Le conseguenze dell’asteroide che uccise i dinosauri furono più brutali di quanto pensassimo

quando dinosauro– distruggere asteroide Con la Terra 66 milioni di anni fa, enormi quantità di fiammiferi Un nuovo studio ha scoperto che – più grandi di quanto si pensasse in precedenza – sono stati lanciati in alto sopra la Terra nella stratosfera.

Una volta in volo, questa enorme nuvola di gas contenenti zolfo ha impedito il Sole E la terra si raffreddò per decenni o secoli, poi cadde pioggia acida mortale Lo studio ha scoperto che la chimica degli oceani sulla Terra è cambiata per decine di migliaia di anni, il che è più lungo di quanto si pensasse.

I risultati mostrano che abbiamo “ridotto la quantità di questo zolfo asteroide Il coautore dello studio James Waits, docente alla School of Earth Sciences dell’Università di Bristol nel Regno Unito, ha detto a WordsSideKick.com:

Di conseguenza, il” Cambiamento climatico a cui ero associato era probabilmente molto più grande di quanto pensassimo in precedenza.

Il fatto che lo zolfo abbia continuato a fluire sulla superficie terrestre per così tanto tempo può aiutare a spiegare perché ci vuole così tanto tempo prima che la vita, in particolare la vita marina, si riprenda, dal momento che parte dello zolfo caduto a terra può poi andare alla deriva negli oceani, Aspetta detto.

Imparentato: Cosa è successo quando l’asteroide che ha ucciso i dinosauri ha colpito la Terra?

Scoperta accidentale

I risultati dei ricercatori sono stati completamente fortuiti. “Non era assolutamente nulla di pianificato”, ha detto Waits.

Il team aveva originariamente pianificato di studiare la geochimica di antiche conchiglie vicino al fiume Brazos nella contea di Falls, in Texas, un luogo unico che era sott’acqua durante la fine.gessoso Estinzione nei non uccelli dinosauri estinto.

READ  Images of Saturn and Jupiter are real, taken from the Massachusetts Telescope

Inoltre, non è troppo lontano dal cratere Chicxulub nella penisola messicana dello Yucatan, a 10 km di larghezza. asteroide colpo.

I ricercatori hanno prelevato alcuni campioni di sedimenti nel sito, cosa che non avevano intenzione di fare.

Questi campioni sono stati portati all’Università di St Andrews in Scozia, dove il coautore dello studio Aubrey Zerkle, geochimico e geologo, ha analizzato diversi isotopi di zolfo o diverse forme di zolfo che hanno un diverso numero di neutroni nei loro nuclei.

I ricercatori hanno trovato un “segnale molto insolito”: gli isotopi dello zolfo hanno avuto cambiamenti inaspettatamente piccoli nelle loro masse, ha detto Waits. Tali cambiamenti di massa si verificano quando lo zolfo entra nell’atmosfera e interagisce con essa luce UV.

“Questo può accadere solo in due scenari: o in un’atmosfera in cui non ci sono due scenari Ossigeno Al suo interno o quando hai molto zolfo, si trasforma in un’atmosfera piena di ossigeno”.

La Terra ha circa 4,5 miliardi di anni e da allora è stata avvolta da un’atmosfera ossidante 2,3 miliardi di anni fa.

“Siamo i primi a vedere questo genere di cose di recente”, ha detto Waits, almeno in sedimenti non trovati ai poli della Terra.

(Questo perché le eruzioni vulcaniche rilasciano zolfo in alto nell’atmosfera, che può mescolarsi con il ghiaccio e finire in alte concentrazioni nelle carote di ghiaccio ai poli, dove non c’è zolfo o altro zolfo disponibile per smorzare il segnale, ha detto Waits.)

“tu non vedi [this signal] nelle rocce marine. Il mare ha la sua firma isotopica che diluisce perfettamente la piccola quantità di zolfo da questi vulcani. “

READ  I virus dell'herpes rubano la proteina di una cellula e la usano per infettarne un'altra

Il fatto che questo segnale sia stato trovato nelle rocce marine del Cretaceo mostra che “ci deve essere stato molto zolfo nell’atmosfera dopo questo evento di impatto”, ha detto Waits.

“Questo ovviamente ha un enorme impatto su Cambiamento climatico rilevante per l’effetto perché gli aerosol di zolfo, che conosciamo dalle recenti eruzioni vulcaniche, causano raffreddamento”.

Gran parte dello zolfo proveniva dal calcare ricco di zolfo della penisola dello Yucatan.

“Se l’asteroide si fosse schiantato da qualche altra parte, potrebbe non esserci stato tanto zolfo che fuoriesce nell’atmosfera Cambiamento climatico Quello che è successo dopo, ha detto Waits, potrebbe non essere stato così grave. Pertanto, l’evento di estinzione potrebbe non essere stato così grave.

Stime precedenti degli aerosol di zolfo che entrano nell’atmosfera terrestre dopo l’impatto di un asteroide variano da circa 30 a 500 gigatonnellate; Secondo i modelli climatici, questo zolfo potrebbe trasformarsi in aerosol di solfato, che potrebbero far raffreddare la superficie terrestre da 3,6 a 14,4 gradi Fahrenheit (da 2 a 8 gradi Celsius) per alcuni decenni dopo l’impatto.

Ma la nuova scoperta suggerisce che, poiché la quantità di zolfo era maggiore, il cambiamento climatico potrebbe essere più grave.

Lo studio è stato pubblicato online lunedì (21 marzo) sulla rivista Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.

Contenuto relativo:

I cinque eventi di estinzione di massa che hanno plasmato la storia della Terra

10 scoperte insolite di dinosauri dal 2021

Immagini: tracce di dinosauri rinvenute a Jurassic Park in Australia

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da scienze vive. Leggi l’articolo originale qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *