La NASA vede una “ragionevole opportunità” per lanciare l’SLS per la prima volta quest’anno

WASHINGTON – La NASA rimane cautamente ottimista sul fatto che il primo lancio del missile Space Launch System potrebbe avvenire prima della fine dell’anno nonostante debba condurre un secondo fuoco di prova dello stadio primario del missile.

Questo test, il culmine della campagna d’esame Green Run per la fase primaria iniziata all’inizio del 2020, è previsto per il 25 febbraio presso lo Stennis Space Center nel Mississippi. I motori RS-25 a quattro stadi dovrebbero accendersi intorno alle 17:00 EST, supponendo che il conto alla rovescia vada secondo i piani, hanno detto i funzionari durante una chiamata del 19 febbraio con i giornalisti.

Questo secondo test a caldo Green Run è stato condotto perché il primo test, il 16 gennaio, Terminato dopo 67 secondi, Molto meno dei 485 secondi previsti. In seguito i responsabili del programma hanno affermato che l’arresto anticipato è stato attivato quando il sistema idraulico di uno dei motori ha raggiunto i limiti “intenzionalmente conservativi” nel programma di volo. La NASA lo ha annunciato il 29 gennaio Continuerai con il secondo test.

I funzionari della NASA inizialmente hanno suggerito che i preparativi per il lancio potrebbero andare avanti senza il secondo test Green Run, ma hanno concluso che un secondo tiro di prova potrebbe essere effettuato con rischi minimi sul palco di base, che sarebbe stato sparato al lancio di Artemis 1.

Lo Space Safety Advisory Group della NASA ha accolto con favore questa decisione. “Siamo lieti che la NASA abbia deciso di procedere con il secondo tentativo di bruciare a termine la sezione principale al fine di ottenere dati vitali in quella fase finale della serie di test Green Run”, ha detto Patricia Sanders, presidente del comitato. alla riunione del 18 febbraio. “È stata davvero una buona decisione e una decisione positiva per una maggiore riduzione del rischio e il successo finale”.

READ  'Life Extraterrestrial' mostra come potrebbe funzionare una colonia sulla Luna

In un briefing del 19 febbraio, i funzionari del progetto hanno suggerito che il secondo test non deve durare otto minuti interi per avere successo. “La soglia dei quattro minuti è qualcosa che guardiamo da molto tempo”, ha detto John Honeycutt, responsabile del programma SLS presso il Marshall Space Flight Center della NASA. “Più a lungo corriamo, più dati otteniamo”.

Julie Basler, responsabile delle fasi SLS presso Marshall, ha detto che l’agenzia ha 10 “obiettivi di controllo dettagliati” per i test a fuoco caldo per confermare che il veicolo corrisponda alle prestazioni previste per il lancio dell’SLS. Il test precedente ha soddisfatto tre di questi obiettivi, con dati parziali per gli altri sei obiettivi e nessun dato per l’ultimo obiettivo. “Se andiamo per quattro minuti, raccoglieremo tutti i dati per quei 10 minuti.”

Ha detto che correre più di quattro minuti fornirà dati per gli obiettivi dei test delle scuole superiori, ma non è necessario per soddisfare i “criteri minimi di superamento” per il test. “Uno dei motivi per cui vuoi passare otto minuti è perché corrisponderà esattamente a ciò che faremo per il lancio”, ha poi indicato.

La tappa principale è pronta per i test, nonostante alcune complicazioni nei giorni scorsi dovute alle tempeste invernali e al clima insolitamente freddo nello Stennis. “L’auto non ha avuto bisogno di un grande aggiornamento dopo il primo incendio.” John Shannon, vicepresidente e direttore del programma SLS alla Boeing, ha dichiarato: “Ne è uscito in gran forma. Ha stimato che, se il secondo test fosse andato bene, lo stadio di base potrebbe essere rinnovato e posizionato su una chiatta per la spedizione al Kennedy Space Center in circa 30 giorni.

READ  La rivendicazione del gigantesco "nono pianeta" ai margini del sistema solare è stata danneggiata | Scienza

Una volta al KSC, lo stadio base sarà combinato con due ripetitori a razzo solido in cinque parti, lo stadio superiore e la navicella spaziale Orion per lanciare Artemis 1. La NASA aveva precedentemente affermato che il lancio sarebbe avvenuto a novembre, ma anche prima del primo test di fuoco Gennaio, ha riconosciuto che c’è un margine limitato su questo programma.

Tom Whitmire, vicedirettore per lo sviluppo dei sistemi di esplorazione presso la sede della NASA, ha affermato di essere ottimista sul fatto che Artemis 1 possa essere lanciato prima della fine dell’anno. Ha indicato che il calendario “inevitabile”, supponendo che tutto stesse andando bene, consentirebbe un lancio già in ottobre.

Tuttavia, ha ammesso più tardi nella chiamata che era improbabile che tutto sarebbe andato esattamente secondo i piani. “Ci vorrà un po ‘più di tempo. Abbiamo qualche curva di apprendimento da percorrere, come i primi interventi chirurgici e le complicazioni del tempo e della pandemia”, ha detto. “Lo vedremo più tardi, ed è davvero difficile prevedere la data esatta”.

Il lancio è previsto ancora quest’anno. “Riteniamo di avere una ragionevole opportunità di lanciare quest’anno”, ha detto. “Prima di tutto, dobbiamo davvero fermare questo incendio dietro di noi. Questa è la cosa più importante davanti a noi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *