La maggioranza degli elettori francesi concorda con i leader militari che minacciano =

Christian Bikemal, i comandanti dell’esercito lo hanno privato dei suoi privilegi

Bikemal, 80 anni, ex generale della Legione Straniera, guida i firmatari della lettera arrabbiata a Emmanuel Macron.

È stato privato dei suoi privilegi come ufficiale in pensione dopo il suo arresto in una manifestazione contro l’immigrazione a Calais nel 2016.

Erano presenti anche membri del movimento anti-islamico PEGIDA.

Christian Bikkmal parla a una manifestazione a Calais nel 2016. Alla manifestazione ha partecipato PEGIDA, un movimento anti-islamico che ha avuto origine in Germania.

Bikmal ha negato di sapere che PEGIDA sarebbe stato lì e ha negato che la sua protesta fosse razzista.

Si diceva che il generale fosse il leader de facto del raduno, ma in seguito fu assolto da un giudice, mentre altri furono condannati a multe.

Bikemal, che si è ritirato nel 2000, è stato privato del diritto di indossare un’uniforme militare e ha perso la carta d’identità del suo ufficiale militare. Tuttavia, il suo grado non è stato ritirato.

Emmanuel de Reichowitz, “Generale dei sobborghi”

Dopo essersi diplomato alla prestigiosa scuola militare di Saint-Cyr fondata da Napoleone, de Reichowitz è stato assistente del primo ministro francese Pierre Moroy dal 1981 al 1984.

Ha prestato servizio in Iraq, Africa e Bosnia.

È conosciuto come il ‘Generale dei sobborghi’ dopo aver scritto un libro intitolato Another Late War nel 1992.

Bambini che celebrano la visita del generale francese Emmanuel de Reichowitz durante la sua visita nella regione della Costa d'Avorio Centrale a Sacasso nell'agosto 2003

Bambini che celebrano la visita del generale francese Emmanuel de Reichowitz durante la sua visita nella regione della Costa d’Avorio Centrale a Sacasso nell’agosto 2003

Il generale ha cercato di allertare l’opinione pubblica su “veri ghetti alla periferia delle città”, avvertendo che era necessario un intervento per integrare i giovani svantaggiati.

READ  Anxiety in Senegal after losing the "best student" in Paris

Il partito Marine Le Pen ha rappresentato il Rally nazionale alle elezioni locali a Le Grau-de-Roi nel 2019.

L’anno scorso ha abbandonato Le Pen per entrare a far parte del Depot La France (“France Arise”), un partito scettico europeo di destra.

Jean-Pierre Fabre-Bernadac, ex capo della polizia e attivista dei gilet gialli

Jean-Pierre Fabre-Bernadac, ex capo della polizia

Jean-Pierre Fabre-Bernadac, ex capo della polizia

Faber-Bernadac è il direttore di Place Armes ed è “aperto a tutti i pensionati, attivi e riservisti che amano la Francia e capiscono che la Francia è sull’orlo di un precipizio”.

Nel 2018 ha partecipato alle proteste dei giubbotti gialli contro il governo Macron.

ultimamente Aspetto radiofonicoLa Faber-Bernadac ha espresso il suo dolore per l ‘”omertà” che ruota attorno al tema dell’immigrazione, sostenendo che gli omicidi e le aggressioni commessi dagli immigrati non sono stati coperti dai media.

Lo ha descritto come “terribili doppi standard”.

E in un’altra recente apparizione sui media, ha detto: “I francesi non si fidano dei politici, ma si fidano dell’esercito”.

Antoine Martinez, un ex generale dell’Air Force

Martinez è stato anche coinvolto nel clamore intorno alla marcia di Calais organizzata da Bikmal nel 2016.

Il sito web è ospitato da Volunteers for France.

In un video girato nel novembre dello scorso anno per Volontari per la Francia Su YouTube, Martinez ha descritto come la crisi del coronavirus abbia mascherato quella che crede sia la questione più urgente dell’estremismo islamico.

Ha scritto in un articolo di accompagnamento: “ Non ha senso, infatti, lasciare i nostri soldati nei teatri stranieri per proteggerci, se i nostri comandanti si arrendono, nonostante le prove, a nominare il nemico e combatterlo sul nostro suolo. ”

Francois Joubert, alleato di Le Pen

Francois Joubert

Joubert, 77 anni, un altro laureato del Collegio di addestramento per ufficiali di Saint-Cyr, ha trascorso quattro decenni nella Marina in operazioni all’estero, comprese in Africa e nell’Oceano Indiano e nel Pacifico, a Berlino dopo la caduta del muro ea Sarajevo, a la fine della guerra in Bosnia.

Ritirato nel 2002.

È entrato a far parte del Front National nel dicembre 2012 ed era in corsa per le elezioni del consiglio a Montpellier.

Eletto cancelliere nel 2015.

Oggi è il cancelliere del National Caucus in Occitanie.

I venti generali:

Christian Bikmal, Gilles Barry, Francois Joubert, Emmanuel de Reichovetz, Michel Jocelyn de Nuray, André Cousteau, Philippe Desrosso de Medrano, Antoine Martinez, Daniel Grossmeyer, Robert Janeirod, Pierre-Dominique Iguybiers, Roland Dubois, Dominique Delawarole, Jean de Caucheray Brigant , Alfred Lieberton, Jay Durand e Gerard Blaster.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *