L’arte della conservazione in Italia, la riunificazione con Mourinho e la ‘puntura’ del rifiuto del Regno Unito

È felice di chiarire il suo futuro: lasciare la Roma non è nemmeno un’idea. Si stabilì nel club e in città. Ha un forte legame con Mourinho. Sottolinea che ha capitanato la prima Coppa del Mondo – finale di Coppa di Lega 2017 di Mourinho e ha giocato l’intera finale di Europa League quella stagione quando l’Ajax è stato sconfitto. Ha giocato in 100 partite sotto Mourinho allo United, uno dei primi sette esterni per presenze di quell’era manageriale.

C’è stato un momento di critica pubblica nel 2017 quando Mourinho è stato accusato di non aver affrettato il suo ritorno dall’infortunio – poi è stato poi rivelato che Smalling aveva giocato con un dito rotto e si era iniettato antidolorifici. È stato masticato all’infinito da quando Mourinho è arrivato a Roma. “Jose è un vincitore nato e questo posto [Roma] Abbiamo bisogno di un trofeo “, afferma Smalling. “È l’uomo migliore a cui tornare. Ci sono state alcune notizie sui media quando è stato annunciato [about the aforementioned toe episode]. è [some in] I media italiani se ne sono accorti, suggerendo che la stampa inglese stesse dicendo “Jose sta arrivando, loro non vengono, quindi Chris se ne va”.

“Alla fine il nostro rapporto è sempre stato buono. Quando è venuto” [Mourinho] Smetti di parlare di te stesso o smetti di preoccuparti di te stesso, solo allora, come giocatore, avrai qualcosa di cui preoccuparti. Vuole che giochi, e questa è la sua frustrazione [if a player cannot]. “

“Sentivo di avere quella fiducia in lui e nella sua fiducia. Mi ha fatto capitano in una finale di trofeo. [2017]. È importante ottenere quella fiducia dal manager che ha ottenuto così tanto nel gioco. Vuole spingere ogni giocatore e guidarli. Vuole spingerti oltre i tuoi limiti, e lo voglio anche io. “

READ  Lo scambio del Tottenham "confermato" mentre il nipote attira la stella dell'Italia nell'accordo di contrattazione

Il fattore Jose nella Roma è stato una forza motivante, afferma Smalling. Quasi una squadra di Serie A che è uscita dalle prime tre la scorsa stagione e non si è mai più ripresa. Il club non ha vinto un trofeo della Coppa Italia nel 2008. Il 2001 è stato il secondo di due scudetti del dopoguerra. Mourinho è stato chiamato per cambiare le cose. “Quando siamo stati insieme l’ultima volta, abbiamo vinto alcuni trofei”, dice Smalling, “quindi spero che ne vinceremo anche in questa stagione”.

L’italiano di Smalling è abbastanza buono per tenere conferenze stampa nella lingua in questa stagione e Mourinho – fluente in italiano – è stato felice di sapere che non ha dovuto ripetere nessuna delle sue istruzioni in inglese. Riuniti dallo United, la prova che il gioco offre molte seconde possibilità. Smalling non ha 32 anni fino a novembre e sente di avere ancora diverse partite da giocare. Sono passati 33 anni e sei mesi quando Gareth Southgate ha vinto la sua ultima presenza in nazionale inglese da centrale. Poteva mai essere indotto a cambiare idea su Smalling?

“Sicuramente fa un po'”, dice Smalling. “Soprattutto a volte penso di aver fatto bene e di essere stato coerente. Sotto Gareth, non importa quanto bene, mi sembrava che la nave stesse navigando sotto di lui. Ma non si sa mai cosa accadrà in futuro.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *