L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati fa appello all’Italia a non ostacolare i battelli di salvataggio dei migranti

Il capo dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ha detto venerdì che ha esortato l’Italia a non ostacolare inutilmente le ONG che gestiscono navi di soccorso per migranti nel Mediterraneo centrale, poiché il clima più caldo dovrebbe causare il consueto aumento stagionale delle barche dei trafficanti in partenza. Dalla Libia. Il giorno dopo l’incontro con il primo ministro italiano Mario Draghi e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, Filippo Grandi ha detto ai giornalisti che le barche di beneficenza “stanno riempiendo un vuoto importante” in assenza di sforzi collettivi dell’UE. Venerdì incontra Papa Francesco. Le associazioni di beneficenza che gestiscono le barche lamentano che le misure di sicurezza che l’Italia richiede equivalgono a paralizzare le sue operazioni. “Dobbiamo trovare un equilibrio. Da un lato, è chiaro che i soccorsi in mare devono essere effettuati anche dalle ONG, secondo gli standard di sicurezza. Dall’altro, non dovrebbero esserci richieste di misure eccessive che ostacolano questo sforzo fondamentale di Accettato dalle ONG per salvare le persone che attraversano. “” Non sono pienamente d’accordo con qualsiasi tentativo di punire le ONG per quello che fanno. È un lavoro prezioso e vitale. Ha detto che non c’erano prove che la presenza delle barche incoraggiasse più partenze, come sostengono i critici delle operazioni di salvataggio.

L’Italia ha attualmente vietato il Sea-Watch 3 in Sicilia, mentre ad Alan Kurdi, che è stato vietato in Sardegna, è stato permesso di recarsi in Spagna per la manutenzione ordinaria mentre la procedura amministrativa è ancora in sospeso. Le barche sono gestite rispettivamente dai gruppi umanitari Sea Watch e Sea-Eye, entrambi con sede in Germania.

READ  China orders Alibaba founder Jack Ma to dismantle fintech empire | Jack Ma

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse e generata automaticamente da un feed condiviso.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *