La moglie del capitano della Marina italiana nega le accuse di essere una spia russa | Italia

La moglie di un capitano della marina italiana, arrestata questa settimana con l’accusa di aver passato documenti riservati a un ufficiale russo, ha detto che suo marito deve aver agito “per disperazione”.

Le tensioni tra Roma e Mosca si sono intensificate dopo che mercoledì il ministero degli Esteri italiano ha ordinato l’espulsione di un ufficiale militare russo presumibilmente coinvolto nel caso di spionaggio e di un altro funzionario.

Il capitano della Marina, identificato dalla stampa italiana come Walter Piot, è stato arrestato martedì notte dopo essere stato arrestato dalla polizia Presumibilmente, sono stati consegnati file riservati Per un impiegato dell’Addetto Militare dell’Ambasciata Russa in cambio di denaro.

La moglie di Peyote, Claudia Carbonara, ha detto di non essere a conoscenza delle presunte azioni del marito, ma ha insistito sul fatto che non era una spia.

“Se prendeva i soldi, lo faceva per disperazione”, ha detto a La Stampa. “Non è un traditore … se sbaglia, lo ha fatto perché dobbiamo tanto. Abbiamo quattro figli, uno di loro è malato, ei costi non finiscono mai.”

Bayut, 55 anni, avrebbe detto alla polizia dopo il suo arresto che era fortemente indebitato e aveva un figlio con problemi di salute.

Secondo quanto riferito, l’incontro si è svolto martedì sera nel parcheggio di un centro commerciale a Roma, dove Biot avrebbe ricevuto 5.000 euro (4.200 sterline) in contanti in cambio di documenti che si dice provenissero da un’unità del Ministero della Difesa italiano. La polizia ha sequestrato il denaro non appena è stato sostituito.

I sospetti di spionaggio sono emersi per la prima volta circa quattro mesi fa dopo che l’Agenzia italiana di intelligence e sicurezza interna ha indicato che c’era una relazione tra il capitano della marina e il funzionario russo. Biot avrebbe ricevuto 40.000 euro per aver venduto file NATO “top secret” e file militari italiani sensibili.

READ  Dentro la città più fredda d'Europa che è diventata una spaventosa città fantasma deserta - notizie dal mondo

Il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio ha dichiarato mercoledì al Senato che il presunto scambio è stato un “atto di ostilità estremamente pericoloso”. Non ha chiarito il presunto ruolo del secondo funzionario russo.

Il ministero degli Esteri russo ha rilasciato una dichiarazione dicendo che avrebbe rilasciato un’altra dichiarazione “riguardo ai nostri possibili prossimi passi in merito a una situazione incompatibile con il livello delle relazioni bilaterali”.

Il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab ha scritto su Twitter che il Regno Unito “è solidale con l’Italia, denuncia e prende provvedimenti contro l’attività maligna e destabilizzante della Russia volta a minare il nostro alleato della NATO”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *