La stella irlandese dell’U-21 può concludere una stagione scioccante a Tallaght contro l’Italia

Per il centrocampista del Southampton e dell’Irlanda Will Smallbone, l’esordio in verde dello Young Boys contro l’Italia nelle qualificazioni agli Europei Under 21 a Tallaght (5.30) sarà il lieto fine di quello che è stato un anno scioccante per il 21enne. .

A gennaio, Smallbone si è strappato il temuto legamento crociato e ha trascorso gran parte del 2021 in palestra e nella sala di fisioterapia. Senza l’infortunio, non è inverosimile dire che questo sarà un grande anno per il talentuoso Smallbone, poiché è sulla buona strada per diventare un appuntamento fisso per club e nazionale.

Invece, si è ritrovato a guardare la TV ieri sera mentre l’Irlanda gioca contro il Portogallo e si prepara per il suo ruolo nei 21 di stasera.

“È stato un anno difficile per me”, dice Smallbone. “A gennaio ho giocato la AFC Champions League contro il Leicester, il che è stato un vero peccato, visto che era la mia prima formazione titolare dopo un altro infortunio.

“Non sapevo di averlo fatto subito. Ho provato a giocare per cinque minuti circa, ma poi il giorno dopo sono andato a fare la scansione e ovviamente non la migliore notizia che volevo sentire. Sono stato colpito dalle sei alle nove mesi dopo senza nemmeno accorgermene, poter giocare è stato difficile e l’esame mi ha detto che si trattava del crociato e del menisco nello stesso intervento”.

Questo fu il primo grave infortunio di Smallbone e un duro colpo all’epoca. “Ovviamente all’inizio non puoi fare molto. Sono state sei settimane in cui non riuscivo a mettere alcun peso sui miei piedi. Sono stati tempi davvero difficili, ero con le stampelle.

READ  Tammy Abraham del Chelsea accetta di trasferire la Roma, Pau Torres al Tottenham, Cristiano Ronaldo al Paris Saint-Germain.

“Dal giorno in cui sono stato in grado di giocare liberamente e godermi il fatto di non essere in grado di ottenere il mio cibo o qualsiasi altra cosa, è stato difficile”.

Smallbone si è lasciato tutto alle spalle, tanto nei piani dell’allenatore dell’Under 21 Jim Crawford che il manager pochi giorni fa ha esonerato Ryan Johansson dalla squadra.

“Pensavo che Ryan sarebbe stato meglio tornare con il suo club, Fortuna Sittard”, ha detto Crawford. “Il ragazzo non stava gettando i suoi giocattoli dal passeggino perché non era stato scelto, era una conversazione a due.

“Siamo molto forti a centrocampo ora con Gavin Kilkenny, Conor Coventry, Dawson Defoe, Ross Tierney e ora anche Will. Ho appena avuto la sensazione che Ryan sarebbe stato meglio giocare per il suo club, e ho notato che lo hanno provato a destra -difensore e come ala destra nelle ultime due partite, quindi forse cercheranno un ruolo diverso anche per lui”.

Ma per Crawford, il gioco è pronto a fare o distruggere la sua offerta di qualificarsi mentre gioca senza i molti giocatori già promossi nella prima squadra irlandese di Stephen Kenny.

“Guarda, per me è una squadra italiana più forte della scorsa stagione. Molti dei loro giocatori ora sono nelle loro migliori squadre, sia in Serie A che in Serie B, e hanno alcuni giocatori e tecnici eccellenti.

“Ma è fantastico per noi giocatori e gruppo dirigente misurarci con loro.

“Vogliamo sei punti fuori da questa finestra (l’Irlanda affronta la Svezia a Tallaght martedì). Saremmo contenti di quattro, ma abbiamo bisogno di quei quattro fino al prossimo anno”.

Irlanda U21 vs Italia U21

In diretta, RTÉ2, 5.30

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *