L’America valuta la responsabilità e la risposta a un attacco missilistico in Iraq | Notizie di Joe Biden

La Casa Bianca afferma che una risposta militare “calcolata” è sul tavolo, se serve gli interessi americani nella regione.

Un appaltatore statunitense è stato ucciso mercoledì quando almeno 10 missili sono atterrati su una base aerea che ospitava gli Stati Uniti e altre forze della coalizione nell’Iraq occidentale, e gli Stati Uniti stanno valutando se un’altra risposta sia giustificata, secondo l’addetto stampa della Casa Bianca Jane Psaki.

“Stiamo ancora valutando l’impatto di questo ultimo attacco missilistico, compresa la determinazione dell’esatta attribuzione”, ha detto Psaki in un comunicato stampa quotidiano.

Psaki ha risposto alle domande sull’azione pianificata dicendo che il recente bombardamento da parte degli Stati Uniti delle milizie allineate con l’Iran “è stato calcolato proporzionalmente e completamente coperto dalle autorità legali”.

Ha aggiunto: “Questo sarà il nostro modello, andando avanti”. “Se consideriamo che la risposta aggiuntiva è giustificata, prenderemo provvedimenti”.

Psaki ha detto che il presidente Joe Biden è stato informato dell’attacco all’inizio di mercoledì.

Biden in seguito ha detto ai giornalisti che i funzionari statunitensi stanno studiando attentamente l’incidente. Ha detto: “Determiniamo chi è responsabile e in questa fase emetteremo sentenze”.

Il portavoce del Pentagono John Kirby ha detto che l’appaltatore “ha avuto un attacco di cuore mentre si riparava” ed è morto poco dopo. Ha detto che non c’erano personale di servizio ferito e tutti i feriti sono stati contati. È tra le forze britanniche e danesi di stanza alla base.

Una foto aerea scattata da un elicottero il 29 dicembre 2019, che mostra la base aerea di Ain Al-Asad nel deserto a ovest di Anbar, Iraq. [File: Nasser Nasser/AP Photo]

Un portavoce della coalizione guidata dagli Stati Uniti, il colonnello Wayne Maruto, ha detto che i missili hanno colpito la base aerea di Ain Al-Asad nella provincia di Anbar questa mattina presto. Kirby ha detto che i razzi sono stati lanciati da est della base e che i sistemi di difesa antimissile sono stati utilizzati per difendere le forze alla base.

READ  Stephen Colbert grida a gran voce per i senatori repubblicani che non tengono conto del processo di impeachment

L’attacco non è stato ancora attribuito, ma ci sono dubbi sulla responsabilità delle forze appoggiate dall’Iran.

Questo è stato il primo attacco da quando gli Stati Uniti hanno colpito obiettivi delle milizie alleate iraniane lungo il confine tra Iraq e Siria la scorsa settimana, uccidendo un membro della milizia e sollevando i timori di un altro round di attacchi di rappresaglia come accaduto più di un anno fa.

Biden ha affrontato critiche sullo sciopero nella Siria orientale la scorsa settimana, con i critici che hanno affermato che ha preso la stessa posizione del suo predecessore, Donald Trump. Gli attacchi arrivano mentre gli Stati Uniti e l’Iran stanno cercando di concludere nuovamente un accordo nucleare per limitare le capacità delle armi nucleari dell’Iran in cambio di un sollievo dalle sanzioni.

L’Iran ha bombardato la base di Ain Al-Assad con una raffica di missili nel gennaio dello scorso anno, per vendetta dell’uccisione del generale iraniano Qassem Soleimani. Decine di soldati americani hanno subito una commozione cerebrale in quello sciopero.

L’esercito iracheno ha rilasciato una dichiarazione dicendo che l’attacco di mercoledì non ha causato perdite significative e che le forze di sicurezza hanno trovato la rampa di lancio usata nei missili: un camion. Un video del sito che mostra un camion in fiamme in una zona desertica.

READ  Il redattore di Teen Vogue estromesso Alexi McCammond è stato fotografato con indosso un costume da nativo americano

La Danimarca ha affermato che le forze della coalizione presenti alla base stanno contribuendo a portare stabilità e sicurezza nel Paese.

“Gli spregevoli attacchi contro la base di Ain Al-Assad in Iraq sono del tutto inaccettabili”, ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri danese Gebi Kuvud. Le forze armate danesi hanno detto che due danesi che erano alla base al momento dell’attacco erano incolumi.

Il portavoce della coalizione Maruto ha detto che le forze di sicurezza irachene stanno conducendo un’indagine sull’attacco.

Le forze statunitensi in Iraq hanno ridotto drasticamente la loro presenza nel paese lo scorso anno e si sono ritirate da diverse basi irachene, concentrate principalmente ad Ain al-Assad, Baghdad ed Erbil.

Gli iracheni passano davanti a un poster che annuncia l’imminente visita di Papa Francesco e un incontro con un rispettato leader sciita, il Grande Ayatollah Ali al-Sistani, a destra, a Najaf, in Iraq [Anmar Khalil/AP Photo]

L’attacco arriva due giorni prima che Papa Francesco visiterà il Paese nonostante le preoccupazioni per la sicurezza e l’epidemia di coronavirus. Il volo previsto includerà scali a Baghdad, nel sud dell’Iraq e nella città settentrionale di Erbil.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *