L’arbitro italiano afferma che il pubblico può “conoscere” attraverso le interviste televisive

ROMA (Reuters) – Il nuovo presidente dell’Associazione Italiana Arbitri (AIA) ha detto che gli arbitri dovrebbero parlare di più con i media dopo che Daniel Orzado è apparso in primo piano alla televisione italiana.

Orsado, l’esperto ufficiale responsabile della finale di Champions League del 2020, ha fatto una rara apparizione pubblica domenica mentre era ospite del programma RAI “90th Minute”.

Alfredo Trendalange, il neoeletto capo dell’AIA, ha lasciato intendere che potrebbero essercene molti altri a venire, anche se ha smesso di rilasciare interviste immediate post-partita con i funzionari.

“Ci pensiamo, ne parliamo”, ha detto a Radio Angio Sport.

“Anche se ora è troppo presto per affrontare questo argomento, condividiamo queste idee”.

“Ieri è stato un momento importante per Orzado per parlare ai media. Dobbiamo pensare al futuro adesso, ma è un buon inizio “, ha aggiunto.

“Non siamo bravi nelle comunicazioni. Siamo bravi in ​​arbitrato, ma va bene per tutti se si conoscono gli arbitri.

Trendalenke ha anche detto che spera che arbitri donne servano nei tornei di Serie A nei prossimi due anni.

“Vogliamo supportare le arbitri donne che dimostrano che siamo di alto livello”, ha detto.

“Devono essere considerati, e spero che ci possa essere un’accelerazione in questo senso; il mio sogno è di farcela per i prossimi due anni”.

Rapporto Alastair McKenzie; Compilato da Christian Ratnetz

READ  Vaccino anti-governo, Italia secondo paese dell'UE più popoloso: 322.943 iniezioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *