La vacanza da sogno di Alison Brie in Italia potrebbe essere un incubo

Due libri compaiono nell’idea del nuovo “Spin Me Round” del regista Jeff Baena: uno è un libro “Eat, Pray, Love” per eccellenza, sentimentale e che afferma la vita, mentre l’altro, potenzialmente più misterioso per un pubblico americano, è un autore colombiano Gabriel Garcia, l’audace e realistico film epico criminale “Kidnapping News” del marchese.

Uno spot per Olive Garden che va a “Eyes Wide Shut”, il film oscilla tra due stili distinti di questi volumi: l’improbabile fantasia artificiale di un vibrante viaggio europeo in cui tutte le inibizioni sono sospese e il spaventoso sospetto che possa esserci qualcosa di perverso e vale la pena rivelare sotto la superficie. .

Fedele al suo titolo, l’ultima uscita di Baena ci porta attraverso più di alcuni colpi di scena e svolte della trama, anche se non sempre vanno a buon fine o con umorismo, nella sua esplorazione di come si può essere indotti con l’inganno a credere che la narrativa fantasy possa fornire una pericolosa tregua dalla blanda realtà ordinaria.

Dopo nove anni come manager nella tranquilla sede di Tuscan Grove a Bakersfield, un ristorante italiano di una catena di fascia bassa, Amber (Alison Brie) è stato scelto per il viaggio di una vita, o almeno così pensi. Trascorrere qualche giorno in una villa italiana per conoscere la cucina e la cultura del paese insieme ad altri artisti di alto livello sembra essere una rinnovata opportunità. Ma la crosta della magia svanisce quasi immediatamente dopo l’atterraggio.

Innanzitutto, le promesse sistemazioni degne di Instagram sono state sostituite da un hotel arruffato dipinto con colori sbiaditi e insaturi. Poi c’è una miriade di altri ospiti solisti che includono l’arrogante transgender Depp (una deliziosamente confusa Molly Shannon) e lo storditore di Tuscan Grove Diehard Dana (Zach Woods), più altre due giovani donne e un’ex concorrente di un programma di cucina. Il massiccio ego.

READ  Your horoscope for today, December 31, 2020

Dopo una serie di inutili lezioni di cucina, il gruppo incontra il presidente e volto dell’azienda, Nick (Alessandro Nivola), che ama Amber. Sebbene il programma “Spin Me Round” eviti intenzionalmente di essere un grande tour dell’Italia e le visite turistiche siano limitate, Baena assicura che le tattiche di seduzione di Nick sulla barca abbiano un’atmosfera scintillante e onirica che non è più autentica del cibo che servono. è servito nei suoi ristoranti. Si convince rapidamente che questo è amore dal primo volo.

Alison Brie si rammarica di aver espresso un personaggio

Baena ha anche riportato il suo partner più frequente: sua moglie Aubrey Plaza, che ha recitato nei film del regista “Life After Beth”, “Joshy” e “The Little Hours”. Migliorando spesso tutto ciò in cui si trova con la sua oscura presenza umoristica, Plaza interpreta Kat, la partner più stretta di Nick nella cura delle altre donne, introducendo la sua caratteristica vena acida. La sequenza in cui Amber e Kat partono da sole per una notte spericolata è quella in cui la storia suona più fedele al momento stimolante del momento e più pericolosa nel modo in cui il personaggio di Brie affronta la lotta interiore.

All’inizio, Brie (che è anche una co-sceneggiatrice qui, dato che era in “Horse Girl” di Baina) dà ad Amber un’ingenuità con gli occhi spalancati, rendendola vulnerabile agli sviluppi di Nick. Tutti intorno a lei lodano quanto sia aperta e, sebbene i loro complimenti abbiano secondi fini, c’è del vero nella sua disponibilità ad andare avanti con il viaggio con l’impressione che la porterà a una pungente relazione amorosa.

Ma proprio mentre il film passa dalla meraviglia solare al mistero con accenni di traffico di esseri umani, il suo comportamento cambia dal personaggio frizzante del titolo in italiano “The Lizzie McGuire Movie” a una sfiducia perduta. Piccoli fatti sul suo passato vengono sporadicamente alla ribalta, ma nessuno di loro giustifica così facilmente la sua propensione alla stregoneria, a parte il fatto che è una donna di provincia il cui mondo è accecato dal suo stesso.

Molly Shannon recita insieme a Vanessa Bayer nel pilot della commedia Showtime

La performance in qualche modo radicata di Brie, a differenza della recitazione più emergente intorno a lei, fa un sacco di pesanti sollevamenti emotivi dappertutto. L’elemento più forte del film è quel personaggio specifico, che si svolge in mezzo al caos e senza molti retroscena. Al contrario, Nivola eccelle come femminista infantile con l’energia di una “leader di culto della luce”. Certamente ha una portata, come attesta qui una scena di pianto scomoda.

READ  Muore a 90 anni Monica Vitti, la "regina del cinema italiano".

Lanciando un’ampia rete di casting, Baena si piega anche a pezzi per il nome di talenti come Fred Armisen, Ego Nwodim e Lil Rel Howery. Sono responsabili della maggior parte delle commedie efficaci, sebbene in alcuni casi ritraggano i confini dei cartoni animati in stile “SNL”. Anche se non è sempre divertente come vorresti che fosse con la dinamica dei litigi tra il team di gestione, “Spin Me Round” è generalmente coinvolto grazie a “Che diavolo sta succedendo qui?” Dubito che Baena si impianta presto.

Un esercizio comico interessante, questa è l’uscita meno stravagante di Baena finora (senza considerare zombi gelosi o suore sboccate), ma forse è narrativamente più ambizioso, in termini di genere terrificante e un chiaro obiettivo per smantellare le false fantasie del protagonista. La colonna sonora (composta dal compositore veterano Pino Donaggio) e la fotografia di Sean McCloy corrispondono alle differenze di tono.

Proprio come la musica passa dall’allegria esultante all’essere abbastanza maturo per un film di James Bond, le scelte di illuminazione diventano più intenzionalmente sul naso per riflettere l’orrore che Amber vede intorno a lei. C’è una sinergia oggettiva e pratica che è più impressionante di alcune delle gag dell’umorismo che non sono all’altezza.

“Spin Me Round” è strettamente correlato al desiderio condiviso di vivere eventi fuori dall’ordinario per sfuggire alla schiacciante normalità, ma considera anche Amber responsabile dei castelli nel cielo che ha costruito per lei. Forse la sua disperazione per qualcosa di interessante per colorare la sua esperienza, le persone dall’altra parte dell’equazione non erano così ingannevoli come immaginava.

“Spin Me Round” sarà presentato in anteprima mondiale al 2022 SXSW Film Festival.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *