoio collegherà l’Iran a Mosca attraverso l’Azerbaigian.
Con l’apertura del ponte transfrontaliero da Astara (Azerbaigian) ad Astara (Iran) nel 2017, l’INSTC ha acquisito nuovo slancio.

READ  Calano i rendimenti dei titoli tedeschi, pressione di vendita sull'Italia - Mercati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *