L’articolo di Amazon su Leonardo lo ha parodiato come una “ versione Monty Python del Rinascimento ”

Descritto come “Untold Story” di Leonardo Da Vinci, è un sontuoso dramma che fa luce sulla vita privata dell’artista.

Ma Leonardo, che arriva su Amazon Prime la prossima settimana e interpretato dalla superstar di Boldark Aidan Turner, è stato deriso come “una versione Monty Python del Rinascimento”.

Il dramma parla di una storia in cui Leonardo viene arrestato per aver ucciso la sua musa, Caterina da Cremona. In effetti, non c’è stato alcun arresto del genere e nessuna prova conclusiva dell’esistenza di Katrina.

Lo spettacolo afferma che Leonardo era infatuato di questa donna, un complimento che lei gli ha offerto, anche se lo ritrae come gay. I produttori hanno detto che la serie in otto parti sarà basata su una descrizione dell’artista da parte di uno dei suoi biografi, Water Isaacson, come stravagante a causa del suo essere “bastardo, gay, vegano e duro di mano”.

Come con The Crown di Netflix, lo spettacolo non spiega agli spettatori cos’è la verità e cos’è la finzione.

Il professor Martin Kemp, professore emerito di storia dell’arte all’Università di Oxford e uno degli studiosi più eminenti di Leonardo al mondo, non è impressionato, nella foto sotto.

“Ho guardato 15 minuti, e questo è stato sufficiente”, ha detto, descrivendo il dramma come “un’assurdità splendidamente filmata”.

“Come Dan Brown [Da Vinci] Simbolo, questa non è una finzione storica ma una storia immaginaria.

“Si immerge nei cliché moderni. Lo studio dell’artista è come una notte di vino in un club di rugby. Monty Python Renaissance.”

“L’immaginazione sugli artisti è buona in sé. Quando afferma di essere” reale “è estremamente disonesta”.

READ  Ralph's Italian Ices: uno sguardo alla storia dell'affascinante spot di Staten Island e alla sua espansione nel corso degli anni

Aggiunse che l’unica “Caterina” completamente documentata nella vita di Leonardo era sua madre, e l’artista “non era dedita alla vittoria e non certo all’omicidio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *