La storia di Francesca Stella, nata con una malattia rara durante il primo lock-in e grazie a due determinati medici calabresi

Il suo nome, Francesca, è stato scelto 5 anni fa, quando mettere su famiglia era un piano vago per suo padre e sua madre. Francesca si chiede come sarebbe avere una nonna paterna morta prematuramente a causa di una malattia incurabile. Il suo secondo nome, Stella, è stato scelto poco prima della nascita in ricordo della sorellina che teneva in grembo la madre nel mezzo della gravidanza. Per vederlo ora Francesca StellaNessuno direbbe che questa piccola guerriera ha dovuto affrontare un percorso difficile, con gli occhi vivaci della nonna e le cosce paffute che non si sono fermate un attimo, mentre la sorellina ha preso a calci la pancia della madre. Lo ha fatto in uno dei momenti più difficili della storia del mondoGovt-19 Emergency, E in una regione considerata il “Terzo Mondo” della sanità italiana, sebbene inizialmente libera da contagi. Francesca Stella è nata il 10 aprile Cosenza, Poi è stato ricoverato in ospedale per 3 mesi. La bambina è nata con una forma complessa atresia intestino, Una condizione rara che di solito richiede un trattamento lungo e due interventi. Ma nella sfortuna di venire al mondo con un problema così complesso, in mezzo alla peste, ebbe grande fortuna di imbattersi Due fiori del deserto, Qualcosa che non ti aspetteresti da un sistema sanitario considerato sfortunato come la Calabria.

È stato il primo incontro fortunato Stefano Palomba, Presidente della UOC di Ostetricia e Ginecologia presso il Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi – Melakrino – Morelli” Reggio Calabria. Un mese fa lo stesso medico ha guidato la squadra che ha portato alla nascita della trinità senza intoppi. “Palomba ha scoperto subito il problema della nostra bambina e da allora non ci ha mai lasciati soli”, ha detto Francesca ai genitori di Stella. “È fondamentale non solo monitorare costantemente l’evoluzione della gravidanza, ma anche guidarci verso il percorso che ha portato alla nascita e al recupero di Francesca Stella”, aggiungono. La missione di Palomba non è priva di difficoltà. “Inutile girarci intorno: la nostra è la parte più difficile, è sempre stata in pratica”, dice il medico. “Fare il nostro lavoro nel modo giusto in un servizio sanitario che presenta molti problemi non è facile, ma ci proviamo“, Promette. Al di là dell’infezione, puoi vedere i risultati, come. “La storia di Francesca Stella è uno dei tanti successi di cui sono orgoglioso”, afferma Palomba. “Anche in tempi difficili come l’emergenza Govit-19, mentre altre parti del paese sono preoccupate per gravi ritardi nel cancro, i nostri interventi chirurgici per i pazienti sono aumentati di oltre il 100 percento”, aggiunge. Tuttavia, Palomba è uno di quei camici bianchi. “Voglio fare molto di più, ho molti progetti in mente, ma è difficile marciare controcorrente”, ammette, ricordando la frustrazione di non essere in grado di organizzare un servizio di assistenza domiciliare che possa fare la differenza in queste epidemie. “Ma non mi sono arreso”, promette.

READ  L'American Cup, la Luna Rosa Prada Cup, si vince con American Magic. Primo punto senza aria- Corriere.it

C’è un secondo fiore nel deserto che Francesca Stella ei suoi genitori hanno la fortuna di incontrare Gianfranco Scorpelli, Responsabile dell’Unità di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Angiota di Cocenza. “La nostra bambina è stata accudita per 12 lunghissime settimane, con molta umanità, da tutti, compreso lo staff, i medici e gli infermieri del professor Scorpelli”, dice il padre della bambina. Perchè se Luciano de Leon, Guidato da Sweaky Pavzi, chirurgo pediatrico dell’Angiada Hospital di Cognac, che è riuscito a risolvere il problema di Francesca Stella in un unico intervento, ripristinando completamente l’integrità dell’intestino del piccolo paziente, che solitamente richiede più interventi chirurgici, in quanto il neonato viene sottoposto a terapia intensiva. “Non appena è scoppiata l’epidemia, ci siamo subito accordati per continuare a garantire la migliore assistenza sicura ai nostri piccoli pazienti”Dice Scorpelli. “La nostra struttura è un centro di riferimento regionale per la chirurgia pediatrica e, considerando l’importanza di mantenere i nostri servizi pienamente operativi, abbiamo sviluppato corsie specializzate per i pazienti Kovit-19. Abbiamo interferito con l’atresia sia esofagea che intestinale nel neonato e abbiamo continuato a prenderci cura di 58 neonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *