La Russia arresta dozzine di oppositori alla riunione di Mosca | Russia

Un gruppo di sorveglianza e una stazione televisiva hanno detto che sabato la polizia russa ha arrestato circa 150 persone a una riunione di politici indipendenti e dell’opposizione a Mosca, accusandoli di avere legami con “un’organizzazione indesiderabile”.

Gli arresti arrivano in mezzo a una repressione del sentimento anti-Cremlino, in seguito all’arresto e all’arresto del politico dell’opposizione Alexei Navalny, tornato in Russia a gennaio dopo essersi ripreso dall’avvelenamento da gas nervino in Siberia.

Il forum, in programma sabato e domenica, era un raduno di rappresentanti della città di tutto il paese, andrey Pivovarov, organizzatore e direttore esecutivo di Open Russia, un gruppo con sede in Gran Bretagna fondato dall’ex magnate del petrolio in esilio e critico del Cremlino Mikhail Khodorkovsky. , In una dichiarazione alla radio Echo Moskvy.

Le riprese video della TV Ryan e delle agenzie di stampa russe hanno mostrato che quando il forum è iniziato, la polizia è entrata nell’edificio e ha iniziato ad arrestare i partecipanti e portarli ai furgoni della polizia che aspettavano fuori.

OVD-Info, che monitora la detenzione di manifestanti e attivisti politici, ha pubblicato un elenco di oltre 150 persone che si dice siano state arrestate.

La polizia è arrivata al Forum dei rappresentanti municipali di Mosca. Ci sono 150 persone qui da tutto il paese. Tutti sono intrappolati. Voglio dire, tutti “, ha scritto su Twitter il politico dell’opposizione Ilya Yashin.

Vladimir Kara Morza, vice presidente della Free Russia Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro con sede a Washington, ha condiviso una foto dall’interno di un’auto della polizia dopo il suo arresto.

La polizia ha dichiarato che tutti i partecipanti sono stati arrestati per “attività organizzate indesiderabili”, ha riferito TV Ryan.

READ  French cocks are now attacking with the law behind them

Il Russia Open è uno degli oltre 30 gruppi che Mosca ha descritto come indesiderabili e banditi da una legge adottata nel 2015.

I sostenitori dei diritti umani affermano che le leggi relative alle organizzazioni “indesiderabili” e agli “agenti stranieri” possono essere utilizzate per esercitare pressioni e prendere di mira i membri della società civile. La Russia nega questo e afferma che le leggi sono necessarie per proteggere la sua sicurezza nazionale da interferenze esterne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *