L’ambasciata turca a Roma ha descritto i critici di Erdogan in Italia

Geni Levante / Stoccolma

Il governo turco ha usato i suoi ambasciatori in Italia Profila gli oppositori del presidente turco Recep Tayyip Erdogan e raccogli informazioni su di loro per aiutare a creare un procedimento penale contro i critici.

Gli atti giudiziari confermano che quattro cittadini turchi sono stati profilati da diplomatici turchi e denunciati al ministero degli Esteri di Ankara. Le informazioni sono state successivamente utilizzate da un pubblico ministero turco in un atto d’accusa penale per accuse di terrorismo.

Il 21 dicembre 2018, secondo la decisione del procuratore Adam Agans, l’Ufficio del procuratore generale di Ankara ha avviato un’indagine (fascicolo n. 2018/43629) sui cittadini turchi elencati nei file di spionaggio maltrattati dagli ambasciatori turchi. Secondo i documenti, sarebbero stati accusati da Agon di essere “membri di un gruppo terroristico”.

Il documento giudiziario, datato 11 dicembre 2018, rivela che i diplomatici turchi stanno spiando i critici. (Indirizzi e nomi dei turchi sono stati corretti per motivi di sicurezza.):

copia italiana

Documenti di profilo inviati ad Ankara dall’ambasciatore turco in Italia Murad Saleem Esenli Tra il 2016 e il 2021.

L’ambasciatore Murad Saleem Esenli (L) e il ministro della Difesa turco Hulusi Agar (Ambasciata turca a Roma / 9 ottobre 2020)

I critici del governo Erdogan all’estero, in particolare i membri del movimento Hismetic/Golan, hanno subito sorveglianza, molestie, minacce di morte e rapimenti da quando il presidente Erdogan ha deciso di espellere il gruppo per i suoi problemi legali. Spesso rifiutano servizi diplomatici come la procura e la registrazione della nascita e la cancellazione dei loro passaporti. Le loro proprietà in Turchia vengono confiscate e i loro familiari rischiano accuse penali in patria.

Orhan Ananda, un eccezionale educatore recentemente incluso nei documenti pubblicati dal Nordic Monitor, è stato rapito il 31 maggio in Kirghizistan e portato illegalmente in Turchia. Ananda, che vive in Kirghizistan da quasi 30 anni, è stata arrestata il 12 luglio con l’accusa di essere membro di un’organizzazione terroristica. Un rapporto segreto di 105 pagine del governo turco ottenuto da un monitor nordico conferma che il MIT, un’agenzia di spionaggio turca, ha rapito e portato di nascosto un cittadino turco-kirghiso scomparso a Bishkek.

READ  Invitalia acquisirà il controllo dell'ex ILVA
La moglie di Orhan Ananda, Rayhan, è stata fotografata con il marito in manette, esponendo le torture subite. “È ovvio che hanno torturato mio marito. Ha perso molto peso”, ha detto.

Come prima Rivelato Attraverso il Nordic Monitor, il Ministero degli Affari Esteri il 19 febbraio 2018 ha inviato all’Ufficio del Procuratore Capo di Ankara, alla Polizia Nazionale e al MIT, l’agenzia di intelligence della Turchia, un elenco di due cittadini su due CD con un documento ufficiale per ulteriori azione legale. Sequestro dei loro parenti e dei loro beni in Turchia.

Il 23 febbraio 2018 il pubblico ministero ha inviato l’atto ad Agansi, che ha ricevuto l’atto CD assortiti Comprese informazioni su 4.386 critici di Erdogan alla Divisione criminalità organizzata del dipartimento di polizia di Ankara per ulteriori azioni. La polizia ha informato il pubblico ministero dei risultati delle sue indagini.

Secondo Documenti giudiziari Rilasciato il 16 gennaio 2019 dalla 4a Alta Corte Penale di Ankara, il Ministero degli Affari Esteri ha compilato un lungo elenco di società straniere di proprietà e/o gestite da stranieri considerate vicine al movimento.

Il ministro degli Esteri Mevlut Cavrisol Sicuro di se Spionaggio sistematico sui critici del governo turco in territorio straniero attraverso le missioni diplomatiche turche nel febbraio 2020. “Se guardi alla definizione di diplomatico, diventa chiaro.” È dovere dei diplomatici raccogliere informazioni”, ha detto Chausovol ai giornalisti turchi il 16 febbraio 2020, a seguito della Conferenza sulla sicurezza di Monaco, “raccogliere informazioni e raccogliere informazioni è un fatto. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *