L’assistente che ha accusato Cuomo di molestie dice: ‘Quello che mi ha fatto è stato un crimine’ | Andrea Cuomo

L’ex assistente esecutivo presenta una denuncia penale contro il governatore di New York Andrea Cuomo La scorsa settimana, a causa della sua presunta sensibilizzazione nei suoi confronti, ha detto che “deve essere ritenuto responsabile”.

Brittany Commisso è una delle 11 donne che Cuomo è stata accusata di molestie sessuali, secondo un devastante rapporto investigativo pubblicato dall’ufficio del procuratore generale la scorsa settimana.

L’ex assistente si è presentata pubblicamente a Intervista a CBS Che dovrebbe essere trasmesso integralmente lunedì mattina.

“Quello che mi ha fatto è stato un crimine. Ha infranto la legge”, ha detto Commisso in un estratto pre-in onda. Andare avanti, ha detto, era “la cosa giusta da fare. Il governatore deve rispondere”.

Commisso, che è stato identificato solo come “Assistente esecutivo n. 1” nel rapporto, ha detto agli investigatori statali che Cuomo le ha palpato il petto in un’occasione. Ha anche detto che le ha massaggiato il sedere mentre faceva una foto. Ha detto che il presunto incidente ha avuto luogo presso il Palazzo del Governatore ad Albany.

Il sindaco della contea di Albany Craig Apple ha detto ai giornalisti sabato che Cuomo potrebbe affrontare una possibile accusa di reato. Apple ha affermato che l’indagine era “nelle sue fasi iniziali”, che la denuncia contro Cuomo era “di natura criminale” e che la presunta condotta era “di natura sessuale”.

Alla domanda sulla possibile accusa che il governatore potrebbe affrontare, il sindaco ha detto: “Da quello che ho letto finora, posso dire che stiamo girando per un reato minore, ma ancora una volta, questo è solo dal rapporto del procuratore generale”.

Cuomo, che sta affrontando l’impeachment e la rimozione dall’incarico da parte dei legislatori statali, ha negato le accuse e ha resistito alle diffuse richieste di dimissioni, anche da parte di colleghi democratici, tra cui Joe Biden.

Il suo avvocato, Rita Glavin, ha definito l’account di Commisso una falsificazione, citando e-mail e altre prove documentali che secondo lei hanno minato la sua storia. “Non c’è stato alcun accertamento dei fatti”, ha detto Glavin. “Gli investigatori hanno agito come pubblici ministeri, giudici e giuria”.

READ  Ultime notizie sul coronavirus: l'UCL si offre di vaccinare gli studenti con Pfizer jab

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *