L’Alta Corte italiana ha criticato gli avvocati nel caso relativo al Vaticano

Roma (AB) –

La Corte Suprema italiana ha incriminato i pubblici ministeri per aver nascosto prove sospette chiave nel processo per frode e frode del Vaticano in un caso parallelo nei tribunali italiani.

La Corte di Cassazione ha ordinato al tribunale di esaminare le prove prima di decidere se confermare il mandato di cattura internazionale per Gianluigi Dorsey, broker italiano con sede a Londra ricercato per reati finanziari in Italia e in Vaticano.

La Cassazione ha revocato il mandato in ottobre Ma le ragioni di questa decisione sono state rese pubbliche solo sabato. La corte ha concordato con gli avvocati di Dorsey sul fatto che i pubblici ministeri italiani non avevano modificato le sue prove difensive davanti a un giudice che per primo ha approvato il mandato d’arresto a marzo.

Quando gli avvocati di Torzi hanno impugnato il mandato al tribunale d’appello, i giudici d’appello avrebbero dovuto valutare se gli elementi di sicurezza mancanti di Torzi fornissero un peso “decisivo” a suo favore, scrivono i giudici di Cassazione. Il tribunale del riesame ha confermato il mandato d’arresto a giugno senza effettuare tale valutazione.

La causa è stata intentata in Italia dopo che i pubblici ministeri vaticani hanno interrogato Dorsey sul suo coinvolgimento nell’investimento di 350.350 milioni del Vaticano in una proprietà londinese. Gli avvocati vaticani hanno accusato Darcy di aver tentato di estorcere 15 milioni di euro al Vaticano per trasferire la piena proprietà della proprietà. Torzi dice che il caso è frutto di un malinteso.

È stato incriminato da un tribunale vaticano a luglio, ma la sua posizione nel processo è pendente a causa della legittimità del procedimento di estradizione tra Italia e Gran Bretagna e del mandato d’arresto italiano che lo ha avviato. Il Vaticano non ha accordi di espulsione con la Gran Bretagna.

READ  Giovanni de Carolis ha scioccato Daniel Scordina nell'incontro di boxe di quest'anno in Italia.

In una dichiarazione di sabato, l’avvocato di Torzi, Marco Franco, ha affermato che la sentenza sembrava consentire al tribunale di rivedere lo spazio per una “nuova, completa valutazione”. Ha detto che Torzi credeva “nell’atteggiamento più pacifico degli avvocati nel cercare la verità senza privarlo della sua libertà”.

Il caso Vaticano è circondato da errori procedurali da parte degli avvocati vaticani Ha respinto diverse accuse. Gli avvocati difensori affermano che i bug hanno derubato i loro clienti dei loro diritti; La Santa Sede insiste sul fatto che tali diritti devono essere rispettati.

Gli avvocati vaticani hanno avuto un certo successo, Altre sentenze al di fuori del Vaticano hanno commesso un errore sia nella condotta degli avvocati vaticani che degli avvocati italiani che agiscono per loro conto. Tra questi ci sono le sentenze che ribaltano la legittimità delle perquisizioni ordinate dal Vaticano in Italia e la richiesta del Vaticano di arrestare e detenere un altro sospetto italiano..

Inoltre, l’anno scorso un tribunale britannico ha stabilito che gli avvocati vaticani avevano commesso “terribili” interpretazioni errate ed errori. Hanno chiesto la confisca della proprietà di Dorsey e hanno ordinato il rilascio del denaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *