La squadra di rugby del Bergamasco afferma che il rugby italiano trarrà vantaggio dal trasferimento dei giocatori all’estero

Scritto da Alasdair Mackenzie



Un uomo tiene un pallone da calcio in uno stadio: File dalla scheda: I giocatori argentini contempome e Stortoni affrontano Bergamasco durante una partita di rugby allo Stadio Bentegudi di Verona


© Reuters / Stefano Rylandini
File foto: contemporaneo argentino e Stortoni giocano a Bergamasco durante un test match di rugby allo Stadio Bentegudi di Verona.

ROMA (Reuters) – Il rugbista italiano Mirko Bergamasco ha evidenziato la mancanza di calciatori che si trasferiscono all’estero e le problematiche di sviluppo giovanile come le ragioni alla base delle recenti sofferenze del suo Paese sulla scena internazionale.

Gli Azzurri, che sabato hanno accolto la Francia a Roma nella partita di apertura del Campionato Sei Nazioni 2021, sono ampiamente considerati candidati per la sesta raccolta consecutiva di cucchiai di legno dopo aver subito il record di 27 sconfitte consecutive al torneo.

“Il problema principale è che il 90 per cento dei nostri giocatori gioca in Italia”, ha detto Bergamasco a Reuters.

“Lasciarli andare all’estero, per fare nuove esperienze in altre squadre e campionati più avanzati … Anche se la maggior parte dei nostri giocatori gioca in Pro 14, avere esperienza in Inghilterra o in Francia ti permette di aprire gli occhi sul rugby e di capire di più.

“È necessario, perché giocare con una squadra di un altro Paese ti permette di vedere, sentire e capire cose che potrebbero non essere possibili in Italia”.

Bergamasco, che ha segnato 256 punti in 89 presenze con l’Italia, è entrato nello stadio francese all’età di 20 anni nel 2003 e ha trascorso 10 anni nel paese, per poi entrare a far parte del Racing Metro.

Ma la rosa di 32 giocatori del Sei Nazioni quest’anno include solo due giocatori che rappresentano club stranieri: Brave supporta Pietro Chicarelli e metà del giocatore di Gloucester Stephen Farney.

READ  TENNIS: Nadal ammette che la sconfitta di Zverev è "attenuata" ma positiva con l'avvicinarsi del Roland Garros

“Penso che abbiamo bisogno di più persone per andare a fare queste esperienze all’estero”, ha aggiunto.

“(Fornirà) più siti in Italia per i giovani che giocano nel campionato italiano, che ora non hanno la possibilità perché i posti sono limitati”.

Concentrati sui giovani

Bergamasco ha recitato nelle vittorie del Sei Nazioni su Francia, Scozia e Galles durante i suoi 10 anni di carriera internazionale, terminata nel 2012.

Ma l’attuale nazionale italiana non ha vinto una sola vittoria dal 2015 e sono state sollevate anche domande sul loro futuro a lungo termine nel torneo.

Il 37enne è ora allenatore del club di seconda divisione francese Soyaux Angouleme XV Charente e crede che l’Italia possa imparare da come si sviluppano i giovani giocatori in Francia.

“La Francia ha vinto le ultime due edizioni della Coppa del Mondo Under 20 perché c’è molto lavoro da fare dietro le quinte”, ha detto.

“I giocatori non escono da terra come funghi, hanno un sistema giovanile molto importante e sono seguiti da vicino.

“Sono in carica dall’età di 15 anni e da quel momento hanno un obiettivo.

“Quando arrivano in prima squadra, hanno già fatto molto lavoro. Non sono sorpresi a un livello superiore perché hanno già provato e imparato il duro lavoro necessario per raggiungere quel livello”.

È necessaria un’analisi più attenta

Molti giovani giocatori hanno avuto opportunità sotto l’attuale allenatore italiano Franco Smith, la cui attuale età media della squadra è di 24 anni.

Ma la fiducia nei giovani deve ancora innescare alcun miglioramento nella forma e Bergamasco ritiene che la mancanza di giocatori d’élite in Italia richieda un’analisi più approfondita.

READ  MS Dhoni si cimenta nel match italiano mentre allena il CSK

“Devi assicurarti se le sconfitte stanno arrivando perché i giocatori sono molto giovani o per altri motivi”, ha detto.

“Penso che i giovani in Italia siano di un livello incredibile, che non hanno ancora saputo esprimere appieno.

“Dobbiamo capire se i giocatori sono limitati nella loro capacità di esprimere il loro potenziale, o se non possiamo metterli in condizione di esprimere quel potenziale”.

(Preparato da Alasdair Mackenzie; Montaggio di Christian Radnage)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *