La potenza esplosiva di Matteo Berrettini lo rende il leader del difficile girone | Wimbledon

eNella prima settimana di Wimbledon, a Roger Federer è stato chiesto perché pensava che la settima testa di serie Matteo Berrettini, che ha vinto il titolo del Queen’s Club due settimane fa, avesse maggiori probabilità di raggiungere la finale rispetto alla quarta testa di serie Alexander Zverev. Con tutto il disprezzo del mondo, Federer ha incolpato il pregiudizio degli allibratori inglesi, spiegando che tendono a dare un voto troppo pesante ai risultati al Queen’s Club.

Ma Federer ha ammesso che i risultati di Brittini sono stati forti. L’italiano arriva alla seconda settimana in otto gare consecutive e ha collezionato 20 vittorie nelle ultime 22 partite sull’erba. Con molti giovani giocatori non così a loro agio sull’erba come altre superfici, è entrato nel torneo agli occhi di molti giocatori come il leader di un gruppo difficile ancora lontano da Novak Djokovic.

Ci sono molte ragioni giuste per questo. Berrettini è uno dei pochi giocatori il cui gioco è naturalmente adatto al tappeto erboso e ha prosperato in superficie dalla sua seconda stagione consecutiva. Aiuta anche a ricevere un servizio che è una forza della natura. Esattamente il 50% del suo servizio a Wimbledon quest’anno non è diminuito, ha segnato 20 ace a partita e il 25enne ha perso solo un servizio finora. La velocità di trasmissione più veloce per il torneo? Le sue numerose bombe sono 139 mph.

Oltre al servizio, Berrettini è anche dotato di un diritto pesante e devastante che genera effetti e angoli sinistri. Tuttavia, ciò che lo distingue sul terreno da un tipico giocatore di servizio e dritto è che completa le sue braccia esplosive con un tocco sottile. Il rovescio a una mano di Berrettini è un tiro complesso e istintivo che scende sul prato, ed è a suo agio in rete e nel mescolare i colpi al suo gioco.

Quanto lontano andrà Berrettini la prossima settimana dipende in gran parte dalla sua evidente debolezza: la sua difesa di rovescio. Più in profondità Brittini si muove nel lotto, più giocatori cercheranno di spostarlo sul lato sinistro del campo e metterlo a disagio sul fianco posteriore.

E lunedì affronterà Ilya Ivashka, il 27enne bielorusso classificato 79°, in una gara che Berrettini dovrebbe vincere comodamente. Andando avanti, artisti del calibro di Zverev, Daniil Medvedev e Federer incombono nella metà inferiore. La sua gestione delle sfide imminenti rivelerà molto su di lui.

READ  La Roma 'accorre' a firmare l'Inter Juan Muso dall'Udinese, rivelano i media italiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *