La Polonia afferma che la Bielorussia ha cambiato tattica per la crisi dei confini | Polonia

La Polonia ha affermato che la Bielorussia ha cambiato le sue tattiche nella crisi dei confini dirigendo ora gruppi più piccoli di persone in più punti lungo il confine orientale dell’UE.

Sebbene ci siano segni che la crisi si stia attenuando, il ministro della Difesa Mariusz Bachaczak ha affermato di aspettarsi che lo stallo al confine continui per qualche tempo.

Le guardie di frontiera polacche hanno riferito di nuovi tentativi di attraversamento da parte di diversi gruppi composti principalmente da dozzine di persone, anche se c’era una folla di una delle 200 persone che lanciava pietre e usava gas lacrimogeni.

Dobbiamo prepararci al fatto che questo problema persisterà per mesi. “Non ho dubbi che sarà così”, ha detto Bachaczak alla stazione radio commerciale RMFFM.

“Ora gli immigrati ei servizi bielorussi hanno adottato un nuovo approccio… Piccoli gruppi di persone stanno cercando di attraversare il confine in molti luoghi”, ha detto.

“Non c’è dubbio che questi attacchi siano diretti dai servizi bielorussi”, ha aggiunto.

L’occidente accusa la Bielorussia di aver creato artificialmente la crisi portando persone – per lo più dal Medio Oriente – al confine con la promessa di un facile transito verso l’Unione Europea.

La Bielorussia ha negato la richiesta e ha invece criticato l’Unione europea per non aver accolto i migranti.

Venerdì il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha dichiarato alla BBC che le sue forze hanno aiutato le persone ad entrare nell’Unione europea, ma hanno negato di aver organizzato l’operazione.

“Siamo slavi. Abbiamo cuori. Le nostre forze sanno che gli immigrati stanno andando in Germania… Forse qualcuno li ha aiutati.” “Ma non li ho invitati qui.”

E ci sono state indicazioni questa settimana che la crisi stava iniziando a placarsi dopo che diverse centinaia di persone sono state restituite in Iraq, mentre altre 2.000 hanno lasciato un campo di confine temporaneo per un magazzino vicino.

Le guardie di frontiera polacche hanno affermato che venerdì ci sono stati 195 tentativi di attraversamento illegale.

A 82 stranieri fu ordinato di lasciare il territorio polacco. Cittadini ucraini e tedeschi sono stati arrestati con l’accusa di favoreggiamento.

Hanno aggiunto che ci sono stati più tentativi di attraversare il confine sorvegliato dall’unità nel villaggio orientale di Dubece Sirkeuen.

“Il gruppo più numeroso è composto da circa 200 stranieri e ogni altro gruppo conta decine di persone”, hanno scritto le guardie su Twitter. “Gli alieni erano aggressivi: lanciavano pietre e petardi e usavano gas lacrimogeni”.

Molte persone che sperano di raggiungere l’Unione Europea hanno speso migliaia di dollari per viaggiare in Bielorussia con visti turistici, sperando di attraversare il confine.

Consiglio del venerdì Europa Il commissario per i diritti umani, Dunja Mijatović, ha descritto la situazione umanitaria lungo il confine come “allarmante” e ha chiesto la fine del controverso rimpatrio dei migranti in Bielorussia dalla Polonia.

“Ho ascoltato personalmente i resoconti strazianti dell’estrema sofferenza di persone disperate … che hanno trascorso settimane o addirittura mesi in condizioni dure e dure nelle foreste fredde e umide a causa di queste repliche”, ha detto.

“Tutti i respingimenti devono terminare immediatamente”.

Le madri polacche hanno programmato di tenere una marcia per i diritti dei migranti sabato nella città orientale di Hagnoka.

I media polacchi affermano che almeno 11 persone sono morte dall’inizio della crisi in estate.

La Polonia ha tenuto un funerale per un adolescente siriano che è annegato nel fiume Bug al confine – questa settimana e altri due funerali sono previsti per il fine settimana.

READ  Incendi boschivi in ​​Grecia: i residenti evacuati e l'Acropoli costretta a chiudere mentre gli incendi infuriano vicino ad Atene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *