La serie Netflix segna un’impresa etnica per la televisione italiana

Zero Champions spera che la serie contribuisca ad accelerare l’accettazione che l’Italia è diventata un paese multiculturale.

Agenzie

Milano – La serie Netflix “Zero”, presentata in anteprima mondiale il mese scorso, è la prima produzione televisiva italiana con un cast prevalentemente nero e un lampo di chiarezza in una scena televisiva desolante in cui l’uso costante di linguaggio e immagini razziste porta a nuove proteste .

Mentre “Zero” rappresenta una svolta nella storia della televisione italiana, i gruppi comici su reti private affermano il loro diritto di usare insulti razzisti e gesti obliqui in tono di derisione. La principale stazione radio statale, la RAI, è sotto accusa per aver tentato di censurare i commenti di un rapper italiano che sottolineavano l’omofobia in un partito politico di destra. Sotto pressione esterna, la RAI sconsiglia di usare la faccia nera (sbavatura del viso, una pratica considerata razzista negli Stati Uniti) nelle parodie, ma non è severamente proibito.


Tra le crescenti tensioni culturali, gli eroi di “Zero” sperano che la serie, composta da personaggi neri italiani di seconda generazione e basata su un romanzo del figlio di immigrati angolani, contribuirà ad accelerare l’accettazione da parte dell’opinione pubblica che l’Italia è diventata un paese multiculturale.

“Dico sempre che l’Italia è un paese legato alla tradizione, non al razzismo”, ha detto Antonio Deseli di Stefano, che ha co-scritto la serie e si concentra sui suoi sei romanzi, compresi quelli su cui è basato Zero. Figli di immigrati in Italia.

Ha detto: “Sono convinto che attraverso queste cose – scrivere romanzi e fare serie – le cose possono cambiare”.

READ  Star Trek Discovery Season 3 end: Burnham, Saru, and Grudge

Zero è un cambiamento radicale perché fornisce modelli di ruolo per i giovani italiani neri che non si riflettono nella cultura e perché crea una finestra per i cambiamenti nella società italiana che non sono riconosciuti da fasce della maggioranza della popolazione.

Gli attivisti contro il razzismo affermano alla TV italiana che è stato sviluppato da Netflix, che ha sede negli Stati Uniti, con l’impegno a spendere $ 100 milioni per migliorare la diversità, non dalla televisione pubblica o privata in Italia.

“Zero”, che ha debuttato il 21 aprile, è immediatamente presente nei 10 programmi più visti su Netflix in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *