Le case Gut-Behrami in Italia l’hanno aiutata a pattinare le medaglie d’oro

Scritto da Andrew Dumpf
| L’Associated Press

Cortina d’Ampezzo, Italia – Se chiamano Cortina la “Regina” delle Dolomiti italiane, allora Lara Gut-Bahrami è finora la regina dei Campionati mondiali di sci.

Ha senso che il concorrente svizzero, che ha vinto due medaglie d’oro e di bronzo, si senta a suo agio nell’elegante località alpina. Dopotutto, Gut-Behrami vive a due ore di distanza, parla la lingua locale e ha familiarità con la dieta italiana.

“Venire qui e parlare italiano è come a casa”, ha detto Goat Behrami, dopo aver aggiunto un oro nello slalom gigante per eguagliare il suo titolo mondiale in Super J.

Dopo essere arrivata terza su una pista sabato, ha portato Jute Bahrami a casa sua a Udine per due giorni per riprendersi dalla settimana inaugurale di Realms. Ha cucinato da sola, ha dormito nel suo letto e ha incontrato suo marito, il calciatore svizzero Fallon Bahrami.

“È la prima volta che posso tornare a casa mia per i campionati del mondo”, ha detto Jute Bahrami. “Si sente bene.”

È anche la prima volta che Gut-Behrami ha vinto l’oro nei mondi o in un’olimpiade.

Goet Behrami viene dal cantone svizzero di lingua italiana del Ticino, ma ha vissuto in Italia negli ultimi due anni da quando ha sposato Bahrami.

“Hanno una casa a Udine e (Bahrami) gioca a Genova, quindi hanno un appartamento a Genova”. Paulie Goet, padre e allenatore della concorrente, ha detto mentre indossa una maschera con il logo della squadra di calcio del Genoa, “Lei piace molto stare al mare, quindi è l’ideale per lei – una casa in montagna e un’altra al mare “.

READ  Doug Pederson of the Philadelphia Eagles said he was "training for a win" against Washington, and wanted to get Nate Sodfield some actors.

Il successo e la calma di Goet Behrami appena scoperti sono in netto contrasto con ciò che ha vissuto negli ultimi anni.

Ci si aspettava che seguisse Roger Federer, che una volta era un adolescente, per diventare la prossima star svizzera.

Quando Goet Behrami ha vinto la Coppa del Mondo nel 2016, tutto sembrava essere sulla strada giusta. Ma poi si è strappata il ginocchio sinistro nei mondi della sua casa a St.Moritz nel 2017, che ha avuto l’effetto di aiutare Michael Schiffrin a vincere il suo primo titolo a tutto tondo e rivendicare il ruolo di Migliore donna nello sport.

Quando è tornata la stagione successiva, Gut-Behrami ha parlato di leggere romanzi per trovare la sua pace interiore.

“Ho dovuto rompere il ginocchio per riscoprire me stessa”, ha detto al momento.

Le stagioni che seguirono includevano una relazione tesa con suo padre e chiamava dall’esterno della sua cerchia ristretta per trovare un nuovo allenatore.

“Sappiamo quanto fosse frustrante quando non pattinava velocemente”, ha detto Gabriela, la madre di Goat Behrami. “Eravamo lì per supportarla in quei tempi. Ora ha risposto con questi risultati”.

I risultati che consolideranno la posizione di Jute Behrami come contendente per la medaglia in più eventi per le Olimpiadi di Pechino del prossimo anno.

Mentre Gut-Behrami era uno dei principali favoriti dell’oro nel Super-G, è stato considerato un outsider nello slalom gigante, che è stato all’altezza delle sue aspettative come la gara più competitiva dei campionati.

Il vantaggio di Behrami di 0,02 secondi su Chevrin giovedì segna la gara femminile più vicina nella classe GS nella storia del mondo.

READ  Macario and Boris open their USWNT accounts while Moyes' injury disrupts Colombia's routine victory

Inoltre, è stata la prima vittoria di Jute Behrami in una gara di slalom gigante in quasi cinque anni.

“È stato davvero bello vederla vincere il Super J. Ma la vittoria in GS è davvero la finale.” Di solito sono piuttosto calmo, ma per un minuto divento fenomenale “.

Mentre Chevrin – che finora ha ottenuto una medaglia di ogni colore – sarà il favorito per vincere uno slalom sabato e forse superare Got Behrami come pattinatrice nel torneo, Got Behrami sposterà la sua attenzione su un altro obiettivo.

Stanno tornando alle loro case vicine per rinnovare la loro attività prima di riprendere la loro offerta per vincere la Coppa del Mondo per la seconda volta.

Jute Behrami è a soli 42 punti dalla leader assoluta Petra Velhova, con 11 gare rimanenti e 100 punti ciascuna. Ciò che rende le cose più comode per Gut-Behrami è che la stagione di Coppa del Mondo riprende con più sprint in Italia, in Val di Fassa.

“Ora godiamoci queste medaglie”, ha detto Pauli Gott. “Poi la prossima settimana, quando riprenderà la Coppa del Mondo, correremo solo una gara alla volta. Poi vedremo cosa succederà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *