La scoperta di un meteorite di 4,6 miliardi di anni nel deserto potrebbe far luce sul primo sistema solare

Il meteorite più antico mai trovato: una roccia spaziale di 4,6 miliardi di anni scoperta nel deserto potrebbe far luce sul primo sistema solare

  • Gli esperti hanno analizzato un meteorite scoperto lo scorso anno nel deserto del Sahara
  • La roccia pesa 70 libbre ed è marrone chiaro con macchie verdi ovunque
  • È costituito principalmente da rocce ignee, ma anche biossido di silicio trovato sulla Terra
  • Chiamato EC 002, ha 4,6 miliardi di anni e un tempo faceva parte di un pianeta primordiale

Un antico meteorite, o acondrite, è stato scoperto nel deserto del Sahara lo scorso anno ed è ora identificato come parte di un protopianeta formatosi prima della comparsa della Terra.

La roccia spaziale, chiamata EC 002, risale a 4,6 miliardi di anni ed è composta principalmente da rocce vulcaniche, portando gli esperti a credere che provenisse dalla crosta di un pianeta primordiale.

Il team di scienziati francesi e giapponesi ha stabilito che la roccia era una volta una lava liquida, ma si è raffreddata e si è congelata per un periodo di 100.000 anni per formare un pezzo di 70 libbre che alla fine è arrivato sul nostro pianeta.

I ricercatori hanno anche notato che non sono stati trovati asteroidi con proprietà simili, indicando che il pianeta iniziale da cui proveniva da allora è scomparso o per metamorfosi in parti di corpi più grandi o “semplicemente distrutto”.

Scorri verso il basso per visualizzare il video

Gli ancondriti nacquero dai primi corpi planetari che erano stati riparati da frammenti fusi e lanciati nello spazio a seguito di un’altra collisione.

Queste rocce sono anche simili a quelle sulla Terra a prima vista, rendendole una scoperta rara nella comunità scientifica.

L’anchondrite più recente prende il nome dal suo sito di atterraggio nelle dune di sabbia algerine, Erg El-Shish, che consiste di diversi meteoriti che insieme pesano circa 70 libbre. Scheda madre Rapporti.

Ne sono state analizzate solo poche migliaia e la maggior parte sono basali, ma EC 002 è costituito principalmente da rocce ignee, che le rendono ricche di sodio, ferro e magnesio.

Le rocce sono composte principalmente da rocce vulcaniche, il che ha portato gli esperti a credere che provenissero dalla crosta di un pianeta primordiale.  Il team descrive EC 002 come ...

Le rocce sono composte principalmente da rocce vulcaniche, il che ha portato gli esperti a credere che provenissero dalla crosta di un pianeta primordiale. Il team descrive l’EC 002 come una “grana relativamente grossa, marrone e beige”, indicando che è stato anche individuato con pezzi gialli e verdi.

L'anchondrite più recente prende il nome dal suo sito di atterraggio nelle dune di sabbia algerine dell'Irgach Shash, che consiste in diversi meteoriti che insieme pesano circa 70 libbre.

L’anchondrite più recente prende il nome dal suo sito di atterraggio nelle dune di sabbia algerine dell’Irgach Shash, che consiste in diversi meteoriti che insieme pesano circa 70 libbre.

Con questo in mente, il team afferma che EC 002 “è anche la più antica roccia magnetica mai osservata”.

I ricercatori hanno determinato la sua età studiando gli isotopi di magnesio e alluminio nelle rocce, che hanno dimostrato che si sono formati circa 4.566 miliardi di anni fa, mentre si dice che la Terra abbia 4.543 miliardi di anni.

Il team descrive l’EC 002 come “a grana relativamente grossa, marrone e beige”, indicando che è stato anche individuato con frammenti gialli e verdi.

READ  Le foto ridisegnate rivelano fino a che punto Alan Shepard ha colpito una pallina da golf sulla superficie della luna

Hanno anche notato che quando hanno osservato altri corpi celesti, concentrandosi sulle loro lunghezze d’onda, non hanno trovato nulla di paragonabile alla lunghezza d’onda riflessa in EC 002.

Il meteorite contiene anche il 58% di biossido di silicio, il che lo rende molto più raro di altri in precedenza sulla Terra, poiché questo minerale si trova comunemente nelle regioni vulcaniche del nostro pianeta.

Il team ha scritto nello studio, che è stato pubblicato sulla rivista “Protoplanets” ricoperto da ripetute croste andesiane Atti della National Academy of Sciences.

“Tuttavia, nessun asteroide condivide le caratteristiche spettrali di EC 002, indicando che quasi tutti questi oggetti sono scomparsi, o perché hanno continuato a formare gli elementi costitutivi di oggetti o pianeti più grandi o sono stati semplicemente distrutti”.

Spiegazione: la differenza tra un asteroide, un meteorite e altre rocce spaziali

quello asteroide È un grosso pezzo di roccia rimasto dalle collisioni o dal primo sistema solare. La maggior parte si trova tra Marte e Giove nella fascia principale.

un Il colpevole È una roccia ricoperta di ghiaccio, metano e altri composti. Le loro orbite li allontanano molto dal Sistema Solare.

un meteora È ciò che gli astronomi chiamano un lampo di luce nell’atmosfera quando i detriti vengono bruciati.

Questo stesso detrito è noto come A. meteora. La maggior parte di loro sono così piccoli che fluiscono nell’atmosfera.

Se uno qualsiasi di questi meteoriti raggiunge la Terra, si chiama a meteora.

Meteore, meteoriti e meteoriti di solito provengono da asteroidi e comete.

Ad esempio, se la Terra passa attraverso la coda di una cometa, molti detriti bruceranno nell’atmosfera, formando una pioggia di meteoriti.

READ  A man in the northern region says his wife is released from a coma after more than two months of hospitalization with COVID-19

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *