La prevalenza della povertà estrema in Italia è salita a un livello record

1 / 1
Immagine rappresentativa

La prevalenza della povertà estrema nel paese ha raggiunto un livello record nel 2020, ha affermato l’Istituto nazionale di statistica (Istat) italiano, arrestando la tendenza al ribasso dell’anno precedente.

Più di due milioni di famiglie, o 5,6 milioni di individui, vivono al di sotto degli standard economici che definiscono l’estrema privazione nel paese, ha detto mercoledì Xinhua citando l’agenzia di stampa Xinhua.

La cifra del 2020 rappresentava il 7,7 percento della popolazione italiana di 59,2 milioni rispetto al 6,4 percento nel 2019 (o 9,4 percento contro il 7,7 percento in termini di individui).

Nel suo rapporto, l’istituto ha osservato che “dopo il miglioramento del 2019, la povertà assoluta nell’anno della pandemia ha raggiunto il livello più alto registrato dal 2005 (anno di inizio della serie di analisi specifiche)”.

Tenendo conto della povertà estrema, l’ultima indagine ha mostrato che il 9,4 per cento delle famiglie vive in questo stato nel sud Italia contro il 7,6 per cento al nord e il 5,4 per cento al centro, nel complesso.

“Mentre è chiaro che il tasso di povertà estrema è più alto nel sud… l’aumento maggiore è stato nel nord, dove è cresciuto al 7,6% nel 2020 dal 5,8% nel 2019”, ha spiegato. Più colpiti dalla pandemia di coronavirus.

L’indagine mostra anche un aumento dei tassi di povertà estrema tra i minori di 18 anni (1,3 milioni colpiti nel 2020 contro 1,1 milioni nel 2019, ovvero 13,5 per cento contro 11,4 per cento), e tra i non residenti (29,3 per cento contro 26,9 per cento).

READ  A Euro 2020, un promemoria che il bene può essere grande

“La cittadinanza gioca un ruolo importante nel determinare lo stato socio-economico delle famiglie”, spiega l’Istat.

I dati più recenti mostrano infatti che la povertà assoluta colpisce l’8,6 per cento delle famiglie straniere i cui figli hanno la cittadinanza italiana e il 28,6 per cento di quelle i cui figli non l’hanno ancora acquisita.

In generale, la povertà assoluta in Italia qui ha iniziato ad aumentare ragionevolmente nell’ultimo decennio, dopo che il Paese ha subito l’impatto della crisi finanziaria globale nel 2009.

Le condizioni di povertà relativa e assoluta nel Paese sono determinate dall’ISTAT (e costantemente aggiornate ogni anno) sulla base di una serie di transazioni, e cambiano anche in base al numero dei componenti della famiglia.

Nel 2017 l’Italia ha approvato il primo provvedimento contro la povertà per garantire un sostegno stabile alle famiglie in difficoltà in

Ha un valore medio compreso tra 400 e 530 euro al mese per famiglia e la scala fornisce un reddito di base alle famiglie svantaggiate in base ai propri guadagni.

I finanziamenti sono partiti con 2 miliardi di euro rispettivamente nel 2017 e nel 2018, e sono cresciuti fino a 3,8 miliardi di euro nel 2019 e 4,3 miliardi nel 2020, secondo l’Inps.

Finora ne hanno beneficiato poco più di un milione di famiglie povere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *