L’ascesa dell’antisemitismo nelle università britanniche

“Siamo appena tornati [to university]Ma crea molta tensione quando si va in giro e un’eccessiva consapevolezza di chi si sta interagendo. Alcuni studenti sono diventati più cauti nell’indossare simboli religiosi, come la Stella di David e il kibbutz. “Ascoltare le intimidazioni personali che si verificano in aree prevalentemente ebraiche ti fa avere paura di rivelare la tua identità ebraica”.

In una dichiarazione, il dottor Michael Spence, presidente dell’Università della California, a Los Angeles, ha detto che la University Security sta lavorando con la polizia locale “per garantire una maggiore presenza attorno al perimetro del campus di Bloomsbury”.

Sebbene il conflitto di questo mese possa essere stato il catalizzatore dell’attuale ondata di violazioni, le tensioni nel campus stavano ribollendo molto tempo fa. Negli ultimi anni, un’ondata di “cultura della revoca” ha travolto le università, ma l’antisemitismo sembra rimanere il volto perenne del pregiudizio. Nel 2018 sono stati scoperti graffiti antisemiti in un caffè del campus a Royal Holloway. Nello stesso anno, i membri di un club sportivo dell’Università di Coventry furono sospesi per aver indossato magliette con una svastica e altri slogan antisemiti. L’anno precedente, la Conservative Association era stata sospesa all’Università di Plymouth dopo che alcuni membri erano stati coinvolti in un incidente simile.

All’inizio di quest’anno, l’Università di Bristol Ha avviato un’indagine sul caso David Miller, Professore di sociologia politica all’università, dopo aver chiesto la fine del “sionismo come ideologia efficace del mondo” e affermato che i membri della comunità ebraica dell’università che si sono lamentati dei suoi commenti “vengono usati come pedine politiche da un regime straniero violento e razzista coinvolto nella pulizia etnica “.

READ  La condanna di Derek Chauvin non è motivo di celebrazione, afferma il procuratore capo del caso

Una dichiarazione dell’Università di Bristol ha affermato che l’indagine del professor Miller era “riservata” ma ha aggiunto: “Siamo consapevoli che questo ha causato profonda preoccupazione ad alcuni membri della nostra comunità, e anche che le persone hanno opinioni molto diverse sulle questioni sollevate. . ” Ma a seguito dei commenti del professor Miller, alcuni studenti di Bristol hanno firmato una lettera aperta a suo sostegno. “Il professor Miller ha un ampio sostegno da parte di accademici e studenti a Bristol e all’estero. Qualsiasi denuncia malevola presentata contro di lui deve essere trattata con disprezzo”, ha detto il professor Miller commenti a Bristol.

Sabrina Miller, 21 anni, studentessa di lingua inglese del terzo anno all’Università di Bristol, che ha avviato una petizione di 8.500 studenti per licenziare il professor Miller, è rimasta inorridita dal livello di abusi che ha ricevuto in risposta. “Le dimensioni erano spaventose: c’erano messaggi che mi chiamavano” sionista “. Qualcuno ha persino modificato un video di Tik Tok in cui ballavo per dire:” Filmati reali di Sabrina che balla sulle tombe dei palestinesi “. cercando di scrivere la mia lettera. Passa un po ‘di tempo e torna a casa perché è così tanto “.

Questa volta, afferma che l’antisemitismo a cui ha assistito sembra essere più “sottile”, perché proviene da altri studenti, molti dei quali “non si aspetterebbero”. Spesso, questo prende la forma di infografiche e meme sul conflitto che affermano che “i sionisti Rothschild vogliono chiedere il petrolio da Israele”.

Aggiunge che molti studenti ebrei come lei si sentono espulsi dagli spazi progressisti dell’università, dove ci sono “punti ciechi” sull’antisemitismo a sinistra. Ci sono alcuni movimenti sociali che sono popolari nel campus e il conflitto palestinese è molto popolare. Ciò non toglie nulla all’importante messaggio che il popolo palestinese sta soffrendo orribilmente in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, ma significa che molte persone condividono le cose sui social media senza capire veramente cosa significano “, dice.

READ  Sebbene le restrizioni di blocco siano state allentate, le linee guida sul "lavoro da casa" rimangono in vigore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *