La polizia del Bangladesh arresta il proprietario della fabbrica dopo che decine di persone sono morte nel fuoco | Bangladesh

La polizia del Bangladesh ha arrestato il proprietario di una fabbrica in cui almeno 52 persone sono state uccise all’inferno, poiché è stato scoperto che lì lavoravano bambini di appena 11 anni.

La polizia ha detto che il proprietario della fabbrica alimentare e quattro dei suoi figli erano tra le otto persone arrestate 24 ore su 24 Giovedì è scoppiato un incendio E preso in prestito per più di un giorno. L’incendio è divampato in serata presso la Hashim Food Factory di cinque piani a Roopganj, fuori Dhaka.

Un’indagine separata è stata avviata sull’uso del lavoro minorile nella struttura.

Gidol Alam, capo della polizia del distretto di Narayangang dove si trova la fabbrica, ha affermato che l’ingresso era chiuso al momento dell’incendio e che la fabbrica aveva violato diverse norme antincendio e di sicurezza. Molti sono rimasti intrappolati morti, molti lavoratori sono saltati dai piani superiori e decine sono rimasti feriti.

I servizi di emergenza hanno trovato 48 corpi al terzo piano della fabbrica.

Un portavoce dei vigili del fuoco ha detto che la porta di uscita della scala principale era chiusa a chiave. Nell’edificio erano immagazzinati prodotti chimici e plastica altamente infiammabili.

Monujan Sofian, ministro di Stato per il lavoro, ha affermato che sono state avviate indagini sull’uso dei bambini che lavorano nella fabbrica.

All’ospedale, Sufian ha detto di aver parlato con due sopravvissuti di 14 anni. Una donna ha detto che suo nipote di 11 anni aveva lavorato in fabbrica ed era scomparso, e si teme la sua morte.

Il Bangladesh ha promesso riparazioni dopo il disastro del Rana Plaza del 2013, quando un complesso di nove piani è crollato, uccidendo più di 1.100 persone.

Ma da allora ci sono stati una serie di incendi e altri disastri. Nel febbraio 2019, almeno 70 persone sono morte a causa di un incendio divampato negli appartamenti di Dhaka, dove erano conservate illegalmente sostanze chimiche.

Il paese ha una storia di disastri industriali, comprese fabbriche che hanno preso fuoco con i lavoratori rinchiusi all’interno. La corruzione continua e il lassismo delle forze dell’ordine hanno portato a molte morti nel corso degli anni e i principali marchi internazionali, che impiegano decine di migliaia di lavoratori sottopagati in Bangladesh, hanno subito pressioni per migliorare le condizioni delle fabbriche dopo che incendi e altri disastri hanno ucciso migliaia di persone .

L’impianto che ha preso fuoco giovedì è una consociata del Sajib Group, una società del Bangladesh che produce succhi sotto la Shezan International, con sede in Pakistan, ha affermato Kazi Abdul Rahman, direttore generale delle esportazioni del gruppo.

Secondo il sito web del gruppo, l’azienda esporta i suoi prodotti in paesi tra cui Australia, Stati Uniti, Malesia, Singapore, India, Bhutan, Nepal, Medio Oriente e Africa.

READ  Il redattore di Teen Vogue estromesso Alexi McCammond è stato fotografato con indosso un costume da nativo americano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *