L’agenzia di censura italiana ha inflitto a Facebook una multa di 7 milioni di euro per uso improprio dei dati dei suoi abbonati

Roma, l’organismo di controllo della competizione in Italia, ha multato il gigante dei social media Il sito di social networking Facebook Sette milioni Euro ($ 8,45 milioni) per il mancato rispetto di un precedente ordine relativo a Uso improprio Dei suoi abbonati dati.

dopo IndagineMercoledì, l’autorità italiana garante della concorrenza (AGCM) ha dichiarato di aver scoperto che Facebook Inc. E la sua controllata Facebook Ireland Ltd. UtentiSecondo la nuova China News Agency (Xinhua) di non aver pubblicato un annuncio correttivo richiesto dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

Nel novembre 2018, dopo un’indagine di nove mesi, l’AGCM ha concluso che Facebook ha utilizzato i dati degli abbonati in un modo che violava il diritto dei consumatori italiano. Pertanto, Facebook ha imposto due multe per un totale di 10 milioni di euro (12 milioni di dollari).

L’autorità di controllo ha affermato che la prima multa è stata inflitta perché Facebook “convince in modo ingannevole gli utenti a registrarsi sulla piattaforma” senza informarli correttamente e immediatamente in fase di registrazione che i loro dati saranno raccolti per scopi commerciali.

La seconda sanzione nel 2018 riguarda il passaggio dei dati degli utenti a terzi.

L’Organismo di Vigilanza italiano ha dichiarato venerdì in un comunicato che era stata fissata la nuova multa di sette milioni di euro perché “le due società non hanno pubblicato il correttivo e non hanno fermato la pratica sleale e coerente”.

Pubblicità


Sebbene la “richiesta di bonus” al punto di registrazione sia stata annullata, “non sono state ancora fornite informazioni chiare e immediate sulla raccolta e l’utilizzo dei dati degli utenti per scopi commerciali”, ha affermato mercoledì AGCM.

Secondo AGCM, questa informazione è necessaria per consentire ai consumatori di decidere se iscriversi al servizio, “alla luce del valore economico dei dati dell’utente trasferiti a Facebook, che rappresenta il pagamento per l’utilizzo del servizio”.

L’ultima misura contro Facebook è stata varata nel gennaio 2020 e la multa è stata fissata in una riunione del 9 febbraio, secondo la censura italiana.

L’indagine originale che ha portato alle due precedenti sanzioni pecuniarie è stata aperta nel 2018 dopo che tre gruppi di difesa italiani hanno intentato una causa collettiva contro Facebook per presunto uso improprio dei dati personali forniti.

Guarda anche:
Hacking dei dati: la “democrazia dei dati” del primo ministro indiano dovrebbe evitare i difetti del sistema politico del paese
DMart è ora una società da 2 trilioni di dollari: Radhakishan Damani ha diverse carte da ritirare, la prima è l’e-commerce

Hyundai si avvicina a 25 anni di successo in India – Ecco come questa casa automobilistica ha superato la soglia dei 9 milioni, superando concorrenti come Mahindra e Tata

READ  L'India afferma che le piattaforme di streaming video dovrebbero assumersi la responsabilità dei contenuti, Telecom News, ET Telecom

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *