L’avvocato di Chauvin chiede che il processo venga rinviato dopo l’accordo familiare di George Floyd di $ 27 milioni | George Floyd

L’avvocato difensore dell’ex ufficiale di polizia di Minneapolis Derek Chauvin, accusato di aver ucciso George Floyd, lunedì ha chiesto al giudice di ritardare il processo in corso, dicendo che la città aveva annunciato la cifra record di 27 milioni di dollari. Insediamento per la famiglia Floyd Può rendere impossibile un processo equo.

L’avvocato difensore Eric Nelson ha anche sollevato la possibilità di rinnovare la sua proposta precedentemente infruttuosa di spostare il processo di Chauvin in un’altra città.

La città ha annunciato l’insediamento Minneapolis Venerdì scorso, il processo penale di Chauven è completamente scollegato. Ma la tempistica del pagamento dei danni, che arriva mentre il processo è ancora in attesa della giuria, è stata sorprendente per alcuni.

“Sono molto preoccupato per la notizia che è uscita venerdì”, ha detto Nelson lunedì. Ha detto che credeva di “avere un potenziale incredibile per imbrattare una giuria”.

Lunedì c’è stata tensione al tribunale della contea di Hennepin nel centro di Minneapolis, poiché l’edificio era circondato da barricate e guardie in quello che alcuni osservatori hanno ritenuto Un gesto aggressivo Dall’immunizzazione, la stessa aula di tribunale è severamente limitata dalla pandemia.

Venerdì scorso il giudice Peter Cahill ha espresso la sua frustrazione per la tempistica dell’annuncio dell’insediamento, descrivendolo come “sfortunato”.

Cahill ha detto che avrebbe convocato sette giurati che si sono seduti la scorsa settimana per chiedere se avevano visto la notizia della transazione e se ciò avrebbe influenzato la loro imparzialità.

“Spero che i funzionari della città smettano di parlare molto di questo problema”, ha detto il giudice prima di riprendere la selezione della giuria lunedì mattina. “Allo stesso tempo, non vedo alcun intento malvagio che stiano cercando di manipolare il procedimento penale”.

READ  Un membro chiave repubblicano ha consigliato gli sforzi per limitare il voto su Trump nel tentativo di annullare i risultati del 2020 | Notizie dagli Stati Uniti

La famiglia Floyd ha intentato una causa federale per omicidio colposo contro Chauvin e la città di Minneapolis lo scorso anno. La città ha convocato una conferenza stampa per annunciare l’accordo, che includeva commenti appassionati dai fratelli di Floyd e dal sindaco Jacob Frye.

Nel frattempo, Nelson ha anche indicato che il figlio del procuratore dello stato del Minnesota, Jeremiah, siede in un consiglio comunale che ha approvato all’unanimità l’accordo, mettendo in dubbio i tempi, anche se ha detto di non aver sporto denuncia.

Keith Ellison è a capo della squadra dell’accusa ed è stato spesso in aula.

Durante una pausa nella selezione della giuria, Ellison si è fermata al tavolo di Nelson e ha detto: “C’è qualcos’altro di cui nessuno vorrebbe mai accusarmi?”

Nelson guardò Ellison, ma non rispose.

Fry, il sindaco di Minneapolis, ha rinviato le domande sui tempi della transazione all’avvocato della città Jim Rowder, che ha rifiutato di commentare.

Il procuratore generale Steve Schleicher ha detto che lo stato non ha alcun controllo su Fry e sul consiglio comunale.

L’avvocato della famiglia di Floyd Ben Crump ha descritto il pagamento di 27 milioni di dollari come il più grande accordo preliminare di una rivendicazione per i diritti civili di sempre.

Cahill ha accettato di considerare la richiesta di ritardo.

In precedenza aveva rifiutato una richiesta di spostamento del processo, affermando che la copertura della morte di Floyd era così diffusa che era “improbabile che affrontasse il potenziale pregiudizio pubblicitario dannoso prima del processo”.

La morte di Floyd, un uomo di colore, è stata annunciata il 25 maggio dopo che Chauvin, che era bianco, è caduto al collo per quasi nove minuti, mentre Floyd implorava per la sua vita.

READ  Dashed hope of a landslide in Norway that left 7 dead; 3 missing

Chauvin è stato accusato di omicidio di secondo grado, omicidio di terzo grado e omicidio colposo, e ha negato le accuse.

Il primo potenziale giurato interrogato lunedì è stato presto licenziato dopo essersi offerto volontario perché aveva sentito parlare della transazione e pensava che significasse che la città non pensava che avrebbe vinto la causa civile.

“Quando l’ho sentito, sono rimasta quasi senza fiato per quella quantità”, ha detto, aggiungendo che non poteva promettere di poterlo ignorare.

La futura giuria interrogata successivamente non ha menzionato l’udienza della transazione e né gli avvocati né il giudice hanno chiesto direttamente se ne fossero a conoscenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *