La Svizzera vota per limitare i veli integrali nel referendum sul “ divieto del burqa ”

Elettori in Svizzera Ha votato di stretta misura a favore di un divieto di copertura facciale nel referendum di domenica, poiché il partito di estrema destra del paese ha vinto quella che ha descritto come una “vittoria sull’Islam radicale”, anche se poche donne nel paese indossano il niqab.

Il risultato finale di domenica sera ha mostrato che il 51% degli elettori svizzeri è favorevole al divieto. Ha anche ottenuto il sostegno nella maggior parte dei 26 cantoni alpini, il che significa che ora diventerà legge.

La Svizzera ha una democrazia diretta che consente di sottoporre a referendum qualsiasi proposta a condizione che vengano raccolte 100.000 firme a sostegno.

In opposizione al governo e al parlamento svizzeri, la proposta non si riferiva specificamente al burqa, ma chiedeva solo “sì al divieto del rivestimento integrale”. Tuttavia, la campagna “Sì” ha chiarito che la copertura del volto e la poesia islamica conservatrice erano l’obiettivo specifico, con manifesti che incoraggiavano gli elettori a “fermare l’Islam radicale”.

“L’Islam radicale deve essere sostituito”, ha detto domenica Anian Lybrand dell’UDC di destra in un’intervista alla TV locale.

Tuttavia, il divieto si applicherà a tutti i copricapi nei luoghi pubblici, ma non nei luoghi di culto.

I critici lo hanno definito anti-islam e sessista. Manifesti contrari al disegno di legge affermavano “No all’assurda, futile e anti-islamica” legge anti-burqa “.

Circa il cinque per cento della popolazione svizzera musulmano Ma il numero di donne che indossano il velo è molto basso.

Non è la prima volta che gli elettori svizzeri scelgono in un referendum per frenare i simboli associati all’Islam. Referendum 2009 Vietare la costruzione di minareti Nelle moschee.

READ  A paraplegic Hong Kong athlete in a wheelchair climbs a skyscraper

Ce l’hanno Austria, Francia, Belgio e Danimarca Ha anche vietato il niqab nei luoghi pubblici Negli ultimi anni, i governi hanno subito pressioni per opporsi a un codice di abbigliamento che è visto da alcuni come opprimente per le donne.

Alcuni paesi a maggioranza musulmana hanno persino restrizioni sul velo. La Tunisia ha imposto il divieto delle coperture per il viso nelle istituzioni pubbliche nel 2019 per motivi di sicurezza.

In risposta al risultato del referendum, il ministro della Giustizia svizzero Karen Keller Sutter ha riconosciuto che “il popolo svizzero e la maggioranza dei cantoni vedono le cose in modo diverso” dal governo.

Invece, il governo svizzero ha proposto di introdurre una legge che impone alle donne di togliersi il velo se i funzionari statali chiedono loro di farlo per motivi di sicurezza.

La sig.ra Keller Sutter ha insistito, tuttavia, sul fatto che “questo non è un voto contro i musulmani della Svizzera”.

I cantoni svizzeri hanno ora due anni per attuare la decisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *