L’American Cup, la Luna Rosa Prada Cup, si vince con American Magic. Primo punto senza aria- Corriere.it

Ecco, il riscatto di Luna Rosa Dopo la prima sconfitta contro Enea. Ad Auckland, il secondo giorno Coppa Prada, Selezione delle sfide per determinare chi affronterà la Nuova Zelanda nella Coppa degli Stati Uniti a marzo. Batte l’AC 75 italiano American Magic, Chi non è riuscito a tagliare il traguardo entro il tempo limite. Hura Ruki Bay si rivela ancora una volta una trappola per topi: piccola brezza, bordo regatabilit Per questi gadget in carbonio nati per volare. Vederli progredire nel dislocamento nel sistema di navigazione tradizionale è un sogno che si avvera.

Le condizioni di vento leggero e instabile rendono la vita difficile ai marinai. Lo rendono insopportabile, dopotutto lo è Dean Parker, il brillante perdente sotto la guida di American Magic, raccoglie altre due sconfitte in una Prada Cup, che è molto in rialzo per la squadra del New York Yacht Club. Il capitano Terry Hutchinson l’ha definita un’opportunità per rafforzare il personaggio e dire ad alta voce per convincerlo – prima – di se stesso.


Il team Luna Rosa Prada Pirelli, guidato dal riuscito connubio tra la tecnica di Francesco Bruni e l’occupazione sul ghiaccio di Jimmy Spitz, riesce a completare la più insidiosa recota di cool.: Con vento nella fascia, sui 7 nodi, svegliarsi tra i foil è un’impresa titanica: il resto deve battere la partenza e incrociare le dita. Così fanno i nostri eroi: Luna Rosa entra nei box da sinistra, respinge un’obiezione al mittente degli americani (via libera degli arbitri) e, per prima, taglia i muri a destra (per portare l’Ac75 Spit su quel bordo). Correre è una cosa terribile: è bello trovare la velocità del vento. American Magic riesce a sorpassare, ma il comportamento tattico degli italiani è ottimo: realizzare sempre (per quanto possibile) l’approccio aereo è prima di tutto lo studio dei gas. Non una regata indimenticabile, ma Subito dopo l’asso introduttivo Luna Rosa ha dovuto rimettersi in carreggiata.

Il secondo record della giornata conferma che Sir Ben Ainsley stava aspettando: Britannia, appesantito da sei sconfitte consecutive nelle gare di Christmas Test, si trasformò anche nel vento più leggero, che era considerato il suo tacco alto. Il duo Ainsley-Scott (Hellman e Tactical) è già più che rivale all’inizio. Parker, in completa confusione, si trasforma in due rigori: Il primo entra in anticipo nella casella di partenza, il secondo lo versa Britannia. Le barche a volte si chiudono, lunghe fasi di spostamento contro natura, conquista inglese sul limite del tempo, Ora prima con il punteggio pieno.

16 gennaio 2021 (modifica il 16 gennaio 2021 | 09:18)

© Revisionato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *