La Turchia resiste alle offerte della Finlandia e della NATO svedese

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha criticato la decisione della Finlandia di richiedere l’adesione alla NATO, sostenendo che essa e la vicina Svezia sono “sede di molte organizzazioni terroristiche”.

L’opposizione di Erdogan ha il potenziale per contrastare potenziali offerte dei due paesi, perché l’adesione all’alleanza è subordinata a un accordo unanime di tutti i 30 stati membri. La Turchia è un membro della NATO.

“Stiamo seguendo gli sviluppi riguardanti Svezia e Finlandia, ma non abbiamo opinioni positive”, ha detto Erdogan ai giornalisti a Istanbul, aggiungendo che è stato un errore per la NATO accettare la Grecia come membro in passato.

E come Turchia, non vogliamo ripetere gli stessi errori. Inoltre, i paesi scandinavi sono foresterie per organizzazioni terroristiche”, ha affermato Erdogan, senza entrare nei dettagli dell’accusa.

Sono persino membri del parlamento in alcuni paesi. “Non è possibile essere di supporto”, ha aggiunto.

In risposta alla dichiarazione di Erdogan, che sembrava essere una sorpresa per la Finlandia, il ministro degli Esteri Pekka Haavisto ha esortato alla pazienza e ha chiesto un approccio graduale in risposta.

“Abbiamo bisogno di un po’ di pazienza in questo tipo di operazione… Non accadrà in un giorno… Affrontiamo i problemi passo dopo passo”, ha detto Haavisto ai giornalisti.

Haavisto ha visitato la Turchia due volte negli ultimi mesi e il presidente finlandese Sauli Niinistö ha parlato al telefono con Erdogan all’inizio di aprile.

Dopo questa chiamata, Niinistö ha twittato: “La Turchia sostiene gli obiettivi della Finlandia”.

La Finlandia ha annunciato giovedì che farà domanda per l’adesione alla NATO e la Svezia dovrebbe seguire l’esempio nei prossimi giorni.

READ  Ministero dell'Interno smetterà di pagare per gli articoli da toeletta e i farmaci dei richiedenti asilo | Immigrazione e asilo

Il presidente finlandese Sauli Niinistö

(AFP)

Dopo l’annuncio della Finlandia, Mosca ha detto che potrebbe interrompere il gas russo. E venerdì il ministero degli Esteri russo ha avvertito che potrebbe dover adottare misure di ritorsione contro Helsinki.

“La Russia sarà costretta a intraprendere misure di ritorsione, sia di tipo tecnico-militare che di altra natura, al fine di fermare le minacce alla sua sicurezza nazionale”, si legge in una nota.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha anche affermato che la Finlandia ha adottato “misure ostili” contro la Russia.

Sulle possibili risposte, Peskov ha aggiunto: “Tutto dipenderà da come procederà questo processo di espansione della NATO e da quanto è vicina l’infrastruttura militare ai nostri confini”.

Circa il 60-70 per cento del gas utilizzato in Finlandia proviene dalla Russia, ma solo il cinque per cento del consumo totale di energia del paese l’anno scorso, secondo le statistiche nazionali. Il petrolio, la biomassa legnosa e l’energia nucleare sono le sue principali fonti di energia.

I successi di Kiev nel respingere l’offensiva russa sono dovuti, in parte, alla liquidazione da parte della NATO di veicoli militari, armi e altro supporto attraverso i suoi membri al confine con l’Ucraina.

Il primo ministro finlandese Sanna Marie

(AFP)

La Finlandia ha affermato che la decisione di tentare di aderire alla NATO è il risultato delle azioni della Russia.

Tu (Russia) hai causato questo. “Guardati allo specchio”, disse Niinistö.

La Svezia dovrebbe anche prendere una decisione sull’adesione alla NATO nei prossimi giorni e dovrebbe seguire l’esempio della vicina Finlandia.

Ma parlando venerdì, il ministro della Difesa svedese Peter Hultqvist ha affermato che se il paese avesse chiesto di aderire alla NATO, potrebbe aumentare il rischio di una risposta russa.

L’adesione segnerebbe un importante cambiamento nel panorama della sicurezza in Europa: la Svezia ha evitato alleanze militari per più di 200 anni, mentre la Finlandia ha adottato la neutralità dopo la sconfitta per mano dei sovietici nella seconda guerra mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *