La prima immagine del buco nero è stata aggiornata, rivelando gli intensi campi magnetici

L’impressione di un artista del duro ambiente nel centro galattico Messier 87. Un enorme getto cosmico fluisce dal buco nero centrale.

ESO / CE. Coltelli per cereali

Quando è stato catturato l’Event Horizon Telescope La prima immagine di un buco nero Al centro della galassia Messier 87, a circa 53 milioni di anni luce dalla Terra, astronomi e scienziati erano entusiasti. L’improvvisa svolta ha aperto un nuovo potente metodo per studiare giganteschi mostri cosmici Metti alla prova alcune delle teorie astrofisiche più interessanti.

Ce l’ha il buco nero supermassiccio al centro di Messer 87, soprannominato M87 * I suoi segreti sono stati rivelati lentamente Come astrofisici hanno setacciato l’enorme quantità di dati generati dall’EHT. Mercoledì, alcuni altri segreti sono stati rivelati quando i membri della collaborazione EHT hanno svelato nuove immagini del buco nero in luce polarizzata.

a Collezione Ancora Le foglie, Questa collaborazione descrive in dettaglio nuove immagini di supereroi, che forniscono istantaneamente importanti informazioni sui campi magnetici A proposito di un buco nero E quelli lontani dal centro anarchico Messier 87. È la prima volta che un team è in grado di misurare la polarizzazione vicino al bordo di un buco nero.

“Le immagini polarizzate recentemente pubblicate sono la chiave per capire come il campo magnetico consente a un buco nero di” mangiare “la materia ed emettere potenti getti, ha detto Andrew Chale, astrofisico presso il Centro per le scienze teoriche della Princeton University e membro della collaborazione EHT.

Ma cos’è esattamente la polarizzazione e perché è importante?

Ebbene, la luce è strana. È costituito da campi elettrici e magnetici, che vibrano in tutti i tipi di direzioni. La luce polarizzata vibra solo all’interno Uno direzione. La maggior parte della luce non è polarizzata quando lascia una stella massiccia e luminosa o un disco di gas e detriti attorno a un buco nero, ma le sue interazioni con polvere, plasma e campi magnetici possono farla polarizzare. Il rilevamento della polarizzazione fornisce quindi una firma dell’ambiente che circonda il buco nero come l’M87 *.

La prima immagine del buco nero ha fornito una sorta di sfocatura dell’occhio di Sauron, che è un anello di luce arancione e gialla attorno a una macchia nera. La luce viene emessa da un disco di detriti e materiale che circonda direttamente il buco nero invisibile. Parte di questo materiale scivola nel buco nero e non può essere più visto, ma altri materiali vengono fatti esplodere ad angolo retto, nelle profondità dello spazio, in quello che è noto come “getto cosmico”.

Il getto di materia M87 soffia quasi alla velocità della luce e si estende per quasi 5.000 anni luce nello spazio. Ma come si forma è ancora un mistero.

Vecchio e nuovo

La prima immagine del buco nero (a sinistra) e la nuova immagine in luce polarizzata (a destra).

Cooperazione EHT

Le nuove osservazioni forniscono una possibile spiegazione.

Secondo Jason Dexter, astrofisico presso l’Università del Colorado Boulder e coordinatore della teoria EHT: “Le osservazioni indicano che i campi magnetici sul bordo di un buco nero sono abbastanza forti da spingere indietro il gas caldo e aiutarlo a resistere all’attrazione di gravità. ” Personale. “Solo il gas che scivola attraverso il campo può fluire verso l’interno verso l’orizzonte degli eventi”.

I campi magnetici più vicini al buco nero possono essere così intensi da allontanare il materiale dal bordo e focalizzarlo nel gigantesco getto osservato proveniente da Messier 87.

eso2105d

Questo è il getto che emana dal centro di Messier 87. Le linee gialle nell’immagine indicano i campi magnetici nel piano, che si estendono per circa 6.000 anni luce nello spazio.

Alma (ESO / NAOJ / NRAO), Goddi et al.

L’Event Horizon Telescope non è un singolo telescopio, ma piuttosto una serie di otto telescopi terrestri trovati in tutto il mondo. È un “telescopio virtuale”, delle dimensioni della Terra, che cattura la luce da circa M87 *, fornendo il tipo di precisione richiesto per risolvere queste caratteristiche, anche se si trova a milioni di anni luce di distanza.

Uno dei telescopi speciali che fanno parte della collaborazione, l’Atacama Large Millimeter / Sub-Millimeter Array (ALMA) in Cile, ha fornito anche uno sguardo sbalorditivo sull’effusione del buco nero nella luce polarizzata e sulla larghezza delle linee del campo magnetico (a destra ).

Come notato da Sgr A *, il buco nero al centro della Via Lattea e dozzine di altri buchi neri supermassicci, ha scoperto che mostri estremamente luminosi con getti diretti direttamente sulla Terra (noti come “blazar”) erano così polarizzanti che il i ricercatori presumevano che fosse. È probabilmente dovuto alla direzione in cui sono rivolti.

La prima immagine di un buco nero abbagliato, ma ci sono molti misteri da scoprire. L’EHT offrirà maggiori opportunità di studio delle aree più vicine alla M87 * e Sgr A * con l’aggiunta di più osservatori e l’ammodernamento della rete.

“Ci aspettiamo che le future osservazioni EHT rivelino più accuratamente la struttura del campo magnetico attorno a un buco nero e ci dicano di più sulla fisica del gas caldo in questa regione”, ha detto Jungo Park, astrofisico presso l’Accademia Seneca Institute of Astronomy and Astrophysics di Taipei . E un membro della cooperazione EHT.

READ  Stelle lontane si illuminano di rosso, bianco e blu giusto in tempo per il Giorno dell'Indipendenzaعيد

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *