L’ambasciatore del Myanmar presso le Nazioni Unite chiede un’azione globale immediata per aiutare a invertire il colpo di stato

Kyaw Mo Tun, che è rimasto fedele al governo civile che è stato rovesciato il 1 ° febbraio, ha tenuto un discorso emozionante mentre si rivolgeva all’assemblea venerdì.

“Abbiamo bisogno di più e più forti misure possibili dalla comunità internazionale per porre fine immediatamente al colpo di stato militare, fermare l’oppressione degli innocenti, ripristinare il potere statale sul popolo e ripristinare la democrazia”, ​​ha detto.

Al termine del discorso il diplomatico ha ricevuto un raro applauso dai suoi colleghi delle Nazioni Unite.

Il nuovo ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Linda Thomas Greenfield, ha elogiato le dichiarazioni “coraggiose” dell’inviato.

“Gli Stati Uniti continuano a condannare fermamente il colpo di stato militare in Myanmar”, ha detto venerdì in un discorso all’assemblea.

Condanniamo la brutale uccisione delle forze di sicurezza indifese “.

Thomas Greenfield ha aggiunto che gli Stati Uniti “continueranno a fornire assistenza umanitaria salvavita, compresi i Rohingya e altre popolazioni vulnerabili negli stati di Chin, Kachin, Rakhine e Shan”.

“Il mondo dovrebbe lodare il coraggio del Rappresentante Kyaw Mo Tun di fare una dichiarazione così forte a nome del popolo del Myanmar, non della giunta illegale”, ha detto venerdì Akila Radhakrishnan, presidente del Center for Global Justice.

“La comunità internazionale dovrebbe premiare questo coraggio rispondendo alla sua richiesta di un’azione immediata e decisiva per ritenere i militari responsabili”.

Il Myanmar è precipitato in subbuglio quando il colpo di stato ha estromesso il leader civile Aung San Suu Kyi.

Suu Kyi è stata arrestata nella sua casa nella capitale dopo il colpo di stato.

Da allora il paese è stato testimone di 21 giorni consecutivi di proteste contro l’esercito, con manifestazioni a Mandalay e Yangon venerdì.

READ  Il dramma del Canale di Suez e un piccolo bulldozer ispirano un'ondata di memi | Egitto

All’inizio della giornata, alcuni manifestanti si sono riuniti pacificamente fuori dalla casa di Suu Kyi per pregare.

I comandanti militari hanno imposto il coprifuoco su Internet mentre i disordini continuavano.

Giovedì la polizia ha sparato almeno 10 colpi in aria per disperdere una folla di manifestanti a Yangon, secondo fonti sul terreno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *