La serie Netflix segna il progresso razziale sulla TV italiana

Sebbene “Zero” abbia segnato una svolta nella storia della televisione italiana, sulle reti private, i gruppi comici hanno insistito sul diritto di usare insulti razzisti e satira con gesti furbi. La principale emittente statale RAI è stata criticata per aver tentato di censurare i commenti di un rapper italiano che sottolineava l’omosessualità in un partito politico di destra. Sotto pressione esterna, la RAI sconsiglia – ma non proibisce rigorosamente – l’uso di Blackface in varie scenette.

Con l’escalation delle tensioni culturali, i protagonisti di “Zero” sperano che la serie – incentrata sugli italiani neri di seconda generazione e basata sul romanzo del figlio di immigrati angolani – contribuirà ad accelerare l’accettazione da parte dell’opinione pubblica che l’Italia è diventata una nazione multiculturale.

“Dico sempre che l’Italia è un paese ricco di tradizioni piuttosto che di razzismo”, ha detto Antonio Diegel DiStepano, coautore della serie e di sei romanzi basati su “Zero” Focus on Life Children of Immigrants to Italy.

“Attraverso queste cose – scrivere romanzi, l’opportunità di creare una serie – spero che le cose possano cambiare”, ha detto.

“Zero” è una partenza radicale perché crea un precedente per i giovani italiani neri che non si riflettono nella cultura, e crea una finestra sui cambiamenti che stanno avvenendo nella società italiana perché la maggioranza delle persone non è d’accordo.

Gli attivisti che combattono il razzismo sulla televisione italiana sottolineano il fatto che è stata creata da Netflix con sede negli Stati Uniti e si impegna a spendere $ 100 milioni per promuovere la diversità, non dalla televisione pubblica o privata italiana.

READ  Coppa degli Stati Uniti 2021: il pericoloso gioco in ritardo della Nuova Zelanda mentre l'Italia chiede il vantaggio della Coppa degli Stati Uniti

“In quanto italiana nera, non mi sono mai vista rappresentata nella televisione italiana. O, invece, ho visto esempi di come le donne di colore siano state vittime di abusi sessuali. Non c’è mai stata una donna di colore nel ruolo di una donna comune: una nera. studente, un’infermiera nera, un’insegnante nera. Non mi sono mai visto rappresentato nel paese in cui sono nato e cresciuto. “

“Zero”, che ha debuttato il 21 aprile, è immediatamente entrato nella top 10 dei programmi in streaming su Netflix in Italia.

Il suo impatto può essere riassunto ancora di più: l’attore protagonista Giuseppe Dave Zack ha rilasciato un’intervista nel quartiere di Milano dove è stata ambientata la serie, mentre gli studenti delle scuole italiane hanno gridato per gli autografi anche una settimana dopo. Zach, 25 anni, cresciuto a Padova con i suoi genitori congolesi, non è un nome familiare in Italia. “Zero” è la sua prima esibizione.

“Se chiedi a questi ragazzi di fronte a loro, non te lo diranno mai: il primo attore nero italiano. Ti diranno ‘un supereroe’, o ti diranno ‘Dave'”, Dickel DiStebano ha guardato la scena con stupore .

In questa serie, Zero è il soprannome di un fattorino di pizzaiolo italiano nero che scopre di essere un superpotere e lo rende invisibile. Lo usa per aiutare i suoi amici nel quartiere milanese di razza mista.

Questo è un gioco diretto sul concetto invisibile dietro le proteste di Black Lives Matter scoppiate nelle piazze italiane la scorsa estate in seguito all’assassinio di George Floyd negli Stati Uniti. Gli italiani neri si sono mobilitati per i cambiamenti nella legge sulla cittadinanza del paese, e anche loro devono essere riconosciuti come parte di una comunità che spesso si sente emarginata.

READ  Questa casa italiana di 30 m² è un rifugio di fantasia

“Quando non vedi un giovane, si sente un po ‘invisibile”, ha detto Zack. “Spero che questa serie possa aiutare le persone che si sentono come me o come Antonio … Potrebbero esserci molti che non hanno trovato qualcuno come loro e possono ancora convivere con questa tragedia.”

Il movimento di protesta si è allontanato dal prendere di mira la civiltà italiana, dove i caucus razzisti hanno evidenziato la carenza di lavoratori creativi neri, per la televisione italiana, dove un movimento chiamato Cambrai ha organizzato proteste il mese scorso. scenette.

Cambroy interpreta la televisione di stato italiana, la RAI e il comando in lingua italiana “You Will Change”. Il movimento unisce italiani di seconda generazione provenienti da diverse associazioni e vuole che la RAI – che è finanziata da quote annuali obbligatorie per chiunque possieda un’emittente televisiva in Italia – istituisca un comitato consultivo su diversità e contenuti.

La RAI è stata l’ultima a rispondere a una precedente richiesta di altri gruppi di lunga data di interrompere la messa in onda di spettacoli usando Blackface, citando le scenette annerite di artisti per impersonare cantanti come rapper italiani di discendenza tunisina come Beyonc அல்லது o Gale.

“Ci siamo detti dispiaciuti e ci siamo impegnati formalmente a chiedere a tutti i nostri insegnanti di non usare più i punti neri”, ha detto all’Associated Press Giovanni Parabini, direttore della RAI per le cause sociali. Ha detto che era il più lontano possibile a causa della libertà editoriale.

I sindacati hanno detto di considerare positivo l’impegno, anche se la RAI aveva almeno ammesso che l’uso della faccia nera era un problema e ne aveva ridotto il divieto.

READ  Recensione: Degustazione Italia al Mardi Gras 2021: Carnival International Flavours agli Universal Studios Florida

Tuttavia, Parabini ha detto che la rete pubblica non ha accettato le critiche del panel Cambroi perché “significa che non è stato fatto nulla per l’integrazione della RAI in questi anni”.

Ha notato che la rete non era mai stata chiamata dai controllori e ha elencato programmi che includevano una minoranza di italiani di seconda generazione, da un atleta nato in Gambia noto come Idris negli anni ’90 ai piani per uno spettacolo televisivo a luglio.

Secondo Dickel DiStefano, l’obiettivo non era eliminare il linguaggio razzista, ma chiamarlo “guerra persa”. Vede la sua arte come un agente per il cambiamento.

Ora sta lavorando a un film in cui dovrebbe avere il 70% di attori e troupe italiani di seconda generazione. Ha notato che “Zero” ha già contribuito a creare posizioni per un parrucchiere nero, uno sceneggiatore nero e un regista di origini arabe e italiane.

“La guerra riguarda il vivere in un luogo dove tutti abbiamo le stesse opportunità, dove ci sono più neri, asiatici, sudamericani, più scrittori che hanno l’opportunità di raccontare storie dal punto di vista degli abitanti”, ha detto.

———

Contributo di Trisha Thomas.

—-

Segui tutte le storie di AP relative a questioni etniche su https://apnews.com/Racialinjustice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *