La prima navicella spaziale cinese su Marte inizia ad esplorare il pianeta rosso

PECHINO, 22 maggio (Xinhua) – Il primo veicolo spaziale cinese su Marte, Zorong, è scivolato sabato dalla sua piattaforma di atterraggio sulla superficie di Marte, lasciando le prime “impronte” del paese sul Pianeta Rosso.

La prima campagna di Zorong di successo ha reso la Cina il secondo paese dopo gli Stati Uniti ad atterrare e gestire un rover su Marte.

La navicella a energia solare a sei ruote, che sembra una farfalla blu e ha una massa di 240 kg, è partita lentamente sulla rampa del lander per raggiungere il suolo di sabbia rossa di Marte e ha intrapreso il suo viaggio per esplorare il quarto pianeta lontano dal sole. .

Secondo i dati di telemetria, Zhurong ha messo le ruote su Marte sabato alle 10:40 (ora di Pechino), secondo la China National Space Administration (CNSA).

La missione cinese Tianwen-1, composta da un orbiter, un lander e un rover, è stata lanciata il 23 luglio 2020. Il rover è atterrato nella parte meridionale di Utopia Planetia, una vasta pianura nell’emisfero settentrionale di Marte, il 15 maggio.

Il rover Zhurong prende il nome dal dio del fuoco nell’antica mitologia cinese. Il nome risuona con il nome cinese del pianeta rosso, Huoxing (Fire Planet), mentre il nome della missione, Tianwen, significa domande al cielo, ed è il titolo di una poesia dell’antico poeta cinese Zhu Yuan (circa 340-278 a.C. ).

Con un’aspettativa di vita di almeno 90 giorni su Marte (circa tre mesi sulla Terra), Zhurong registrerà la vista di Marte in immagini 3D ad alta risoluzione, analizzerà la composizione fisica della superficie del pianeta e rivelerà il suo sottosuolo e la struttura magnetica. Cerca tracce di ghiaccio d’acqua e osserva l’ambiente meteorologico circostante.

READ  This epic space cloud sums up our goodbye for 2020

Trasporta molti strumenti scientifici, tra cui una telecamera del terreno, una telecamera multispettrale, un radar di esplorazione del sottosuolo, un rilevatore di composizione della superficie, un rilevatore di campo magnetico e l’osservazione meteorologica.

L’orbiter, che ha un’età di progettazione di un anno marziano (circa 687 giorni sulla Terra), trasmetterà comunicazioni al rover mentre effettuerà le sue rilevazioni scientifiche.

Rispetto al modulo lunare cinese Yutu (Jade Rabbit), lo Zhurong ha una velocità simile di circa 200 metri all’ora, ma l’altezza degli ostacoli che può superare è aumentata da 20 cm a 30 cm. Può salire su pendii fino a 20 gradi. Le sei ruote dello Zhurong sono alimentate in modo indipendente, secondo i loro progettisti.

Gli Stati Uniti hanno schierato cinque veicoli spaziali sulla superficie di Marte. Essendo arrivato in ritardo, Zhurong ha caratteristiche uniche.

È il primo veicolo spaziale su Marte ad essere dotato di un sistema di sospensione attivo. Questo potrebbe aiutare il rover a uscire dai guai muovendosi come un verme per un centimetro sulla complessa superficie marziana con terreno sabbioso sciolto e rocce densamente distribuite, ha affermato Jia Yang, vice progettista capo della sonda Tianwen-1 dell’Accademia cinese di tecnologia spaziale. . .

Zhurong può anche camminare lateralmente come i granchi. Ciascuna delle sue sei ruote può ruotare in qualsiasi direzione, che può essere utilizzata per evitare ostacoli e salire su pendii.

Marte è più lontano dal sole della Terra e della Luna e l’atmosfera marziana riduce la luce solare, quindi i pannelli solari del rover Marte sono il doppio di quelli del modulo lunare. Dovrebbe essere ruotabile per seguire il sole, ha detto Jing Yan, un funzionario del Centro per l’esplorazione lunare e i programmi spaziali della CNSA.

READ  La giornata inizia molto fredda e si dirige verso gli anni '60

Geng ha detto che i pannelli solari di Zorong sono stati appositamente progettati per adattarsi alla luce solare su Marte, che ha uno spettro diverso da quello che si trova nell’orbita terrestre.

Marte è famoso per le sue tempeste di sabbia e la polvere può ridurre l’efficienza della generazione di energia. Geng ha detto che i pannelli solari appositamente trattati rendono difficile l’accumulo di polvere, proprio come le gocce d’acqua su una foglia di loto, che possono essere sospinte dal vento.

Parte dell’energia generata dai pannelli solari verrà utilizzata durante il giorno per il lavoro, e il resto sarà immagazzinata in batterie per l’uso notturno.

Inoltre, i progettisti hanno installato in modo creativo finestre di raccolta del calore sul rover, che possono assorbire l’energia solare durante il giorno e rilasciare calore di notte per aiutare il rover a sopravvivere a temperature gelide che possono scendere a più di meno 100 gradi Celsius prima dell’alba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *