“Lascia l’Etiopia ora”: i britannici hanno avvertito di non partire prima che sia troppo tardi

I cittadini britannici sono stati avvertiti di andarsene Etiopia immediatamente o rischiare di rimanere intrappolati in un paese sempre più pericoloso.

Sembra sempre più improbabile che l’Etiopia riesca a trattenere l’avanzata dei ribelli, mentre il Fronte di liberazione del popolo del Tigray tenta di impadronirsi della capitale del paese, Addis Abeba.

vieni dopo Ai cittadini statunitensi è stato chiesto di lasciare il paese all’inizio del mese.

Il ministro dell’Africa Vicki Ford ha avvertito che “il conflitto in Etiopia si sta deteriorando rapidamente” e che le opzioni per lasciare il Paese potrebbero essere “severamente” limitate se il TPLF raggiungesse la capitale.

“Nei prossimi giorni potremmo assistere a combattimenti in avvicinamento ad Addis Abeba, che potrebbero limitare gravemente le opzioni a disposizione dei cittadini britannici di lasciare l’Etiopia”, ha affermato.

“Esorto tutti i cittadini britannici, indipendentemente dalle loro circostanze, a partire immediatamente, mentre i voli commerciali sono prontamente disponibili e l’aeroporto internazionale di Addis Abeba Bole rimane aperto”.

Ha detto che il governo non è in grado di garantire vie di fuga dal Paese a coloro che non se ne vanno ora.

“I prestiti senza interessi sono disponibili per aiutare i cittadini britannici a tornare nel Regno Unito che potrebbero avere difficoltà a permettersi i voli.

Chi sceglie di non partire adesso dovrebbe prepararsi a rifugiarsi in un luogo sicuro per le prossime settimane. Non possiamo garantire che ci saranno opzioni per lasciare l’Etiopia in futuro”.

All’inizio di novembre, il primo ministro Abiy Ahmed ha lanciato un appello ai cittadini affinché imbracciassero le armi per fermare l’avanzata del gruppo ribelle e da allora ha chiesto agli ex soldati di arruolarsi nell’esercito per tenere a bada i ribelli.

READ  Vita dopo la morte: un medico afferma che le persone sono chiamate "visitatori sul letto di morte" | Strano | notizia

Il primo ministro premio Nobel per la pace ha avvertito il TPLF che non si sarebbe arreso, dicendo al gruppo “Incontriamoci sul fronte della battaglia”.

Il governo etiope ha detto, mercoledì, che Ahmed è andato al fronte per assumersi la responsabilità della guerra durata un anno nel paese e ha lasciato il lavoro quotidiano della gestione del paese al suo vice.

Abi Ahmed ei suoi sostenitori sono determinati a respingere il Fronte di liberazione popolare del Tigray. a lui attribuito: AP

Il portavoce del governo Legis Tulu ha detto ai giornalisti che il primo ministro è arrivato al fronte martedì, ma non ha fornito dettagli sulla posizione.

Legisl ha affermato che il vice primo ministro Demeke Mekonnen gestisce le attività quotidiane del governo.Si stima che la guerra nel secondo paese più popoloso dell’Africa abbia ucciso decine di migliaia di persone.

Anche paesi come Francia, Germania e Turchia hanno chiesto ai propri cittadini di partire immediatamente.

Un ex generale ha affermato che le forze governative sono determinate a sconfiggere qualsiasi opposizione straniera o ribelle.“Noi etiopi non accettiamo compromessi”, ha detto.“Trascineremo i loro cadaveri dalla nostra terra come gli italiani”, ha aggiunto, riferendosi agli ex padroni coloniali del Paese.Una delle nuove reclute dell’esercito, Million Abraham, ha detto che non aveva nulla da temere dal fronte.Disse: “Non ho paura di andare”. “Anche se muoio, non è un problema. È per il mio paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *