La polizia cerca di attaccare una scuola in Svezia | Svezia

La polizia in Svezia sta cercando di determinare il motivo per cui uno studente di 18 anni ha ucciso due insegnanti in una scuola a Malmö, mentre emergono nuovi dettagli sull’attacco.

Le due vittime, due donne sulla cinquantina, erano insegnanti della Malmö Latin School, una scuola superiore di arti creative con oltre 1.000 studenti nella terza città più grande della Svezia, ha detto la polizia in una conferenza stampa martedì.

Il capo della polizia Petra Stenkola ha detto che il sospetto è stato arrestato solo 10 minuti dopo essere stato avvisato dell’attacco e non ha opposto resistenza. Secondo un rapporto di Aftonbladet, il presunto aggressore ha chiamato i servizi di emergenza per dirgli dove si trovava e che aveva deposto le armi e confessato le uccisioni.

La polizia è stata allertata dell’attacco alle 17:12 ora locale (16:12 GMT) e una prima pattuglia è riuscita ad entrare nella scuola pochi minuti dopo. Ha aggiunto che la sua vittima giaceva a terra nelle vicinanze. Gli insegnanti sono stati portati in ospedale per cure ma sono stati dichiarati morti più tardi in serata.

Circa 50 studenti e insegnanti erano all’interno in quel momento e le riprese di notizie mostravano poliziotti pesantemente armati ed equipaggiati che ispezionavano l’interno dell’edificio.

Secondo i media, il sospetto, il cui nome non è stato reso noto, era armato di coltello e ascia, sebbene questa informazione non sia stata confermata dalla polizia. Stenkola ha detto che la polizia ha sequestrato “diverse armi che non sono armi da fuoco” sulla scena.

Gli investigatori stanno ora cercando di determinare se il sospetto ha preso di mira in modo specifico o selezionato a caso le sue vittime e se ha pianificato di attaccare più persone.

READ  Afghanistan: l'Occidente potrebbe affrontare un altro 11 settembre e una crisi di massa di rifugiati se abbandona il paese, afferma il consigliere per la sicurezza del Pakistan | notizie dal mondo

“Non sappiamo ancora se ha qualche legame con questi dipendenti”, ha detto Stenkola ai giornalisti.

Lo studente “non ha precedenti penali”, ha detto, aggiungendo che la polizia stava esaminando il suo passato e i suoi movimenti prima dell’attacco. Ha aggiunto che gli investigatori stanno perquisendo la casa del sospetto nella vicina città di Trelleborg.

Il primo ministro svedese Magdalena Andersson ha espresso la sua tristezza e sgomento per l’attacco.

Nella scuola secondaria, che martedì ha chiuso con la bandiera svedese a mezz’asta alzata, è stato formato un gruppo di sostegno per insegnanti e studenti, hanno detto le autorità locali.

“Tutti sono scioccati. Un insegnante della scuola, che non voleva essere identificato, ha detto martedì all’AFP di essere stato devastato. “È un crimine orribile. Ha detto in piedi fuori dalla scuola dove un gruppo di circa 20 alunni si stava abbracciando e piangendo, alcuni con fiori sdraiati per terra.

“È triste che sia successo qui, in un luogo in cui io e molti altri studenti ci sentiamo al sicuro. È una scuola calda e amorevole”, ha detto la studentessa di 18 anni Lydia Kronberg.

“Non è più come prima… Sarebbe difficile tornare indietro per un memoriale. Lo prenderemo un giorno alla volta”, ha detto.

Gli attacchi alle scuole sono relativamente rari in Svezia, ma negli ultimi mesi si sono verificati diversi incidenti gravi nelle scuole della Svezia meridionale.

A gennaio, un sedicenne è stato arrestato dopo aver ferito con un coltello un altro studente e insegnante in una scuola della cittadina di Kristianstad.

Questo incidente è stato collegato a un attacco con coltello simile nell’agosto 2021 nella città di Islov, a circa 30 miglia di distanza, quando uno studente ha aggredito un impiegato scolastico di 45 anni.

READ  Tracciata in tempo reale dell'uragano Henry - Tempesta tropicale declassata a causa dell'alluvione di New York appena prima dell'approdo nel nord-est

Non è stato stabilito alcun collegamento tra questi due eventi e l’attacco di Malmö.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *