L’Algeria arresta 22 sospetti in incendi mortali | Notizie sui cambiamenti climatici

Il presidente Tebboune ha affermato che alcuni degli incendi sono stati causati dalle alte temperature, ma che “dietro la maggior parte di essi c’erano mani criminali”.

L’Algeria ha arrestato 22 persone sospettate di essere responsabili degli incendi boschivi più distruttivi nella storia del Paese, che hanno ucciso 69 persone.

Da lunedì decine di incendi boschivi hanno colpito le regioni montuose del nord dell’Algeria, in particolare a Tizi Ouzou nella regione della Cabilia, a est di Algeri.

“Alcuni degli incendi sono stati causati dalle alte temperature, ma dietro la maggior parte di essi c’erano le mani dei criminali”, ha detto il presidente Abdelmadjid Tebboune in un discorso trasmesso dalla televisione di stato giovedì.

Abbiamo arrestato 22 sospetti, di cui 11, a Tizi Ouzou. La giustizia farà il suo dovere”.

Tra i morti almeno 28 soldati, mentre il Paese nordafricano ha dispiegato l’esercito per aiutare i vigili del fuoco a contenere gli incendi che hanno distrutto le abitazioni nelle aree boschive.

“È un disastro… un disastro. Ma la nostra forza non crollerà”, ha detto Tebboune, lodando i convogli di aiuti provenienti da altri governatorati per fornire alle aree colpite cibo, medicine e donazioni di altri materiali.

“Dobbiamo preservare l’unità nazionale… insisto sull’unità nazionale”, ha aggiunto.

Le autorità algerine hanno lottato per contenere gli incendi che da allora si sono diffusi in diversi altri stati.

“Il governo ha già inviato diversi elicotteri per combattere questi incendi, ma questi elicotteri sono dotati solo di secchi Bambi da 1.000 litri”, ha affermato Maher Mezahi, giornalista di Tizi Ouzou.

Hanno invitato l’Unione europea a inviare alcuni aerei antincendio. La Francia ne ha inviati più di due ieri e hanno una capacità da sei a settemila litri e sono stati più efficaci nel combattere questi incendi, che si trovano in luoghi molto difficili”.

READ  Foto scioccanti mostrano che la pelle di un forte fumatore, 60 anni, è diventata di un giallo brillante - notizie dal mondo

Tebboune ha detto che venerdì sono attesi altri due aerei dalla Spagna e sabato l’altro dalla Svizzera.

Tebboune ha affermato che il Fondo di solidarietà fornirà assistenza finanziaria alle famiglie colpite dagli incendi che hanno distrutto case, uliveti e animali che forniscono mezzi di sussistenza nella zona.

Il primo ministro Ayman Ben Abdelrahman, che giovedì ha visitato Tizi Ouzou, la capitale regionale della regione della Cabilia, ha dichiarato: “Al momento, la cosa più importante è spegnere [the fires] E soprattutto prendersi cura della popolazione».

Come l’Europa meridionale, il Nord Africa stava soffocando sotto un caldo soffocante. Le temperature hanno raggiunto i 50 °C (122 °F) in Tunisia, un record per il Paese. L’ultimo massimo precedente era di 48,2 ° C (119 ° F) nel 1968.

L’Ufficio meteorologico nazionale dell’Algeria ha dichiarato che il clima è molto caldo fino a giovedì in circa una dozzina di regioni, tra cui intorno a Tizi Ouzou. In alcuni luoghi, la temperatura avrebbe dovuto raggiungere i 47 °C (116,6 °F).

Gli scienziati del clima affermano che non ci sono dubbi sul fatto che il cambiamento climatico dovuto alla combustione di carbone, petrolio e gas naturale stia guidando eventi estremi come ondate di calore, siccità e incendi, che secondo loro potrebbero verificarsi con il riscaldamento della Terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *