La rivendicazione del gigantesco “nono pianeta” ai margini del sistema solare è stata danneggiata | Scienza

Le orbite a grappolo di sei mondi lontani (viola) sono state chiamate come prova del nono pianeta (arancione). Ma alcuni credono che il raggruppamento possa essere solo un pregiudizio di osservazione.

California Institute of Technology / R. Hurt (IPAC)

Scritto da Daniel Cleary

Per gli scienziati planetari, questa era l’affermazione più audace in una generazione: un ulteriore pianeta invisibile, 10 volte la massa della Terra, in agguato ai confini del sistema solare, oltre Nettuno. Ma questa affermazione appare sempre più traballante, dopo che un team di astronomi ha riferito la scorsa settimana che le orbite di una manciata di masse rocciose distanti non sono raggruppate insieme dall’attrazione gravitazionale del Pianeta Nove, come credono i loro sostenitori, ma che sembrano solo raggrupparsi perché è lì che i telescopi stanno guardando.

I sostenitori di Planet Nine devono ancora fare marcia indietro, ma uno scettico non coinvolto nel nuovo lavoro dice che è “molto felice” di vederlo. Lo studio ha eseguito “un’analisi più coerente” rispetto a quella condotta in precedenza su oggetti rocciosi distanti noti come Trans-Neptune Objects (TNO), afferma l’astronomo Samantha Lawler dell’Università di Regina, che ha tentato senza riuscirci di simulare le orbite dei cluster in modelli computerizzati con un pianeta aggiuntivo.

Mike Brown e Konstantin Batygin del California Institute of Technology hanno fatto notizia in tutto il mondo nel 2016 con entrambi Predire un pianeta lontano. Hanno basato la loro conclusione su uno studio di sei TNO, ciascuno più piccolo di Plutone, in orbite molto allungate e inclinate attorno al Sole. Brown e Batygin hanno detto che le orbite di questi anticorpi “estremi” erano raggruppate insieme perché la gravità del Pianeta Nove li ha spinti lì per miliardi di anni. Molti più estremi Anche i TNO scoperti da allora sembrano coalizzarsi. “Direi che è correlato [Planet 9] Il set di dati è in ottime condizioni “, afferma Batygin.

Si dice che il pianeta nove sia da cinque a dieci volte la massa della Terra, in un’orbita ben oltre Nettuno.

California Institute of Technology / R. Hurt (IPAC)

Lawler e altri astronomi erano preoccupati per i bias di selezione. Dato quanto sono piccoli e scuri gli anticorpi TNO, sono visibili solo – se ce ne sono – durante il loro avvicinamento più vicino al sistema solare interno, e spesso solo se non vengono osservati sullo sfondo luminoso del disco della Via Lattea. I critici della dichiarazione Planet Nine hanno affermato che l’apparente raggruppamento di oggetti TNO rilevati potrebbe essere stato solo perché questo è dove i telescopi stavano guardando o erano più sensibili. “Ogni sondaggio ha dei pregiudizi”, dice Lawler. “Alcuni ne sono consapevoli, altri no.”

Un team guidato da Kevin Napier dell’Università del Michigan ha deciso di verificare se il bias di selezione gioca o meno un ruolo. Hanno raccolto 14 oggetti TNO altrettanto distanti che sono stati scoperti attraverso tre diversi sondaggi: il Dark Energy Survey (DES) utilizzando il telescopio Blanco in Cile, Indagine sulle origini del sistema solare esterno Sui telescopi Canada, Francia e Hawaii alle Hawaii, e il terzo che utilizzava una varietà di telescopi. Tutti e tre avevano pregiudizi di selezione ben caratterizzati. Nessuno dei 14 TNO era tra i sei su cui si affidavano Brown e Batygin.

Napier dice che il team ha preso in considerazione quando e dove i telescopi hanno segnalato e quanto fossero sensibili agli oggetti deboli. Usando questi dati, il team ha calcolato una “funzione di selezione” che variava nel cielo. E certamente, i TNO hanno trovato estremi in tutti e tre i sondaggi Si trovava all’interno o vicino alle aree in cui la funzione di selezione era più elevata, Ha riferito il team l’11 febbraio in un documento pubblicato in e prima di arXiv Il Journal of Planetary Sciences. Di conseguenza, dice Napier, il team non è stato in grado di respingere l’ipotesi nulla che gli anticorpi contro l’estremo TNO siano distribuiti uniformemente intorno al sistema solare, il che priverebbe il pianeta nove delle sue prove primarie. Dice che l’aggregazione “è il risultato di ciò che guardiamo e quando lo guardiamo”. “Non è necessario un altro modello che si adatti ai dati”.

Batygin non accetta questa conclusione. Egli osserva che l’indagine DES è apparsa in gran parte in un’area del cielo in cui era presente il gruppo TNO che lui e Brown avevano identificato e che avevano scoperto che il TNO era più estremo. Quindi escludere il clustering “non ha senso”, afferma. Dice: “La domanda più pertinente che deve essere posta è: la loro analisi può distinguere tra una distribuzione uniforme e quella a grappolo, e la risposta sembra essere” no “.

Napier ammette che cercare di trarre conclusioni da un campione di 14 TNO è difficile. “C’è una grande quantità di potere statistico che puoi disegnare con pochissimi elementi”, dice. Aggiunge che è improbabile che la questione venga risolta fino a quando l’Osservatorio di Vera Rubin – un nuovo potente telescopio a scansione in costruzione in Cile – inizierà la sua osservazione nel 2023. La sua indagine avrà un bias ben definito e probabilmente rileverà centinaia di nuovi anticorpi TNO Estremo. “Sarà come la mattina di Natale”, dice Napier.

READ  Ascolta il ronzio dell'elicottero Creativity Mars della NASA in volo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *